Connect with us

ARTISTS BIO ARCHIVE

U ROY

Published

on

Ewart Beckford – U ROY Settembre 21 1942 – Febbraio 17 2021
Conosciuto come The Originator, U Roy non è stato il primo DJ, né il primo a incidere un disco, ma è stato il primo a scuotere la nazione e ha dato vita a uno stile così distintamente unico che ha cambiato da solo la scena musicale della sua patria per sempre. Nato Ewart Beckford a Jones Town, Giamaica, nel 1942, ha ricevuto il suo famoso moniker da un giovane membro della famiglia incapace di pronunciare correttamente Ewart e il soprannome è rimasto.
L’ascesa alla fama di U Roy è stata lenta e ha richiesto quasi un decennio. Ha iniziato nel 1961, facendo il DJ al sistema audio Dynamite del Doctor Dickie. Alla fine, è passato all’abito di Sir Mike the Musical Thunderstorm, e poi nel 1968 al sound system di Sir George the Atomic. Il DJ è stato poi attirato via da Coxsone Dodd; tuttavia, stancandosi presto di suonare il secondo violino al veterano di lunga data King Stitt, tornò da Sir George. Più o meno nello stesso periodo, incontrò un’altra figura reale, King Tubby, che allora lavorava come taglia-dischi nello studio di Duke Reid. Il meccanico stava appena iniziando i suoi esperimenti musicali che alla fine lo portarono a sviluppare il dub, e al momento stava regalando i suoi dischi sperimentali di proto-dub a una manciata dei suoi DJ preferiti. L’anno successivo, King Tubby lanciò il suo sistema audio Hi-Fi e introdusse U Roy come suo miglior DJ. A quel punto, il DJ si era affermato come uno dei migliori talenti della scena del sistema audio. Il produttore Keith Hudson fu il primo a riconoscere le possibilità e portò U Roy in studio alla fine del 1969 per tagliare la canzone “Dynamic Fashion Way”. Tuttavia, il nastro è rimasto in studio mentre il produttore è andato in viaggio negli Stati Uniti e il DJ è andato a tentare la fortuna altrove. Lee Perry ha accoppiato gli U-Roy con Peter Tosh e ha registrato “Selassie”, una versione dell'”Ethiopian National Anthem” di Ras Michael & the Sons of Negus. Il singolo fu originariamente accreditato ai Reggae Boys e nella sua successiva ristampa, con il titolo “Earth’s Rightful Ruler”, fu poi accreditato a Peter Tosh e Hugh Roy, un’ortografia a cui il DJ avrebbe aderito per diversi anni.
U Roy ha inciso un altro singolo con Perry “O.K. Corral” poi è passato a Keith Hudson, per il quale ha registrato “Dynamic Fashion Way”, e Bunny Lee, con il quale ha inciso “King Of The Road”. Successivamente ha collaborato con il produttore Lloyd Daley per due singoli, “Scandal” e “Sound Of The Wise”, che come i loro predecessori, hanno creato scalpore tra le folle del sound system di base, ma a malapena hanno registrato oltre.
John Holt cambierà tutto questo. Una notte all’inizio del 1970, partecipò a una festa del sistema audio e vide U Roy fare il DJ. Il cantante rimase sbalordito, non ultimo perché il chiacchierone esortava la folla entusiasta a parlare del successo di Holt “Wear You To The Ball”. Il giorno successivo il cantante andò in giro per vedere Duke Reid e dichiarò categoricamente che il produttore doveva registrare il DJ. Reid era convinto e U Roy è stato prontamente messo in studio per registrare due canzoni, oltre ai classici singoli di Treasure Isle, ovviamente. La prima uscita, “Wake The Town”, ha fatto esattamente questo e una Giamaica eccitata ha spedito rapidamente il singolo in cima alle classifiche. Quella canzone era una versione di “Girl I’ve Got A Date” di Alton Ellis; il successivo, “Rule The Nation”, venne registrato sulla base di “Love Is Not A Gamble” dei Techniques, e quel singolo fu profetico come il primo. Anch’essa ha sbancato nelle classifiche, così come il suo seguito, “Wear You To The Ball”. Per un mese e mezzo, tutti e tre i singoli sono stati coraggiosamente nei primi tre posti nelle classifiche giamaicane. U Roy ha continuato a registrare altre 29 canzoni con Reid, tutte le versioni dei singoli più amati della Treasure Isle. La compilation del 1970 dell’etichetta Frontline “Version Of Wisdom” ha raggruppato gran parte del lavoro classico del DJ per Reid, riunendo due album precedenti: “Versions Galore”, inizialmente pubblicato dalla Trojan nel 1971, e la compilation del 1979 della Frontline with “Words Of Wisdom”.
L’etichetta British Attack mette in mostra anche una sfilza di questo materiale sulle produzioni di U Roy del 1974, mentre “Ace From Out Of Space” della Trojan ne raccoglie 30. La collezione definitiva proviene dall’etichetta francese Esoldun e “Super Boss” vanta tutti i tagli classici che il DJ ha registrato per Reid.
Ogni produttore in città ora stava gareggiando per registrare il DJ, saccheggiando i loro cataloghi posteriori per ritmi appropriati. Sulla scia di U Roy arrivò una marea di giovani speranzosi, Dennis Alcapone, I Roy, Big Youth, Scotty, Lizzy, U Roy Junior e molti, molti altri. Molti di questi primi progenitori della scena DJ, U Roy incluso, possono essere trovati nella compilation dell’etichetta Trojan “With A Flick Of My Musical Wrist”.
Lo stesso U Roy non avrebbe mai più piazzato tre singoli in cima alla classifica, ma ha continuato ad avere grandi successi e si è fatto strada felicemente per gli studi. Ha registrato una serie di canzoni degne di nota per il produttore Alvin Ranglin, tra cui “Way Down South” (una versione del successo di Billy Dyce “Take Warning”) e “Nana Banana”.
Nel 1975, U Roy ha collaborato ancora una volta con Bunny Lee, registrando un certo numero di canzoni con il produttore. Nel 1983, l’etichetta Vista Sounds pubblicò remix di questi tagli come “DJ Masterpieces”, che vanta anche brani di altri DJ, tra cui U Roy, registrati per il produttore. Ora l’eroe in carica della scena DJ giamaicana, U Roy sarebbe arrivato all’attenzione internazionale tramite una fonte totalmente inaspettata. Sorprendentemente, il duo soul-lite americano Hall & Oates ha registrato una cover del successo dei DJ “Soldering” nel loro album omonimo. Ciò ha spinto l’etichetta Virgin a firmarlo e, in coppia con il produttore Prince Tony Robinson, U Roy ha registrato il suo album di debutto “Dread Inna Babylon”, sostenuto dalla Skin, Flesh & Bones Band. L’anno successivo “Natty Rebel”, sempre con Robinson al timone, trovò il DJ ora supportato dai ritmi radicali di Lloyd Parks e Sly Dunbar, e accompagnato da un paio di cantanti.
U Roy stava ora raggiungendo l’apice del suo potere. I suoi brindisi erano assolutamente rilassati e colloquiali, ma sempre in perfetta sincronia con i ritmi. Il DJ aveva ora ottenuto un seguito significativo anche nel Regno Unito e nell’agosto del 1976 visitò la Gran Bretagna per la prima volta. Si è esibito al London Lyceum, sostenuto dai sempre eccellenti Revolutionaries, e l’EP Live del 1978 è stato tratto da questo spettacolo fenomenale. Tornato in Giamaica, U Roy iniziò a registrare il suo nuovo album, “Rasta Ambassador”, riempiendo lo studio di musicisti e cantanti, 15 in tutto. I Gladiators hanno fornito una voce di supporto particolarmente sonora, mentre la band, guidata dal team ritmico di Sly & Robbie, ha creato un suono di radici profonde appropriato al titolo dell’album e accentuato dalla produzione profondamente doppiata di Robinson.
In qualche modo, U Roy ha trovato il tempo nel suo programma fitto di appuntamenti per lanciare il suo sistema audio, Stur-Gav, quell’anno. Ha anche continuato a gestire le sue etichette, Del-Ma e Mego-Ann, che il DJ aveva creato alcuni anni prima. Il 1978 ha portato un nuovo album, “Jah Son Of Africa”, probabilmente il migliore di U Roy. Ancora una volta riesce a costruire un superbo cast di supporto (questa volta i Gladiators sono stati raggiunti da Ken Boothe), l’album ha messo in mostra il DJ al suo apice culturale. Doveva essere il suo ultimo album per la Virgin. Nel 1991, l’etichetta pubblicò l’album “Natty Rebel – Extra Version”, che prendeva brani sia da “Natty Rebel” che da “Jah Son Of Africa”, e includeva anche l’EP Live. Un cofanetto di tre CD in edizione limitata “Three From The Frontline” è apparso lo stesso anno e ha raggruppato insieme “Version Of Wisdom”, “Rasta Ambassador” e “Natty Rebel Extra Version”.
Alla vigilia delle elezioni del 1980, Stur-Gav fu vittima della violenza che colpì la Giamaica e l’impianto audio fu distrutto. Imperterrito, U Roy lo ha rilanciato l’anno successivo e ha portato nuovi DJ, tra cui le star emergenti Josey Wales e Charlie Chaplin. U Roy avrebbe collaborato con il primo per il divertente Teacher Meets the Student, le cui tracce risalgono a questo periodo. Ma forse il DJ stava assumendo troppo tra il suo sistema audio, le etichette e le apparizioni dal vivo, per il suo prossimo album, “Love Is Not A Gamble”, ha mostrato un netto calo degli standard. U Roy sembrava riconoscerlo e successivamente la sua produzione registrata è rallentata fino a diventare un rivolo di singoli. Tuttavia, ha continuato a esibirsi dal vivo e sul palco e il suo potere è rimasto intatto.
Nel 1982, è apparso per la prima volta al Reggae Sunsplash e una canzone del suo potente set può essere ascoltata nella compilation Best of Festival – Day One. Nel 1983, il DJ era dietro il superbo album King Stur-Gav Hi Fi Lee Unlimited, una sessione live registrata sul suo sistema audio che presentava una serie di DJ cruciali da Dillinger al giovane Beenie Man, i suoi due protetti preferiti Charlie Chaplin e Josey Wales, così come lo stesso U Roy. Il seguito, King Stur-Gav Sounds Live at Clarendon J.A., sorprendentemente non presenta affatto U Roy, tranne che in qualità di selezionatore. L’anno successivo portò l’eccellente singolo “Hustling”, tagliato per il produttore Gussie Clarke, “Get Ready” registrato per Ossie Thomas, e un impegno di ritorno al Reggae Sunsplash quell’anno, con una seconda apparizione nel 1985.
Il silenzio seguì poi per due anni; poi, come per recuperare il tempo perduto, nel 1987 U Roy è tornato a registrare con una vendetta. Ha collaborato con Tappa Zukie per l’album “Line Up And Come”, uno straordinario ritorno alla forma che ha guadagnato crudelmente poco preavviso. Nello stesso anno pubblicò anche “Music Addict”, supervisionato da Prince Jazzbo. Tuttavia, a metà di quest’ultimo album, il DJ sembra esaurito. Successivamente, U Roy ancora una volta è caduto in un lungo silenzio, almeno in studio; ha trovato la sua voce per il Reggae Sunsplash la prossima estate, però, e l’ha tenuta ben allenata per un’altra apparizione nel 1990.
L’anno successivo lo ritrovò a Londra, sul palco dell’Hammersmith Palais di Londra. Ma durante tutto questo tempo, il DJ ha continuato a tenersi alla larga dallo studio di registrazione. Fu il produttore britannico Mad Professor a convincerlo a tornare nel 1991 per l’album True “Born African”. Da allora, U Roy ha continuato a registrare sotto l’egida del Professore. “Smile A While” è apparso nel 1993 e comprendeva una serie di guest star, tra cui Yabby You, Aisha, Sandra Cross e l’eroina del Lovers Rock con Susan Cadogan. Per inciso, il titolo dell’album è stato ispirato da una battuta del vecchio successo del DJ “Flashing My Whip” (“sorridi un po ‘e riposa la tua faccia”). Sempre nel 1993, il DJ è stato ospite dell’album “Work So Hard” di Nolan Irie. Nel 1996, U Roy si unì a Susan Cadogan per un remake del suo classico di successo “Hurt So Good”, che il DJ aveva precedentemente modificato in “Smile A While”. U Roy ha anche pubblicato il suo nuovo album quell’anno “Babylon Kingdom Must Fall”. Passarono altri quattro anni prima che il suo seguito arrivasse nei negozi. “Serious Matter” nel 1999 ha trovato il DJ brindare per le canzoni classiche di un album, accompagnato da una schiera di cantanti veterani, Dennis Brown, Gregory Isaacs e Horace Andy tra loro.
U Roy è inarrestabile e continua a registrare in studio altri album come “Now” nel 2001 con la collaborazione di tanti artisti, “Old School / New Rules” nel 2007 prodotto da Mad Professor, “Pray Fi Di People” nel 2012 e l’ultimo album “Talking Roots” nel 2018 ancora prodotto da Mad Professor.

Il mio primo incontro con gli U Roy avvenne durante la rassegna ‘Reggae Connection’ 87 ‘a Roma presso Palazzo Civiltà del Lavoro, zona Eur, il 17 luglio 1987 dopo uno strepitoso concerto supportato dalla “Undivided Roots Band” gli chiesi alcune precisazioni all’incirca nel periodo elettorale giamaicano molto triste nel periodo 1979-1980, in cui il suo sound system “Stur-Gav Sound” fu completamente distrutto e centinaia di persone degli schieramenti politici opposti, tra JLP e PNP, furono uccise.
“In Giamaica a quel tempo, il peso della politica, dell’oppressione, della polizia ceca e della violenza militare contro Rastas era insopportabile, diversi artisti e cantanti subirono diverse minacce di morte, vedi lo stesso Bob Marley insieme alla moglie Rita, con l’attacco del 3 dicembre, 1976, due giorni prima del famoso “One Love Peace Concert”, le sparizioni di artisti come Jacob Miller, Hugh Mundell, Prince Far I, la dicono lunga sul fatto che i rivali delle due parti erano troppo sanguinosi. Va detto, tuttavia, che c’erano personaggi estranei alla Giamaica e alla sua cultura, si parlava di alcuni rappresentanti ben nascosti ma ben organizzati della CIA sì, la CIA americana, che agitava le strade per il JLP e contro il socialismo del PNP. Sono discorsi troppo lunghi da raccontare, meglio parlare di musica, amore, armonia e fede, la musica reggae trasmette questo messaggio, contro ogni tipo di violenza, sfruttamento e oppressione ”.
A questo punto è sorta la domanda d’obbligo: “Quale degli album prodotti insieme al principe Tony Robinson ha trovato l’ispirazione migliore, il rapporto con i musicisti e con lo stesso Tony?”, “Sono tutte ottime registrazioni, sono contento anche di il fatto che artisti come Ken Boothe and the Gladiators abbiano contribuito ai miei dischi, arricchendo la sonorità del suono prodotto, e devo dire che i dischi che mi ricordano più di quel periodo sono “Dread In A Babylon” e “Jah Son Of Africa”, ma non dimentichiamoci di “Natty Rebel” dove canto una canzone del grande Bob Marley “I’m Soul Rebel”.

Con U Roy quindi troviamo un’anima dolce e ribelle allo stesso tempo che ci fa ancora ballare e sognare e ci mancherà tanto, a tutti noi e in tutto il mondo.

Advertisement
One Love Associazione Culturale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto !!