Connect with us

ARTISTS BIO ARCHIVE

ROLANDO ALPHONSO

Published

on

Roland Alphonso OD o Rolando Alphonso alias “The Chief Musician” (12 gennaio 1931-20 novembre 1998) è stato un sassofonista tenore giamaicano, e uno dei membri fondatori degli Skatalites.

Il sassofonista Roland Alphonso è stata una delle più importanti figure di ska precoce e reggae su diversi fronti: le sue registrazioni come solista e direttore d’orchestra, il suo lavoro come un membro dei Skatalites, la sua prolifica di registro di presenze di sessione in 1960 registrazioni giamaicani, e il suo ruolo arrangiatore per Studio One. Anche se le sue radici erano nel jazz, ha suonato come un adolescente e giovane, ha adattato al emergente musica popolare giamaicana così bene che è diventato uno dei suoi innovatori definiscono. Certamente è stato uno dei più affermati strumentisti di musica reggae; mentre molte corna sulla ska e rock dischi costanti del 1960 sono stonato o lamentoso, il tono di Alphonso era in combutta con jazzisti americani ed i giocatori R & B. La sua versatilità ha permesso per una vasta gamma di materiale registrato, di up-tempo novità ska e ballate che hanno mostrato la sua abilità di improvvisazione jazz a numeri con un progetto di R & B.

Nato a Cuba nel 1931 da madre giamaicana e padre cubano, Alfonso si trasferì in Giamaica con la madre quando aveva due anni. Come un adolescente in fine degli anni ’40, ha iniziato a suonare professionalmente con band di jazz su tenore e sax alto, prendendo Illinois Jacquet come una delle sue ispirazioni. Dai primi anni ’50, stava già registrando come session man, sui lati b dei 45 giri di artisti calypso come Young Kitchener. Nel 1956, ha fatto le sue prime tracce con il produttore Coxsone Dodd, e anche se quelli sono stati persi quando sono stati inviati a New York per ottenere padronanza, Alfonso divenne ben presto una caratteristica di sessioni di Dodd in studio alla Federal Records. Dalla fine degli anni ’50 in poi ha registrato spesso con il proprio nome, sia per Dodd e per altri produttori, come Duke Reid.

Nei primi anni ’60, Alfonso ha aperto la strada al suono ska su strumentali che corrispondeva R & B e influenze boogie dagli Stati Uniti con i ritagliate, veloci ritmi della Giamaica. E ‘diventato una parte importante della scena a Studio One operazione di Dodd, giocando contralto, tenore, baritono e sassofoni, così come flauto. Ha anche lavorato come arrangiatore e ha contribuito a grandi gruppi emergenti, tra cui Bob Marley & the Wailers. E verso la fine del 1963, ha collaborato con diversi altri musicisti giamaicani migliori per formare gli Skatalites, il gruppo strumentale più importante ska (che ha anche fornito sostegno in studio per cantanti vitali, come i Wailers).

Gli Skatalites si sciolsero nel mese di agosto del 1965, ma Alfonso ha continuato a suonare e registrare in nuova formazione dei Soul Brothers, che ha compiuto nei Soul Vendors dal 1967. Per tutto il tempo continuò a registrare, sia come parte di quelle band di primo piano o sotto il suo nome. La sua musica, così come gli accordi, tenevano il passo con le tendenze contemporanee, come dimostrato in “Do It Good” (registrato nel 1966, ma non rilasciato fino al 2000), che ha linee corno funky, non lontani dai dischi di James Brown dell’epoca.

Nei primi anni ’70, fu colpito da un ictus all’età di 41 anni ed è stato in grado di recuperare abbastanza rapidamente, tuttavia, nel trasferirsi negli Stati Uniti alla fine del 1972 e ben presto tornare a svolgere e la registrazione. Con gli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, è stato attivo sul New York-zona circuito live con la band Jah Malla.
Gli Skatalites riformatosi per la prima volta nel 1983, e negli anni 1980 e 1990, avrebbero dovuto girare il mondo e registrare, ricevendo molto più fama internazionale che hanno avuto nella loro metà degli anni ’60 periodo di massimo splendore. Nel 1980 ha anche registrato un LP da solista, Roll On. Ha sofferto molto per un vaso sanguigno che scoppiò in testa durante uno spettacolo degli Skatalites a Hollywood nel novembre 1998 e morì dopo un’altra ricaduta poche settimane dopo.

 

Advertisement

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto !!