Connect with us

ARTISTS BIO ARCHIVE

JACKIE MITTOO

Published

on

Donat Roy Mittoo – Jackie Mittoo Marzo 3 1948 – Dicembre 16 1990
Il virtuoso della tastiera Jackie Mittoo è stato tra le vere leggende del reggae un membro fondatore degli Skatalites e un cantautore straordinariamente prolifico, è stato forse il più influente come mentore di innumerevoli giovani artisti, principalmente attraverso il suo lavoro come direttore musicale presso il famoso Studio Uno. Nato come Donat Roy Mittoo a Browns Town, in Giamaica, il 3 marzo 1948, ha iniziato a suonare le tastiere all’età di quattro anni, ed era raramente lontano da un pianoforte durante la sua adolescenza, esibendosi professionalmente in gruppi tra cui i Vagabonds ei Vikings. Ha spesso saltato la scuola per suonare con le band nei vicini Federal Studios, ed è stato lì che incontrò il produttore Coxsone Dodd, che lo reclutò per le sessioni di registrazione. Mentre frequentava il Kingston College, iniziò a suonare con il compagno di studi Augustus Pablo, e alla fine formarono un trio, denominato “The Jackie Mitree” che eseguì le sue composizioni originali.
Nel 1962, Mittoo stava guadagnando attenzione in tutta l’isola per il suo lavoro nella band degli “Sheiks”, una delle attrazioni dei club più ambite della Giamaica. Nonostante si ribattezzassero “The Cavaliers Orchestra”, la loro popolarità continuò a crescere senza perdere un colpo. Quando Dodd aprì lo Studio One a Kingston nel 1963, incaricò Mittoo di servire come direttore musicale, ma negli anni a seguire suonò praticamente su tutti i dischi prodotti dallo studio, arrangiando gran parte del materiale e aiutando a sviluppare nuove canzoni fino a quando non furono sufficientemente rifinite per soddisfare gli standard. Nei primi mesi del 1964, Mittoo iniziò a formare una nuova band con i frequentatori abituali dello Studio One Tommy McCook, Lloyd Brevette e Lester Sterling, oltre a Lloyd Knibb e Johnny Moore dei Cavaliers, soprannominandosi gli Skatalites, sarebbero diventati la band ska per eccellenza del periodo, insieme al leggendario trombonista Don Drummond, il gruppo è durato solo 14 mesi, dal giugno 1964 all’agosto 1965, ma la loro influenza sulla musica in tutto il mondo rimane incalcolabile.
Dopo la rottura degli Skatalites, Mittoo iniziò una carriera da solista, ottenendo un grande successo con la sua interpretazione di “Fatty Fatty” degli Heptones. Il successo strumentale “Ram Jam” registrato nel 1967, lo portarono a realizzare una serie di album strumentali, tra cui “In London”, “Evening Time”, “Keep On Dancing”, “Now” e “Macka Fat”.
Allo stesso tempo, Mittoo continuò il suo ritmo incessante allo Studio One, secondo i termini del suo arrangiamento di base con Dodd, ricevette solo il pagamento per aver registrato e “inventato” cinque nuovi ritmi a settimana, che nel corso degli anni produssero letteralmente migliaia di composizioni. Tra i più grandi contributi di Mittoo dalla metà alla fine degli anni ’60 c’erano “Darker Shade of Black”, la base per “Pass the Tu Sheng Peng” di Frankie Paul, “Bobby Babylon” di Freddie McGregor, “I’m Still In Love” di Alton Ellis, “Feel Like Jumping” dei Cables e l’inno rocksteading “Baby Why” e il primo successo di Marcia Griffiths. Nel 1970, il suo “Peanie Wallie” fu anche modificato dai Wailers, diventando il successo “Duppy Conqueror”.
Mittoo si trasferì dalla Giamaica a Toronto, in Ontario, nel 1968, uno dei tanti artisti reggae che trovò casa tra i club che costeggiano l’area di Yonge Street. Tuttavia, tornò regolarmente a Kingston ed venne strettamente allineato con Dodd allo Studio One nei decenni a seguire. A Toronto, Mittoo accettò un lavoro giornaliero per la Canadian Talent Library, un’organizzazione che ha lavorato per garantire che una quantità sufficiente di musica canadese fosse trasmessa sulle onde radio nazionali. Nel 1972, aveva vissuto lì per quattro anni e, come tale, il suo lavoro divenne qualificato come “contenuto canadese”, così per il CTL registrò l’album “Reggae Magic”, che lanciò il successo “Wish Bone”. 70 anni, Mittoo si recò anche in Inghilterra per registrare una serie di album con Bunny Lee, durante il decennio successivo lavorò regolarmente anche con Sugar Minott. Nel 1989, Mittoo si unì nuovamente con gli Skatalites che si erano riuniti, ma presto problemi di salute lo costrinsero a ritirarsi.
Morì di cancro il 16 dicembre 1990.

Intervista con Bob Andy Luglio 5 2008 Rototom Sunsplash (UD):

Perché parlare di Studio One e il proprietario Coxsone Dodd, ognuno ha la sua, racconta la sua storia, per alcuni era un insegnante, per altri era un mostro e un vampiro assetato, quindi l’unica soluzione a questa “soap opera” che non è affatto, gli stava ponendo la seguente domanda: “Hai introdotto il discorso su Dodd, cosa è successo esattamente, nel corso dei decenni, mi è venuta un’idea, ma vorrei che tu mi raccontassi cosa è successo in quello studio in quegli anni: “Dodd, riconosco il tuo ruolo di produttore leggendario come pioniere nel fornire le strutture e promuovere le carriere di molti giovani artisti, che non avrebbero mai avuto da nessuna parte in quei giorni. Credo che Dodd avrebbe potuto fare di più per gli artisti che hanno vissuto Studio One, soprattutto maestro di tastiere e genio, Jackie Mittoo con cui ho condiviso un forte legame. Perché parlo di Jackie Mittoo?, Perché ha creato la maggior parte dei ritmi di tutte le canzoni registrate in quello studio negli anni ’60 e cosa ne è stato di È morto di cancro a Toronto, in California nada senza soldi per curarsi e questo mi fa ancora male dopo tanti anni “, ho continuato:” Ho avuto la fortuna e la gioia di incontrarlo a Roma essendo il tastierista della band di Barrington Levy nell’85”, ha risposto: “Non ho mai ricevuto un giusto contributo finanziario per tutti i dischi che ho registrato per lui, ma Song Book è stato il migliore dell’intero catalogo di Studio One. Vorrei anche aggiungere che in tutta la musica giamaicana, specialmente allo Studio One, Jackie Mittoo era l’eroe sconosciuto. Una volta Jackie mi ha detto che era andato da Coxsone a New York per farsi pagare i diritti d’autore e cosa ha fatto? Gli diede scatole di dischi da vendere senza dargli un centesimo. Ecco questo era Coxsone Dodd ma fa ancora più male vedere il governo giamaicano che non si degna di ricordare come dovrebbe, un genio della musica, un genio del ritmo, il genio assoluto di Studio One, il genio che ha portato al successo praticamente tutti i cantanti che sono passati su Brentford Road. Vedi a me, il governo giamaicano mi ha assegnato l’Ordine della Distinzione (CD) nell’ottobre 2006 per i miei contributi allo sviluppo della musica giamaicana, ma Donat “Jackie” Mittoo, niente?”.

Immagini collegate:

Advertisement

Advertisement
error: Il contenuto è protetto !!