Connect with us

Magazine

E’ MORTO JAWARA: FIGLIO DI PETER TOSH

Published

on

Ricostruiamo il caso per darvi tutti i particolari sulla triste vicenda che in questi giorni ha raggiunto l’angosciato epilogo con la morte di uno dei figli di Peter Tosh.

Jawara McIntosh fù fermato nel New Jersey, il 15 giugno 2013 con 65 libbre di marijuana nell’auto. Dopo aver trascorso più di sei mesi nella prigione della contea, si dichiarò colpevole, visto il breve tempo da trascorrere in carcere era solo di un anno, questo nell’agosto 2016.

Dopo aver trascorso più di sei mesi nella prigione della contea, era stato rilasciato con una cauzione di 200.000 $, a quel punto gli rimanevano solo sei mesi e rientrò nel carcere di Bergen nel gennaio 2017 per concludere la sua condanna.

 

LA CAUSA DELLA MORTE

Doveva tener duro solo per 6 mesi ed invece nella prigione il 21 febbraio 2017, McIntosh, figlio del leggendario Peter Tosh, fù aggredito con violenza e subì  un trauma cranico causato da Kyrie Charon Baum, un compagno di prigionia nel carcere della contea di Bergen a Hackensack, nel New Jersey.

Allora aveva 37 anni e come anticipato stava scontando gli ultimi sei mesi per  una pena di un anno per possesso di marijuana.

La famiglia McIntosh intanto aveva intentato una causa contro il carcere della contea di Bergen per non aver protetto Jawara e chiese il rapporto completo, incluso l’eventuale prova video e audio, di ciò che è accaduto a febbraio.

Ad oggi la famiglia ha ricevuto solo una breve relazione insignificante. Allora Niambe aprì una petizione su Change.org per spronare un’indagine più dettagliata da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sull’incidente e chiedere giustizia.

Leggi Petizione https://petertosh.com/justice-for-jawara/?fbclid=IwAR0eE13WTgPdF2wIHrEDCqUrM5t6Qxxve6z6u2r15kprfZXKPW1A8W75nxI

Dal coma purtroppo non è mai uscito e ieri apprendiamo sui social che Jawara, dopo tre anni di lotta per sopravvivere non c’è l’ha fatta.

Condoglianze alla famiglia

 

Advertisement
Dany Rootical

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Magazine

BET HIP HOP AWARDS : IL CYPHERS DEI RAPPRESENTANTI GIAMAICANI SUL JAMROCK RIDDIM – VIDEO

Published

on

By

Sul nostro gruppo Faceboock abbiamo postato la news ed anche l’orario per seguire in diretta la cerimonia dl BET Hip Hop Awards, andato in onda causa Covid solo in versione streaming. Non preoccupatevi se ve la siete persa In basso trovate il video o meglio il Cyphers di tutti i giamaicani.

Tecnicamente si chiamano Cyphers e sono una caratteristica dei BET Awards, cioè un video del vivo con artisti che cantano in freestyle su un a base o riddim che sia.

Quest’anno la cultura giamaicana è stata ampiamente rappresentata sia dai veterani che dalle nuove promesse.

Tutti insieme Shenseea, Koffee, Skip Marley la nuova generazione ed i veterani  Beenie Man e Bounty Killer hanno cantato sul riddim simbolo quello di Welcome to Jamrock’  di Damian Marley.

La prima Shenseea ha regalato un frammento di ‘Lighter’, la sua collaborazione con Tarrus Riley, prima di lanciarsi nel suo freestyle poi Koffee,  fino ad arrivare al The Doctor che lascia il segno !

 

Beenie Man ha chiuso il Cypher parlando del clash con Bennie su Verzuz quello dei record di visualizzazioni e dell’omissione da parte di Billboard delle loro immagini dalla copertina in cui erano presenti tutti gli artisti di Verzuz.

Il video girato prima del malore di Beenie Man che ci sta preoccupando dopo il collasso.

 

 Reggae Cypher | Hip Hop Awards 20

 

 

 

 

Leggi anche:

 

BEENIE MAN RICOVERATO IN OSPEDALE DOPO UN COLLASSO

Advertisement
leo line

Continue Reading

Magazine

I RASTA NON FANNO CLASH – NON VEDRETE MAI CAPLETON VS SIZZLA

Published

on

By

Durante il lock down, Beenie Man e Bounty Killer si sono esibiti in streaming in un clash amichevole sulla piattaforma Verzuz di Swiss Beatz. Un successo incredibile ed inaspettato in periodo covid, con mezzo milione di persone connesse live e molte stelle della musica a guardare.
Se ben ricordate fu interrotto dalla polizia che non chiuse lo show, grazie anche alla famosa frase rivolta all’ufficiale di Beenie Man ” Do You Want To Be That Guy“ poi diventata una canzone.

Visto il grande successo Verzuz di Beenie VS Bounty hanno pensato di replicare, magari mettendo due Rasta a dirsela di santa ragione, avrebbero fatto sicuramente più audience.
Così sono nati i rumors di un clash tra Sizzla e Capleton on line e solo in streaming visto che c’è ancora il coprifuoco sull’isola.

Ed invece la dura reazioni di entrambi, “i Rasta non si scontrano” dice Capleton.
Fyahman non ha nessun problema a condividere il palco come capitato in passato al Rebel Salute ma la parola “scontro” non fa parte del dizionario Rastafariano e Verzuz è una piattaforma di clash.

Anche Sizzla si disinteressa, concentrato com’è sull’uscita dl nuovo album, motivo per cui li vedrete sul palco in combination come hanno fatto tante volta a chiusura show, ma mai in uno scontro.

D’altronde se non c’è riuscito lo Sting perché Verzuz avrebbe dovuto riuscirci

 

 

 

 

Advertisement
SerenaCard

Continue Reading

Magazine

PETIZIONE – TOOTS NELLA ROCK & ROLL HALL OF FAME ?

Published

on

By

Fredrick “Toots” Hibbert dovrebbe entrare nella Rock and Roll Hall of Fame ?

A questa domanda rispondiamo con i fatti. I motivi sono innumerevoli e proveremo a illustrarveli sinteticamente, sta poi a voi scegliere se firmare questa petizione che trovate a fine articolo.

Non vogliamo influenzare ma solo elencare cosa ha rappresentato Toots Hibber per la musica, non solo quella Reggae :

– E’ accreditato con altri ad aver creato la parola “Reggae” di sicuro è sua “Do the Reggae”, la registrazione avvenne nel 1968.

– Ha recitato nel film cult “The Harder They Come”, accanto a Jimmy Cliff.

– Come hanno scritto in Inghilterra: “Nessun artista ha mai dipinto come ha fatto Toots una tela più ampia e più vera della vita quotidiana in Giamaica”.

– Chiamato” The Otis Redding of Jamaica “, Rolling Stone lo ha incluso nella loro lista dei più grandi cantanti di tutti i tempi.

– Ha collaborato con I grandi come Keith Richards, Bonnie Raitt, Eric Clapton e Willie Nelson, fino alla collaborazione del 2020 con Ringo Starr e altri sul suo ultimo album “Got To Be Tough” (co-prodotto con zak starkey) pubblicato qualche settimana prima della sua morte per una malattia correlata a covid19.

-Alla domanda se il lavoro di Toots sia paragonabile ad altri già presenti nella Rock Hall, il chitarrista Warren Haynes dice che Toots “è tra i giganti come Otis, Ray Charles, Solomon Burke, Jackie Wilson e Sam Cooke”.

 

Oggi dopo la sua morte in tantissimi chiedono alla Rock Hall di indurre l’immortale Toots Hibbert
e tu ?

 

Firma la Petizione Toots nella Rock & Roll Hall Of Fame e Condividi sempre se vuoi

https://www.ipetitions.com/petition/toots-for-the-rock-hall-of-fame

 

Foto: Reggae Revolution Rebel Salute

Advertisement
SerenaCard

Continue Reading

| most read | più letti

error: Il contenuto è protetto !!