Connect with us

Magazine

17 – Agosto nasceva Marcus Garvey – Documentario

Published

on

In occasione della nascita di Marcus Garvey vi proprioniomo un documentario molto interessante

Lo ricordano i Rasta ma anche tutti gli attivisti per i diritti umani

Prossimamente degli approfondimenti

 

Marcus Garvey – Documentary [FULL]

Advertisement
Dany Rootical

Magazine

REGGAE NEW RELEASE (DAL 11/11 AL 20/11)

Published

on

reggae dancehall news Reggae Revolution.it

Molto ricco questo novo aggiornamento di REGGAE&DANCEHALL NEWS #8 curato da Mr. Bigga e dedicato alle pubblicazioni della scorsa settimana.

Dopo quello Reggae come sempre tra qualche giorno arrivano le novità, lenuove  uscite settimanali Dancehall…

 

ASHA D E MARC CUPIDORE – TROUBLES AWAY

E’ lo spettacolo della natura che ci circonda a conferirci forza e coraggio per superare i momenti più difficili. Sono le sfumature del cielo, l’imperiosità degli alberi a darci un senso di pace e spiritualità. Sono questi gli elementi di “Troubles Away” frutto della collaborazione tra il singer Marc Cupidore e il produttore Asha D. Il brano, da sonorità che coinvolgono dal primo ascolto, è prodotto da Artikal e distribuito dalla Baco Records.

 

PAOLO BALDINI FEAT MELLOW MOOD & K.PYRAMID – GLOBAL DUB

Sappiamo quanto siano ardite e speciali le incursioni nella dub music di Paolo Baldini. Le sue session sono note in tutto il mondo, le sue collaborazioni hanno toccato ogni angolo del pianeta e i suoi album sono frutti preziosi per tutti gli appassionati. “Global Dub” è in ordine cronologico il suo nuovo video arricchito dalla presenza dei nostrani Mellow Mood (è il loro singolo “Mr Global” il punto di partenza) e dal tocco sempre speciale di Kabaka Pyramid.

 

NATTALI RIZE – ONE LOVE IS ACTION

Il Cali Roots prodotto da Collie Buddz e Johnny Cosmic è una delle basi di maggiore successo in questo 2020. Tanti gli artisti di spessore che hanno voluto confrontarsi con il riddim, tra questi c’è Nattali Rize, che ha lanciato in questi giorni il video per accompagnare la sua version. Il pezzo si chiama “One Love Is Action”, un chiaro messaggio per dire che oltre i buoni propositi espressi con le parole, c’è bisogno di azione concreta per arrivare ad un reale cambiamento.

 

DALWAYNE – DEAL WITH IT

Sorretto da sonorità potenti e determinate, “Deal With It” si candida ad essere uno dei “ganja anthem” più coinvolgenti di questo 2020. A proporlo è Dalwayne, nome al momento ancora sconosciuto per molti ma con grandi potenzialità di diventare presto un punto di riferimento della nuova scena reggae in Jamaica. Diversi al momento i commenti positivi che accompagnano il video ufficiale della song, tra questi c’è chi sottolinea lo stile originale di Dalwayne. “Deal With It” esce per Irie Yute Records.

 

CHRIS NELSON – SUNSHINE

Ci sono tutti gli elementi classici del “lover style” in “Sunshine”, brano proposto in questi giorni da Chris Nelson, giovane singer proveniente dalla Guyana. Una struggente storia di amore accompagnata di una base solare e da una voce limpida che mostra tutte le potenzialità di Chris Nelson, già segnalatosi a maggio grazie all’uscita dei pezzi “World To Me” e “Making A Difference”.

https://youtu.be/TAcMWw6uEno

 

ILEMENTS – GLORY TO THE MOST HIGH

Originario di Saint Martin e scoperto dalla Irie Ites, sono diversi anni che Ilements è presente sulla scena musicale. Dopo un periodo di pausa l’artista torna alla grande grazie “Glory To The Most High”, brano ispirato il cui testo mette in versi spiritualità e speranza. La tune è registrata sul Sailing riddim della Street Rockaz, che riprende un grande classico come “Riding On High And Windy Day” dei Paragons.

 

MYSTICALLY – IRATION

Il gruppo Myistically guidato da Marie Lou e Adeline è di ritorno con un nuovo progetto dopo che nel 2016 avevano presentato un eccellente album di debutto, “Ladie’s Words”. Artefici di sonorità che mettono insieme vibrazioni reggae con jazz e soul, la band presenta il singolo e relativo video ufficiale “Iration”, titolo peraltro anche del nuovo album. L’accoglienza di “Iration” è stata ottimale e in pochi giorni il video ha superato le 20.000 visualizzazioni, risultato eccellente per una band ancora non conosciuta al grande pubblico.

https://youtu.be/3EOFetcRMRU4

 

 

LINVAL THOMPSON & IRIE ITES – GANJA MAN

Al cospetto di un nome come quello di Linval Thompson non si può che provare profondo rispetto e immensa gratitudine per quanto ha dato alla musica reggae. Il leggendario artista torna con “Ganja Man”, suo contributo alla nuova iniziativa discografica della Irie Ites, che riprende il Cuss Cuss riddim. Dal primo dicembre saranno disponibili in vinile anche le version registrate da Glen Washington, Trinity e Joseph Cotton.

 

KABAKA PYRAMID – TRAMPLE DEM

Non ci sono incertezze ne parole vaghe per condannare un atto vile come la pedofilia. Ecco perché le lyrics di “Trample Dem” rappresentano fulmini e saette contro coloro che si macchiano di questa vergogna. A scriverle e metterle in musica ci pensa Kabaka Pyramdi artefice di un brano senza compromessi, diretto e deciso nella disamina di una piaga che affligge anche la Jamaica. La base, che si ispira al Baltimore riddim di Sly&Robbie, è prodotta da Suku dei Ward 21.

 

GENTLEMAN’S DUB CLUB – CASTLE IN THE SKY

Castle In The Sky” è la maniera migliore per i Gentleman’s Dub Club per annunciare l’arrivo del loro nuovo progetto discografico. Il brano incarna infatti alla perfezione la direzione sonora che la band ha voluto intraprendere e mostra la crescita che in questi anni li ha sempre accompagnati. Il nuovo album arriverà il prossimo anno a due anni di distanza da “Lost In The Space”.

 

 

SKARRA MUCCI – LEGALIZE IT

Prendere un classico come “Legalize It”, riarrangiare la base, condirlo con nuove esplosive lyrics e metterci il flow irresistibile di Skarra Mucci. Nasce così una nuova versione di “Legalize It”, presentata in questi giorni dall’artista jamaicano e frutto della collaborazione con la Rootz Radicals. Tune coinvolgente e da pompare al massimo quando finalmente sarà possibile organizzare eventi dove si possa nuovamente tornare a stare insieme e a ballare.

 

 

KAMRUN FEAT COLLIE BUDDZ – PLANTERS PARADISE

Presentato il 12 novembre “Planters Paradise” si avvia velocemente alle 100.000 visualizzazioni su youtube diventando uno dei brani reggae di maggiore successo del mese di novembre. I protagonisti di questo nuovo “ganja anthem” sono Kamrun e Collie Buddz. Se di quest’ultimo conosciamo tutto, di Kamrun basta dire che è nato in Florida e che ama sperimentare sia moderne sonorità reggae che dancehall.

Advertisement
Pier Tosi

Continue Reading

Magazine

IN GIAMAICA NELLA TERRA DEL VINILE OGGI UN 45 GIRI NON HA PIÙ VALORE

Published

on

By

NELLA TERRA DEL VINILE, OGGI UN 45 GIRI NON HA PIÙ VALORE

La Giamaica sembra essere caduta in un sonno profondo nella produzione dei dischi in vinile. Mentre negli anni ’60, ’70 e ’80, aveva una forte mercato musicale con alcuni dei più grandi impianti per stampare, con l’avvento dell’MP3, della condivisione di file e di Internet, tutto sembra svanito.

L’idea della musica gratuita apprezzata da chiunque ha segnato il funerale delle apparecchiature e degli impianti di pressatura che inesorabilmente si arrugginiscano anno dopo anno nei magazzini.

Una mossa sbagliata ? Forse si,  il vinile è di nuovo in voga, ma in Giamaica non ci sono praticamente stabilimenti per la produzione di dischi, pochi negozi e meno ancora clienti.

In poche parole, in quella che una volta era la terra del vinile, il vinile non ha più valore.

Ma il mercato oggi è globalizzato e dalla’altra parte dell’isola le persone iniziano ca rendersi conto della differenza tra un file virtuale ed un prodotto fisico che invece possono portare a casa, mettere su uno scaffale, mostrare ai loro figli e persino rivendere

L’industria fonografica britannica ha riferito che nel Regno Unito le vendite di LP in vinile sono aumentate per 12 anni consecutivi, con il 2019 che ha segnato il livello più alto dall’inizio degli anni ’90.

 

Come funziona :

Quando in Giamaica si chiede una licenza per ristampare spesso si sente rispondere “ma perché c’è ancora un mercato per questi dischi”.

Ovviamente si !

Per ristampare si cerca il produttore e l’artista, si paga una licenza per un certo numero di copie per poi poterle vendere.

Un nuovo 45 giri costa in media 10 dollari e un LP da 15 ai 20, ma se si trova un disco fuori catalogo ed è strettamente un oggetto da collezione, quel disco può essere venduto fino a 500 dollari.

Ma non è facile, la ricerca di questi produttori ed artisti, è come cercare un ago in un pagliaio, un altro problema è che questi produttori a volte non hanno idea di dove trovare il nastro originale della registrazione.  

 

Fonte: The Sunday Gleaner

Advertisement
SerenaCard

Continue Reading

Magazine

EDI FITZROY

Published

on

Edi Fitzroy – Novembre 11 1955 – Marzo 4 2017

Edi Fitzroy è nato Fitzroy Edwards il 17 novembre 1955 a Chapleton, Clarendon, figlio di Vasco Edwards e Kathleen Robinson, un Sound System Operator.
Dopo aver lasciato la scuola elementare è andato a vivere con sua madre a Whitfield Town, Kingston e ha frequentato il West Indies Commercial Institute dove ha studiato contabilità. Da adolescente Edi ha seguito i sound system, in particolare Anchio One.
Nel gennaio 1973 Edi è entrato a far parte dello staff della Jamaica Broadcasting Corporation (JBC) come contabile e successivamente è stato promosso a contabile. Un lavoro che ha ricoperto per 22 anni (uscito nel 1995). Edi ha fatto le sue registrazioni e le sue esibizioni musicali contemporaneamente al suo lavoro di contabilità presso il JBC.
Nel 1978 comincia ad occuparsi di musica, e in particolare alla musica popolare giamaicana sin dalla tenera età; un’associazione con Pam Hickling e Michael “Dread at the Control” Campbell ha portato Edi a fare il suo primo set di registrazioni come “Miss Molly” (è stato un successo nella Top 10 Charts giamaicana) e “Countryman”, entrambi scritti da Hickling. Ha continuato a registrare con Mikey Dread, seguirono grandi canzoni come “African Religion”, “The Gun” e “Stylee”.
Frutto dei suoi successi nel 1978 e nel 1980, Edi si recò a Londra con Mikey Dread, dove si esibì in apertura di “The Clash”, con Joe Strammer.
Una rottura con Mikey Dread nel 1981, seguì poco dopo il loro ritorno in Giamaica, e dopo una pausa “Cool Out” Edi iniziò a registrare con l’etichetta ‘Musical Ambassador’ di Trevor Elliot, il quale lavorava a quel tempo presso l’Agenzia per le informazioni pubbliche (ora Jamaica Information Service). Ciò ha segnato il rinnovamento di una relazione di lunga data con Elliot e il grafico e compositore Paul Aitken, allora anche di API.
Il primo album di Edi, “Check For You Once”, prodotto da Trevor Elliott pubblicato nel 1981, è stato il numero 1 della Jamaican Hit Parade per quattro settimane, e in Inghilterra l’album più venduto uscito dalla Giamaica in quel momento. L’album includeva successi come “Youthman Penitentiary”, “African Queen”, “Work On Mr. Farmer”, “First Class Citizen”, “People Dem A Suffer”, tra gli altri.
L’attenzione per questo album continuò anche al di fuori dell’Inghilterra, perché è stato anche pubblicato negli Stati Uniti dalla Alligator Records con il titolo “Youthman Penitentiary” avendo la stessa tracklist.
Edi si vede come un artista delle persone e per le persone. Ha fatto numerosi spettacoli di beneficenza per aiutare il miglioramento della comunità, la raccolta di fondi per le scuole, chiese e altre organizzazioni di beneficenza. I testi delle canzoni di Edi ritraggono la sua vicinanza alla gente e sono confermati dalle sue esperienze nelle parti di campagna e nelle strade secondarie di Whitfield Town.
Edi si ispira molto alla musica dell’On. Bob Marley e si sentirebbe un traditore della causa di Marley se non avesse cercato di aiutare a portare avanti la missione iniziata da Marley. Quindi, scrive e/o canta canzoni con un messaggio reale.
Nel 1982 Edi ha ricevuto il Premio della Press Association of Jamaica in riconoscimento del suo contributo allo sviluppo della musica reggae giamaicana. Nello stesso anno Edi ha ricevuto anche il Premio per la personalità dell’anno JBC.
Nel 1984 Edi ha ricevuto il Rockers Award for Most Conscious Performer, dopo aver incoronato l’anno con un tributo alle donne intitolato “Princess Black”.
Quello che deve essere considerato il risultato più significativo della carriera musicale di Edi è stato il lancio del suo secondo album intitolato “Coming Up Strong”, un titolo che sembrava enfatizzare la fase della sua carriera. Questo album è stato pubblicato nel 1982 e nessuno dei materiali può essere considerato nuovo, ma tuttavia, quanto siano rilevanti per il presente.
Alcuni dei brani presenti in questo album sono “Jah Sun”, “Sow Your Corn”, “Love The People Want”, “Easy Ride” e la bellissima “Princess Black”. Inoltre, devo menzionare le tracce “Father” che mostra una superba performance di voce, e “Chant Them” che è piuttosto mistico e incantevole.
Le fasi di unità che hanno portato al completamento di questo album costituirebbero un capitolo interessante nella storia della vita di Edi. Tuttavia, una menzione speciale deve essere fatta a Newton “Sipho” Merritt, che è arrivato nella parte più cruciale del viaggio. Merritt aveva fiducia nella direzione in cui stava andando Edi e alleviava il fardello prendendo parte del carico, in modo che, nell’unità, lo spirito d’amore prevalesse nel lungo e difficile viaggio attraverso il confine.
Nel 1985 Edi ha visitato l’Inghilterra come ambasciatore, portando per la prima volta la musica reggae all’interno della Royal Festival Hall, sede della musica classica europea situata sulla riva sud del Tamigi. In seguito ha svolto la sua parte durante il tour in Inghilterra descritto dalla stampa musicale come “The Magical Mystery Tour”.
Edi ha chiuso il 1985 vincendo il Rockers Video Award per “Princess Black”.
In questo periodo 82-86 Edi ha lavorato per un altro album noto “Coming Up Strong” prodotto sempre da Trevor Elliott per la Musical Ambassador.
1986/87 Questo periodo vide l’uscita dei 45 giri “Death Trap”, “Easy Ride”, “Shame e Level Yu Vibes”.
Nel 1988 fu “Eclipse”, il terzo album di Edi uscito nel settembre 1988 in Europa e negli Stati Uniti, e più tardi quello stesso anno in Giamaica prodotto da Delroy Thompson e Carl “Jaco” Thelwell. Con l’album “Eclipse” indica il passaggio di un periodo di tempo e la nascita di uno nuovo. “Dancehall Feel”, “Shout It Loud”, “Lonely Woman”, “Hotel California” e “What A Trick” sono tra i dieci brani presenti in questo album. “What A Trick” è il primo singolo pubblicato in Giamaica e ha trascorso ventitré settimane nelle classifiche locali.
Nel 1988, 1989 e 1990 Edi ha ricevuto il Premio per l’Artista più colto al 7°, 8° e 9° Annual International Music Awards tenutosi rispettivamente a Miami, Chicago e Giamaica.
Nel 1992/93 mentre era al JBC, Edi ha iniziato la sua carriera di attore e si è esibito nel popolare programma televisivo locale della JBC “Lime Tree Lane”.
Il quarto album di Edi, “Deep In Mi Culture” su Henry K Label, è stato pubblicato il 9 dicembre 1993.
Edi ha avuto il suo impatto nell’industria musicale con le sue canzoni di messaggi di coscienza e “Deep In Mi Culture” non ha tradito la formula che lo aveva spinto nel corso degli anni. Ci sono dieci tracce in questo album che include “Deep In Mi Culture”, “Love The People Want”, “Bounty Hunter”, “Revolution” e “Hunting”.
I singoli pubblicati durante il 1993/94 furono stampati sulla Confidence Label (etichetta di Edi) quali “Prison Life”, “Border Line” e “Jamaican Girl”.
Più tardi, nel 1994, il quinto album di Edi, “Pollution” fu pubblicato per la Bromac Label, prodotto da Owen Brown.
Edi ha fatto un lungo tour della costa orientale e occidentale degli Stati Uniti con la Massawa Band durante l’estate del 1995. Si è esibito al Vermont Reggae Fest, Reggae on the River e altro ancora.
Nel 1996 Edi ha ricevuto il Woman to Woman Award in riconoscimento del suo contributo alle loro cause, gestendo il gruppo femminile delle Sistren Inc.
Durante il periodo 1996/97, il singolo “Guiltiness” di Edi e Cutty Ranks per l’etichetta Digital B fu pubblicato nel 1996.
I singoli usciti in questo periodo sono “I Cry” e “Africa Is Calling” con Frankie Paul, che era #2 nella Top 40 Chart (RJR Radio) e #17 nella Star Chart nel marzo 1996.
Altri singoli rilasciati sono stati “Mr. Bossman ”e“ Live Upright ”su Jack Scorpio Label. “I Love You My Dear” su Brick Wall Label (Bobby Digital).
Nel 1997 è stato in tournée in Nord America con la Massawa Band e la Overstand Band. Spettacoli in Colorado, Los Angeles, Portland Oregon, Humboldt County, San Francisco.
All’inizio dell’anno Edi partecipò a un tour della costa occidentale degli Stati Uniti e fece una serie di spettacoli in California, Seattle, Filadelfia e San Diego.
Edi ha pubblicato un remix del singolo degli anni ’70 di Jacob Miller, “Dreadlocks Can’t Live Ina Tenement Yard” per il produttore Goldfinger. Altri singoli usciti durante l’anno sono stati “Jailhouse” prodotto da Dwayne e “Come Along Youthman” per Jack Scorpio.
I singoli del 1999 pubblicati nel 1999 furono “Bury The Guns” e “I Love You” sull’etichetta African Museum. “Togheterness” un Album in lavorazione di Gregory Isaacs e Edi. Data di uscita indecisa e inedita.
Nel 2000 Edi ha visitato il Gambia, Africa occidentale {Home of Kunta Kinte} dal 23 al 30 giugno 2000 ed ha partecipato e si è esibito al The Roots Homecoming Festival.
Dobbiamo aspettare sei anni quando Edi’s ha registrato il sesto album, “We A Lion”, prodotto da Whitfield Henry (Witty), è stato lanciato il 29 novembre 2000 al Tropics Club di New Kingston, in Giamaica. L’album si apre con un canto spirituale “Mount Zion” che elogia l’Onnipotente. “We A Lion” mostra un Edi Fitzroy consapevole, esplosivo ed energico.
Nel 2002 partecipa al “Tribute to Peter Tosh” ed al “Western Consciousness” insieme ad altre esibizioni. Edi ha pubblicato tre singoli per la Confidence Label come “Jah Sun Come Shining”, “Mark My Word”, “Chant Down Babylon”.
Edi ha preso un periodo di pausa e riflessione e ha scritto un po durante quest’anno.
Nel 2003 il cantante veterano ha aggiunto un’altra dimensione al suo repertorio ospitando il suo programma via cavo su VCN Prime Sauce Communication Network nel periodo gennaio-aprile 2003 “Esposizione culturale”. Edi ha esplorato le radici della musica reggae con gli artisti della fondazione. Gli spettatori hanno potuto vederli esibirsi e parlare con loro dal vivo. Edi ha anche evidenziato problemi di salute, istruzione e attualità nel suo programma via cavo.
In lavorazione c’è The Peter Tosh Tribute Album su cui Edi ha registrato “Burial” di Tosh. Altri artisti da includere nell’album tributo sono la superstar del rock Eric Clapton, Slash, il compianto Jerry Garcia, il gruppo rap Cypress Hill, il cantante blues Ben Harper e Donald Kinsey, l’ex chitarrista di Tosh.
Edi era in Florida nel maggio giugno 2003 per la promozione del suo album “We A Lion” che sarebbe uscito negli Stati Uniti. Durante la sua permanenza lì ha fatto una serie di interviste a radio, TV e riviste. Mentre era in Florida, Edi si è esibito al Club Atlantis, Fort Lauderdale.
Nel 2004 “Dready Next Door” l’ultimo video di Edi registrato in California e pubblicato in Giamaica nel maggio 2004. Un singolo Dready Next Door è stato pubblicato nell’ottobre 2004.
Edi si è esibito a Toronto il 9 ottobre 2004.
Nella sua carriera c’era un altro album come “Voice Of The Innercity” prodotto da Jah Mikey (Jah Sky Music) da Los Angeles (USA), fatto nel 2004, ma inedito.
I singoli usciti nel 2005 sono Coming to Righteousness (Mark), Blam Blam (Down Sound, G500 Promotion, Blood Sucker e Throw Down Your Arms (Chris Merdic). Album in lavorazione prodotto da Little John.
Ha fatto spettacoli in California (USA) e Hawaii nel settembre 2005.
Edi ha incluso in una compilation ‘Put My Faith In Jah’, prodotta da Mike Mallott e Jeanette Smith, pubblicata nel 2005.
Nel 2006 Rappa Pam Pam 45 e video pubblicato nel gennaio 2006, prodotto da Kentucky Kid, Landslide Production.
L’album “Hold The Vibes (16 tracce) prodotto da Joe Bressler per riddimBank, Adam Heller di King Step Recordings e Edi Fitzroy per Confidence Music, è stato pubblicato nell’estate in California 2006.
Edi era in tour in California e Hawaii per promuovere il suo nuovo album da agosto a ottobre 2006.
Alcuni brani di questo album sono Hold the Vibes, Bad Boys, Pretty Lady, Open Your heart. Ci sono due remix come The Gun e First Class Citizen.
Nel 2007 Edi si è esibito a Toronto, Canada (Rasta Fest) e in Giamaica per il Boys Town Football Club di Kingston. Oltre a vari altri spettacoli nell’isola. Durante quest’anno Hold The Vibes è stato il numero #5 nelle classifiche di Miami e LA-California Reggae. Anche questo album stava andando bene in Europa e nei Caraibi.
Nel 2008 Edi pubblica un album prodotto da Sargent Juggler. Edi si è esibito nel 2008 negli spettacoli GT Taylor, Rebel Salute, Phillip Fraser e Western Consciousness. È in programma anche un tour per il 2009 negli Stati Uniti e in Europa.
Nel 2009 Edi ha registrato “Too Much Murder” e “Politician” con il produttore Sargent Juggler per Hillside Productions.
Ha registrato “Renegade” con Empress Dyana e Sam Carty. Edi ha anche registrato “Free Up Your Mind” per Devon Chambers di Thriller Music.
Nel 2010 Edi si è esibito ai festival Raggamuffin di Long Beach e San Diego, nonché al Monterey Bay Reggae Festival nell’estate del 2010 ed esibendosi anche in Canada.

Advertisement
Noleggiala

Continue Reading

| most read | più letti

error: Il contenuto è protetto !!