Connect with us

Reportage Esclusivi

2019 IN JAMAICA LA VERSIONE PEGGIORE DEL RED BULL CULTURE CLASH

Published

on

Si è aperto un caso e l’opinione pubblica è rimasta scandalizzata quando uno dei team che hanno raggiunto la finale è stato mortificato oltre ogni limite. Non stiamo parlando di parolacce all’ordine del giorno negli scontri,ne di offese personali anche queste purtroppo eccessive, poi condannate da Capleton, ma lo leggerete nel resto di questo articolo. Un dubplate in particolare non doveva essere suonato, quelle offese dovevano restare nel hard disk è mai usate.

Svoltosi per la prima volta in Jamaica la madre del clash da dove il Red Bull Culture ne ha attinto la formula, nel giorno del 2 Novembre per la ricorrenza dell’incoronazione allo Stadium Arena invece è successo di tutto.

La formula del clash prevede lo scontro tra vari sound system divisa in round fino al Tun fi Tune quando i 2 sound usciti vincenti si scontrano snella finale. A decretare il vincitore al Red Bull Culture Clash 2019 è stato il “Decibel Metre” . Sull’isola la ha debuttato tecnologia, con 104 decibel contro i 94 la folla accorsa alla manifestazione ha decretato il sound vincente e stroncato gli avversari di Romeich Entertainment.

Un pannello segnava e registrava addirittura i picchi di rumore corrispondenti alla somma delle urla dei presenti. La massiva scatenata ha supportato Strike Force e messo fine alla vergognosa offesa.

Tutto è permesso in un clash, no assolutamente ci sono delle regole tra cui quelle morali e su questo è stato chiaro Fireman “ La competizione ha fatto dancehall. Prima si faceva solo per divertimento, ma in questi tempi, penso che esagerino troppo ” ha dichiarato Capleton al Jamaica Observer

 

COSA E’ SUCCELLE E LA GOCCIA CHE HA FATTO TRABOCCARE IL VASO

Durante la parte finale che alleghiamo, che potrete vedere ed ascoltare, Strike Force è stato offeso da un Dubplate “speciale” registrato forse prima dell’incidente ad uno dei collaboratori del proprio team.

Questa persona ed esattamente il silecta di Strike Force , è morto in un incidente poco prima.

La canzone contro Niko Chromatic non doveva essere suonata è vergognoso offendere una persona deceduta.

E questo ha fatto scoppiare un caso mediatico ed in tanti prendono le distanze ma nonostante il vergognoso incidente, Capleton e Jah Vinci credono i Clash siano essenziali per la dancehall, se sono solo per puro divertimento.

 

La competizione è la formula storica nata sull’isola ma le offese e parolacce sono un virus

 

Advertisement
polizzestoriche

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News Flash

REGGAE SUNSPLASH –STASERA – FREE STREAM SU YOUTUBE

Published

on

By

reggae sunsplash 2020

Dopo una pausa di 14 anni, ritorna il Reggae Sunsplash leggendario festival giamaicano per eccellenza ed in streaming gratuito sul canale Youtube.

Si avete capito bene, si può guardare senza pagare un dollaro o un euro.

Parte da stasera 27 Novembre alle ore 5 pm locali – all’incirca 23:30 italiane, il Reggae Sunsplash ci regala subito una perla, il tributo ed uno speciale riconoscimento al principe del Reggae.

Dennis Brown sarà onorato la prima notte dell’evento per la carriera straordinaria, ha iniziato a cantare negli anni ’60 a soli 11 anni. Ha registrato più di 75 album prima della sua morte nel luglio 1999. Ha ottenuto il titolo “Il principe ereditario del reggae” da Bob Marley dopo che quest’ultimo ha rivelato quanto gli piacesse la sua musica.

Alla stessa ora domani 28 Novembre la seconda parte del Reggae Sunsplash partendo dalle 23:30 in Italia.

 

LINK PER VEDERE IL REGGAE SUNSPLASH  clikka qui

Youtube Official Reggae Sunsplash

https://www.youtube.com/channel/UC-umG_GrSnzBaBM65uKaQ3A

 

Fateci sapere commenti

Advertisement
Massive Reggae

Continue Reading

News Top

IL GRANDE RITORNO DEL REGGAE SUNSPLASH: DOVE QUANDO E LINE UP

Published

on

By

In un precedente articolo, lo riportiamo in basso, annunciavamo il ritorno del Reggae Sunsplash dopo anni ed anni di stop. Manca da circa tre lustri ( 15 anni)  ed era un istituzione in tutto il modo. Riconosciuto come il più importante della storia dove suonarono i grandi, Bob Marley compreso.

Ci eravamo lasciati su dove vedere il festival ed a che ora, ricordiamo sarà virtuale come amano dire i giamaicani.

Quindi visibile ed è questa una delle due novità, sul canale ufficiale di Youtube. Dovrebbe bastare l’iscrizione al canale per poter vedere ed avere la notifica dell’inizio.

Un tributo speciale, finalmente, a Dennis Brown per il suo contributo alla musica reggae.

Il Reggae Sunsplash 2020, ha anche trovato gli sonsor che sono mancati in passato, quali  KFC, FLOW, Rumbar, Dragon, BetCo, Clear Sounds e Kaboom.

Si parte il 27 Novembre alle 5:30 PM (local time) 11:30 ora italiana per due giorni consecutivi, quindi anche il 28 Novembre,  si alterneranno gli artisti sul virtual stage ed è questa la seconda news, in anteprima abbiamo scoperto chi si esibirà.

 

REGGAE SUNSPLASH 2020 LINE UP :

Barrington Levy , Ras-I, Tanya Stephens, Richie Spice, Capleton Agent Sasco, Romain Virgo, Dexta Daps, Masicka , Jesse Royal… n more

 

Non escludiamo che si aggiunga qualche altro artisto di perso

Ecco dove vederlo :

Canale Ufficiale Youtube

Canale Ufficiale Fb

 

Buona visione

 

Barrington Reggae Susplash 2020

 

 

@SunsplashReggae

REGGAE SUNSPLASH CAMBIA DATA E SARA’ TRASMESSO IN STREAMING

Advertisement
rototom sunsplash

Continue Reading

News Top

RITORNA LO STING 2020 IN VERSIONE STREAMING – DOVE VEDERLO ?

Published

on

By

Reggae Sting 2020

Clamorosa notizia, il ritorno dello Sting in un momento di pandemia e restrizioni. Nessuno si l’aspettava questa edizione anche perché da anni in difficoltà economica il festival per mancanza di sponsor si era svolto l’ultima volta qualche anno fà. Dove vedere quest’edizione 2020 è ancora un grande punto interrogativo ma c’è tempo.

Il promotore Isaiah Laing alcuni mesi fa, lo aveva promesso, così in questi giorni è iniziata la campagna pubblicitaria e promozionale per il prossimo spettacolo virtuale.
Ora è confermato lo Sting 2020 si svolgerà. Il primo spot è online (vedi in basso) la più grande notte della dancehall sulla terra si svolgerà regolarmente a Santo Stefano, il 26 dicembre, in streaming.

Quest’anno lo Sting donerà US $ 1 di ogni biglietto venduto, direttamente alle scuole del continente africano, Giamaica, Brasile e Haiti, per l’acquisto di tablet, per aiutare gli scolari negli sforzi educativi online a distanza.

È dal 2015 che non si svolgeva più ma abbiamo ancora qualche perplessità su dove vederlo,  in quanto entrambi i siti indicati non sono registrati. Sia il dominio reggaesting.com che stingonline.com come evidenziato sulla locandina e nel video sono domini non ancora attivi.

Dovrebbe poter esserci una registrazione con pagamento di un biglietto on line per fare poi la beneficenza ma non si hanno notizie ancora in merito.
Motivo per cui ci aggiorneremo prossimanamente per sapere dove vederlo

Intanto godetevi la presentazione dello STING 2020

 

Advertisement
Rastafari Rootz fest

Continue Reading

| most read | più letti

error: Il contenuto è protetto !!