Connect with us

News Top

IL CORPO DI BUNNY WAILER TENUTO IN OSTAGGIO

Published

on

IL CORPO DI BUNNY WAILER TENUTO IN OSTAGGIO

Ad un mese dalla morte di Bunny Wailer, il suo corpo giace ancora in un congelatore senza una sepoltura.
Ben due diversi articoli apparsi sulle maggiori testate locali stanno facendo chiarezza su quello che sta accadendo. Il Jamaica Gleaner è molto più incisivo dopo le dichiarazioni raccolte alla famiglia. Mentre sul Jamaica Observer la risposta dell’Avvocato e della badante.
Tutto resta in bilico, se non si rilascia il certificato di morte non si può seppelire Bunny e procedere ad una firma di un accordo discografico per pagare le spese insolute.

Una cifra blu se rapportata a quella nel nostro paese, l’avvocato David Baram dice che ci sono 5,27 milioni di dollari da saldare, in sospeso dal 2020.

In una dichiarazione congiunta, i beneficiari hanno affermato che:
“Non capiamo come gli affari siano stati gestiti cosi male. Abbiamo scoperto che contrariamente a ciò che ci è stato detto, non ci sono soldi. Nostro padre, sebbene deceduto, è tenuto in ostaggio, mentre noi siamo costretti a firmare un accordo con VP Records per coprire questi costi “, si legge nel comunicato.
La famiglia non è ancora stata in grado di ottenere il certificato di morte di Bunny Wailer, c

La figlia Cen’C Love, ha detto a The Sunday Gleaner che la situazione è un crudele scherzo dell’ironia.
“Nella mia vita, ho visto mio padre pagare le bollette ospedaliere e le spese funebri per centinaia di persone e pensare che oggi è passato un mese da quando il corpo di mio padre è in un congelatore, non possiamo ancora ottenere il certificato di morte. Mio padre non se lo merita “.

L’Avvocato Baram ritiene che l’impegno sarà onorato. La firma di un contratto discografico è l’unico modo per trovare i fondi necessari per coprire l’ospedale e le fatture.
“I soldi necessari per il pagamento del conto dell’ospedale dovranno provenire dall’accordo di licenza stipulato da Solomonic Productions e VP prima che Bunny morisse”, ha detto Baram al Jamaica Observer.

Maxine Stowe, manager / badante dell’ultima icona del reggae, ha detto che per un periodo di 29 mesi Bunny Wailer ha avuto spese mediche per un totale di 615.000 dollari (92 milioni di dollari). Nel periodo tra ottobre 2018 e luglio 2020, la fattura mensile è stata in media di 15.000 USD, dopo il secondo ictus nel luglio 2020, i costi associati a otto mesi di terapia intensiva in una struttura privata sono aumentati a 30.000 USD, incluso i medici ed infermieri privati per fornire cure 24 ore su 24.

Stowe ha detto che altre spese mediche includevano terapie fisiche e neurologiche.
“Da maggio a giugno 2020, quando la sorella Jean è scomparsa, ha avuto un attacco epilettico è stato portato circa 10 giorni in una struttura privata. Siamo stati poi a Cuba per due mesi per un programma neurologico che costava 25.000 dollari al mese più il biglietto aereo, i costi continuavano a gonfiarsi e ad aumentare, a volte la testa mi faceva male per giorni, a volte non riuscivo a dormire, era difficile tenere il passo con questo folle turbine di bollette “, ha detto.

Fonti: Jamaica Observer e Jamaica Gleaner
http://jamaica-gleaner.com/article/entertainment/20210404/bunny-wailer-held-hostage
https://www.jamaicaobserver.com/entertainment/bunny-wailer-s-lawyer-clears-the-air_218583?profile=1116

Advertisement
SerenaCard

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto !!