ARTISTS BIO ARCHIVE

EARL SIXTEEN

Published

on

Earl Sixteen –

Earl John Daley
Nei suoi settant’anni di storia la musica giamaicana è stata spesso accusata di fare affidamento sulla novità a scapito del talento e dell’impegno incrollabile. Earl ‘Sixteen’ Daley fa parte di una lunga e orgogliosa linea di artisti giamaicani le cui illustri carriere sono la prova vivente che questo è palesemente falso.
Nato a Kingston, in Giamaica il 9 Maggio 1958, Earl Daley è cresciuto nella parte occidentale della città dove è stato introdotto alla musica mentre ascoltava suo padre suonare una chitarra che aveva costruito lui stesso. Earl iniziò a cantare regolarmente nella sua chiesa locale e poi iniziò ad ascoltare sistemi audio tra cui Gemini, Virgo e il Merritone di Winston Blake. All’età di tredici anni è entrato in un talent show al Bohemia Club a Half Way Tree dove ha cantato “Peek A Boo” dei Chi-Lites. In formazione quella sera c’erano Junior Moore, che sarebbe diventato il cantante dei Tamlins, Michael Rose, che in seguito sarebbe diventato il cantante dei Black Uhuru e Joy White ma, nonostante questa dura opposizione, Earl vinse la competizione.
Incoraggiato dal suo successo Earl formò un gruppo con i suoi amici della St. Andrew Technical High School chiamati Flaming Phonics che si modellarono su The Mighty Diamonds. Sebbene il gruppo avesse iniziato a farsi una reputazione cantando a feste e barbecue locali, Earl decise di espandersi come artista solista e registrò il suo primo singolo, “Leggo Girl Off A Dat”, per l’etichetta Globe International di Alphonso Bailey.
Una volta i Flaming Phonics avevano condiviso il conto con The Boris Gardiner Happening in uno spettacolo a Spanish Town dove Boris prese Earl da parte e gli chiese se gli sarebbe piaciuto fare un’audizione per il lavoro del cantante principale. Earl “è intervenuto quando Tinga Stewart se n’è andata” e ha lasciato la scuola per unirsi alla band. Il Boris Gardiner Happening è specializzato nel “trattamento cabaret” dei migliori brani giamaicani attuali che hanno suonato in balli, hotel, asili nido e in campagne politiche. Gli altri membri della band scherzavano con Earl: “Come mai vai avanti come un grande uomo? Quanti anni hai?” Earl rispose sedici e divenne noto come Earl Sixteen.
Boris ha presentato Earl a Lee Perry al Black Ark dove ha cantato circa tre canzoni e due di queste, “Freedom” e “Cheating”, sono state pubblicate come singoli. L’esperienza di lavorare con Scratch ha avuto un’influenza formativa su Earl: “Scratch è stato uno dei grandi produttori” e molti anni dopo ha lavorato all’album “Phoenix Of Peace” con Tony Owens, associato di Lee Perry, della Seven Leaves Records. Il set era così convincente che la maggior parte delle persone pensava che fosse stato assemblato con nastri che erano stati portati alla luce dagli anni settanta.
Earl, insieme ai compagni di scuola Winston McAnuff e Hugh Mundell, ha deciso di “trasformare Rasta” e, dopo questa importante decisione, la maggior parte del lavoro di Earl si sarebbe basata sul roots, realtà e temi spirituali. Winston McAnuff ha scritto “Malcolm X” e Earl ha cantato la canzone per Joe Gibbs (Joel Gibson). Alcuni mesi dopo Dennis Brown stava lavorando con Joe Gibbs ed Errol Thompson al suo epocale album “Visions” e, usando la voce di Earl come voce guida, cantò la canzone sulla traccia ritmica di Earl. “Malcolm X” divenne una delle tracce più importanti di un album eccezionale e The Mighty Two (Joe Gibbs & Errol Thompson) alla fine pubblicò la versione originale di Earl con la loro etichetta Belmont. Mentre la sua carriera da solista continuava a costruire, Earl ha cantato e registrato per molti altri produttori di Kingston come Augustus Pablo, Michael ‘Mikey Dread’ Campbell (Michael Campbell), Earl Morgan degli Heptones, Linval Thompson, Derrick Harriott, Roy Cousins ​​of The Royals e il Sturgav / Ray Symbolic sound system team di Ranking Joe e Jah Screw che ha inserito Earl Sixteen come uno dei cantanti più importanti della sua generazione.
Earl iniziò a visitare lo Studio One su Brentford Road dove disse a Coxsone Dodd “Voglio fare una melodia per te ma voglio cantare sui ritmi originali”. Un buon amico di Earl’s, un insegnante di musica alla Norman Manley Secondary School, aveva scritto una canzone per lui e “Mr Dodd mi ha dato una scatola di dischi e mi ha detto di sceglierne uno e di provare ad adattare la canzone. Ho scelto “Fight It To The Top” (noto anche come’ Heptones Gonna Fight ‘) degli Heptones. “Love Is A Feeling” è diventato un classico istantaneo quando è stato registrato su un singolo di Studio One da sette pollici; la canzone ha avuto un tale impatto che il ritmo è spesso definito come “Love Is A Feeling” di Earl. Nel 1985 una superba selezione, insieme alle relative versioni strumentali, fu scelta da alcune delle diciotto canzoni che Earl cantò a Brentford Road e pubblicò come “Earl Sixteen Showcase”. L’album è ora giustamente considerato come uno degli elementi essenziali nel vasto catalogo di Coxsone.
Daley ha registrato quattro tracce allo studio di Perry’s Black Ark, inclusa la registrazione originale di “White Belly Rat” e il classico “Freedom”, incontrando anche Earl Morgan degli Heptones, che in seguito ha prodotto il suo album, “Shining Star”. All’inizio degli anni ’80 ha registrato singoli per una varietà di produttori tra cui Linval Thompson, Augustus Pablo, Clement Dodd, Sugar Minott, Yabby You e Derrick Harriott, e ha registrato il suo album di debutto con Mikey Dread, “Reggae Sound”. Ha collaborato con Roy Cousins per due album come “Julie” e “Special Request”.
Nel 1988 Earl si trasferì in Inghilterra dove la sua cover di “Holding Back The Years” dei Simply Red ebbe un grande successo nel mercato reggae locale. Da allora ha continuato a vivere e lavorare a Londra dove, nel corso degli anni, ha registrato con la maggior parte dei migliori produttori britannici. Tuttavia, Earl ha fatto molto di più da quando ha lasciato la Giamaica che vivere nel passato. Le sue attività non si sono limitate esclusivamente all’Inghilterra e, nel 1997, dopo aver espresso quella che pensava fosse una traccia demo per Down Beat in Germania, Earl scoprì che stava effettivamente facendo un album per la WEA. Il collegamento con una grande compagnia si è rivelato di fondamentale importanza e il concetto alla base dell’album “Steppin Out” era di fondersi con il suono europeo.
Negli anni ’90 è apparso come ospite nei brani di Dreadzone e Leftfield, rielaborando il suo classico “Trials And Crosses”, originariamente registrato per Linval Thompson, come “Release The Pressure”.
Il reggae tradizionale è stato mescolato con drum & bass e techno per ottenere un armonioso equilibrio musicale. Earl ha spesso lavorato in uno stile simile da questa pubblicazione, impegnandosi in una serie di progetti diversi che si sono concentrati sulla vitalità della stessa fusione e bilanciamento di un po’ di musica afro-caraibica e vibrazioni europee, pur continuando a registrare il roots rock reggae, come l’uscita dell’album “Feel The Fire” del 2000.
Da questo periodo in poi ha prodotto altri interessanti album come “Special Request”, prodotto da Roy Cousins, “Wake Up” nel 2004 prodotto da Mad Profgessor, poi un album showcase in compagnia di Tony Tuff intitolato “Tony Tuff Meets Earl Sixteen At The Dubfront” prodotto da Olli Dread nel 2006, ancora un altro album nel 2008 “Jah Messingers” prodotto da Gussie P, nel 2011 “The Fittest” prodotto da Kenneth Linger e Ras Denco, nel 2013 una sua autoproduzione sulla sua etichetta “Merger” dal titolo “Walls Of The City” con tre brani e relative versioni dub strumentali arrivando così al 2014 con l’uscita dell’ottimo album prodotto da Roberto Sanchez sulla propria etichetta A-Lone dal titolo “Natty Farmer” concludendo la sua discografia al 2014 con l’ultimo album “Gold Dust” ed i suoi ultimi singoli registrati tutti nel 2020 come “Natural Roots”, “The Fight For Freedom”, “Globalization” e l’ultimo stampato nell’ottobre 2020 “Born To Be Free”.
Con Earl Sixteen si strinse un ottimo rapporto di amicizia e di collaborazione di lunga data. I primi concerti a Roma di Earl Sixteen avvennero sin dal 4 Aprile 1997 quando si esibì al CSOA Hai Visto V?, poi il 14 marzo 1998 al CSOA Intifada, il 31 Ottobre 1998 al Villaggio Globale, e poi successivamente ho avuto il privilegio di organizzare come promoter due altri show sempre a Roma, il 22 Settembre 2007 al Forte Prenestino insieme al Soul Roots Sound System ed infine il 20 Dicembre 2008 al CSOA Spartaco.

Immagini collegate:

Advertisement

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Annulla risposta

Exit mobile version