Connect with us

ARTISTS BIO ARCHIVE

DENNIS ALCAPONE

Published

on

DENNIS ALCAPONE

Dennis Smith conosciuto a tutti noi come Dennis Alcapone, nasce il 6 Agosto 1947 a Clarendon Jamaica ed iniziò la carriera di DJ ispirandosi al grande U Roy padre del talk-over e del DJ Style, lavorando presso il sound system El Paso Hi-Fi nel 1969.
Non era il primo, U Roy non era soprannominato “The Originator” per niente, ma in Giamaica all’inizio degli anni ’70, Dennis Alcapone faceva parte di un triumvirato di dj talk-over, insieme a U-Roy e Big Youth. Durante le tante session dal vivo sui sound systems e sulle frequenze radio questa nuova onda, con l’arrivo del nuovo trio di talenti è stato responsabile di portare l’arte del DJ Style a livelli mai immaginati prima. U Roy fu il primo a partire dal blocco di partenza, pubblicando il suo singolo di debutto nel 1969. Ma alla sua ombra, il giovane Dennis Smith si stava preparando a seguire l’esempio. Trasferitosi a Kingston e un cambio di nome furono il primo ordine del giorno. Poi, con gli amici Lizzy e Samuel The First, Alcapone creò il suo sound system El Paso Hi-Fi nel 1969. Il suo successo fu leggendario, la sua popolarità praticamente senza rivali ai suoi tempi. All’inizio del nuovo decennio, Dennis registrò i suoi primi singoli, sia per il produttore Niney “The Observer” Holness che per Rupie Edwards. Il suo successo era alle stelle, cantando le versioni strumentali di brani originali, pur non perdendo mai il passo con i ritmi, lo stile singolare di Alcapone ha immediatamente catturato l’attenzione del pubblico.
Il produttore Clement “Coxsonne” Dodd si è subito offerto e si fece avanti essendo il “capo” dell’etichetta Studio One, ma era ancora arrabbiato per aver perso U Roy, che aveva brevemente fatto il DJ per il sound system Downbeat di Dodd, a causa del suo rivale, il produttore della Treasure Isle come Duke Reid. U Roy era in cima alla classifica giamaicana e Dodd era determinato che Alcapone lo contrastasse il più possibile. Con gli archivi dello Studio One a sua disposizione, il DJ ha registrato una sfilza di singoli seminali e, proprio come intendeva il produttore, ora minacciava seriamente il predominio di U Roy.
Versioni dei classici successi di Alton Ellis, Delroy Wilson, John Holt, gli Heptones e Carlton & the Shoes arrivarono come fulmini. L’esilarante “Forever Version” di Alcapone di “Love Me Forever” di quest’ultima canzone ha intitolato il suo album di debutto, che ha raccolto molti di questi successi. Ovviamente, il titolo stesso è stato l’ennesima salvezza nella battaglia con Reid, suonando l’album di U Roy “Versions Galore” altrettanto pesante.
Ma Alcapone non stava registrando esclusivamente per Dodd, stava facendo singoli altrettanto spettacolari per il produttore Keith Hudson. Dennis stava già maturando e si stava evolvendo, su “Spanish Amigo”, una versione della soulful “Old Fashioned Way” di Ken Boothe, Alcapone riesce a riempire il singolo non solo con i suoi slogan previsti, ma si impegna in frammenti di risposte ai testi prima di correre via con loro completamente. Ora, praticamente ogni produttore in città bussava alla porta del DJ e nel 1971, con grande angoscia di Dodd, Alcapone passò a lavorare con Bunny Lee per un’altra serie di successi. “Ripe Cherry”, una versione di “Cherry Oh Baby”, “Horse And Buggy”, una versione di “Mule Train” e “Lorna Banana”, un duetto con il collega DJ Prince Jazzbo, salirono nelle classifiche. Ma nessuno ha avuto l’impatto di “Guns Don’t Argue”; una versione di “Love Of The Common People” di Eric Donaldson. Molti dei singoli realizzati con Lee furono raccolti per l’album “Guns Don’t Argue” del 1971, che fu successivamente ristampato dall’etichetta Jamaica Gold.
Lasciandosi alle spalle Bunny Lee, il DJ si stabilì successivamente alla Treasure Isle, dove i successi continuavano ad arrivare; la compilation “Soul to Soul: DJ’s Choice”, pubblicata da Reid nel 1973, ne presenta alcuni insieme a brani di colleghi come U Roy, Lizzy e Little Youth. “The Great Woggie”, una versione di “You Don’t Care” dei Techniques, fu senza dubbio il migliore di un favoloso lotto pubblicato da Alcapone nel 1971, con “Teach the Children” che vinse gli onori l’anno successivo. L’eredità di quest’ultimo è stata la più duratura, anche se la versione di Alcapone era in realtà la seconda della canzone, il ritmo di “Sister Big Stuff” di John Holt era esso stesso una cover di “Mister Big Stuff” di Jean Knight. Il DJ l’avrebbe trasformata nella lezione di ortografia più contagiosa di tutti i tempi, e la canzone in cima alle classifiche era così popolare che è stata a lungo utilizzata dai programmi di alfabetizzazione radiofonica della Giamaica.
Durante il periodo di collaborazione con Duke Reid alla Treasure Isle c’è da sottolineare un argomento importante e cioè quello che Reid non stampava nessun disco con testi Rasta, nel senso che rifiutava a priori le problematiche ed i concetti degli artisti rasta di quel periodo, e ricordando che Duke Reid fu anche un poliziotto in precedenza e possedeva un negozio di liquori frequentato solo da policemen, prima di avventurarsi nel mondo discografico e quindi i patti con Alcapone erano chiari:”No rasta lyrics”, niente canzoni rasta.
E mentre Alcapone potrebbe aver interpretato il duro, specialmente sulle copertine dei suoi album come su “Forever Version”, per esempio, dove era a cavalcioni su un cannone, in realtà è stato il suo stile accomodante e personalizzabile ad attirare i fan. Nell’album “DJ’s Choice”, pubblicizza effettivamente la competizione, stilando un elenco dei migliori DJ e dei loro slogan, con il suo ultimo, e incoraggiando gli ascoltatori a “dare voce alla loro scelta”. I fan potevano solo dedurre che il congeniale Alcapone non vedeva gli altri come una competizione e amava la loro musica tanto quanto loro.
Nel 1972, la reputazione del DJ aveva già attraversato l’Atlantico verso la Gran Bretagna, e Alcapone partì per il suo primo tour britannico. È tornato a casa trionfante ed è stato premiato come miglior DJ dell’anno dalla rivista Swing e seguito da un secondo tour nel Regno Unito ha avuto ancora più successo del primo.
Nel triennio che va dal suo debutto registrato nel 1970 fino alla fine del 1973, Alcapone ha pubblicato oltre 130 singoli. Lavorando praticamente con tutti i produttori dell’isola e creando versioni classiche una dopo l’altra, la prolificità del DJ è quasi incredibile. Con una frequenza annuale di quasi 45 versioni all’anno, ciò che è veramente sorprendente è quanto siano state buone la maggior parte di esse. Dal cocente “This A Butter” prodotto da Phil Pratt, il coraggioso “Out The Light” prodotto da Byron Smith, l’arguto “Go Johnny Go” prodotto da Byron Lee, la battuta perfetta del film prodotto da Prince Tony “Fine Style, “il sermone” King of Kings “, uno di una serie di classici registrati con Alvin Ranglin, il gioco di parole di
” Africa Stands “prodotto da Lee Perry, al suo tempismo favoloso in” My Voice Is Insurance for Half a Million Dollars “, dove Alcapone cavalca il ritmo come un campione di equitazione, l’elenco delle uscite spettacolari potrebbe continuare per pagine. Il nuovo album “My Voice Is Insurance for Half a Million Dollars” dell’etichetta Trojan raccoglie ben 25 brani di questo periodo, mentre l’etichetta americana dell’Heartbeat ha ristampato due album “Forever Version” e “Guns Don’t Argue”.
Nel 1974, Alcapone ha seguito il suo cuore e si è trasferito a Londra. L’amore può conquistare tutto, ma nel caso del DJ, ha conquistato la sua carriera apparentemente inarrestabile. L’album poco brillante dal titolo “Belch It Off”, prodotto da Sydney Crooks e pubblicato lo stesso anno, era un presagio di cosa stesse per venire. Con il contratto per l’etichetta britannica Magnet, l’album “King Of The Track” è apparso quest’anno come una compilation di vecchi successi prodotti da Bunny Lee con quattro nuovi brani registrati con il socio di Lee, Count Shelly. Ogni speranza che Alcapone aveva di ricreare il suo successo giamaicano in Gran Bretagna svanì rapidamente con la perdita di interesse dell’etichetta Magnet ed anche per l’arrivo di altri cantanti come Burning Spear e Bob Marley And The Wailers, quindi la concentrazione era sistematicamente pilotata sulle star del reggae del futuro tralasciando gli artisti del DJ Style in genere.
L’uomo che una volta sommerse l’isola con i suoi dischi, ora purtroppo si ridusse a registrare solo una mezza dozzina di singoli tra il 1975-1976.
Il passaggio all’etichetta della Third World ha offerto un barlume di speranza. Ha registrato tre album per loro come: “Dread Capone”, “Six Million Dollar Man” e il set prodotto da Bunny Lee “Investigator Rock” tutti prima della fine del 1977. Tuttavia, nessuno ha fatto molta impressione. La Universal Rockers raccoglie brani di quest’epoca, per ricordare che Alcapone non aveva perso tanto la sua forma, quanto il suo seguito. Non c’era un interesse abbastanza grande per il Regno Unito da sostenere la sua celebrità, mentre non c’era abbastanza produzione per mantenerlo fresco a casa. Alla fine del decennio, Alcapone aveva abbandonato completamente la musica, ma non definitivamente.
Nel 1988, il DJ è tornato sul palco e l’anno successivo lo ha visto prendere d’assalto il festival Womad Festival di Helsinki nel 1989.
Alcapone è tornato in Giamaica nel 1990 e ha iniziato a lavorare di nuovo con Bunny Lee. La maggior parte delle sue uscite da allora sono state di basso profilo e hanno avuto scarso impatto sulla scena attuale. Nel 1997, tuttavia, ha inciso l’album “21st Century Version” con il produttore Mad Professor, che ha ricevuto la massima attenzione dalla produzione di questo decennio. Alcapone continua a registrare e ad apparire dal vivo, ma purtroppo i suoi giorni di gloria si sono rivelati troppo brevi. Tuttavia, ha guidato con l’esempio e la sua carriera e la sua vita possono essere meglio riassunte dal suo stesso tormentone, “Live It Up”.
Nell’ultimo periodo quindi nel 2020 realizza un’ottima canzone “Lover Song” prodotta e distribuita sull’etichetta italiana Broncorotto seguita da “The Beat Goes Ska” prodotta dall’etichetta scozzese Scotch Bonnet Records.

Immagini collegate:

Advertisement

Advertisement
error: Il contenuto è protetto !!