Run it Agency

Run it Agency

SumeRR, l’artista giamaicana residente a Tenerife, presenta il suo nuovo singolo e videoclip Crush con la collaborazione di Lasai, uno degli artisti più importanti del reggae spagnolo, in una combination che si sposa perfettamente con la produzione dancehall creata da Ras Kuko (Bass Kulcha Music).

In questo nuovo brano, il secondo dopo il suo debutto in Europa con Old School, la cantante dimostra la sua versatilità. Se nel primo ha fatto conoscere il suo lato più roots, in Crush non lascia dubbi sulla facilità con cui si cimenta anche in uno stile come la dancehall, rendendo omaggio alle sue radici giamaicane e bilanciando la sua voce con quella di Lasai, uno fra gli artisti più attivi della scena spagnola, dotato di grande esperienza sia sul palco che in studio.

Questa nuova release consolida l’unione musicale di SumeRR con il produttore e cantante Ras Kuko, la cui band la accompagnerà anche nei suoi prossimi spettacoli dal vivo.

Crush è disponibile su tutte le piattaforme digitali e il video, realizzato da T.Kimono, può essere visto sul canale YouTube della cantante.

Calafrocampano e Mattune presentano CBD tie? (Rising Time Label), la prima canzone italiana che parla esplicitamente di cannabis light e del dilemma sul CBD, THC ed annessa legalizzazione. Il producer del beat è Giorgio Pacifici (Bear Bros.) e il progetto include inoltre il primo reggae ganja videogame della storia e un cartoon video, di cui gli stessi Manlio Calafrocampano e Mattune non sono solo i protagonisti ma anche i creatori in collaborazione con il programmatore romano Greg.

CBD tie, dal dialetto salentino “Cosa vedi tu?”, dalle sonorità digital giamaicane (che ricorda i suoni Casio in 8bit e le soundtrack dello storico videogioco Super Mario) viene cantata in italiano ed in dialetto e risulta spensierata ed alquanto sarcastica riguardo l’esplosione del CBD nel bel paese con negozi, tabaccherie e farmacie pronti a vendere le infiorescenze di canapa cavalcando il business verde che a discapito del THC si è sviluppato prima della sentenza della Cassazione che a fine maggio ha fatto tremare le gambe a molti dei nuovi imprenditori del settore CBD in procinto di investire in un mercato verde e bio sostenibile. In ogni caso il messaggio fondamentale di questo brano è la legalizzazione della Marjiuana sotto tutti i suoi aspetti.

L’official video e le scene cartoon del videogame sono un’esplosione di colore e positività che a ritmo di raggamuffin ci accompagnano in un viaggio tra realtà e virtuale con i personaggi Manlio e Mattune che si ritrovano catapultati in un universo parallelo a lottare per liberare CBD e THC dalle grinfie di una piovra repressiva capitalista giunta da un altro pianeta. Il videogame è gratuito ed è possibile giocarci senza bisogno di download: http://bit.ly/2RzuA3Z.

A questo progetto partecipano diversi sponsor, partner e crew a supporto della causa di promozione e legalizzazione: Hemporium (il primo grow shop della capitale), Erba di Roma (coffee shop aperto h24), Ziggi (marchio internazionale di cartine), Sativa Crew (brand streetwear), THC T-shirt HardCore (brand calabrese di merchandising artistico), Maggio Reggae (crew di Firenze promotrice della reggae music e in procinto di sviluppare una linea CBD), Be Leaf Magazine, Rising Time, Compari Sodi, RahStars e molti altri.

I Riptiders, tra i più giovani rappresentanti della scena reggae sarda, presentano Mantenendo Il Mondo In Pugno, singolo accompagnato da videoclip che anticipa quello che sarà il loro secondo disco, Vol. 2.

Il produttore e responsabile dell’etichetta Black Box Records, Antonio Papant’ò Leardi, dice che: “questo brano rappresenta alla perfezione l’anello di congiunzione tra Vol.1 e il nuovo disco in preparazione. La scelta di non usare loop e strumenti virtuali per quanto riguarda il lato musicale e le liriche sempre più conscious segnano la strada della band”.

Dal canto suo Marco Serra, autore del singolo e voce della band, racconta: “Mantenendo Il Mondo In Pugno parla del sentirsi completi. Suggerisce quello che accade quando, una volta deciso di non scendere a compromessi, si affronta la vita a pieno. Parla della possibilità di vivere in condivisione con qualcuno che ci faccia sentire a nostro agio e in perfetta armonia col nostro “io” più profondo. Solo così si può raggiungere un equilibrio perfetto e avere quasi la sensazione, suggerita dal titolo del brano, di avere il mondo in pugno”.

Mantenendo Il Mondo In Pugno vede la partecipazione straordinaria della sezione fiati composta da Gioele Crabuzza e Giona Crabuzza ed è disponibile su tutte le piattaforme digitali, mentre il video è visibile su YouTube.

Martedì, 04 Giugno 2019 12:08

ACCUMENCIA LU PARTY

Accumencia lu party è il singolo nato dalla collaborazione di tre grandi nomi: il collettivo siciliano Shakalab e due grandi esponenti del raggamuffin in Italia, i salentini Sud Sound System e Brusco. Qui riuniti in un unico progetto e prodotti da Princevibe, hanno creato inevitabilmente una grande festa musicale che non lascia indifferenti e va a costituire un nuovo tassello di questa avventura discografica in continua ascesa.

Sette persone alle liriche che si alternano per tre minuti e quindici secondi di fuoco in un omaggio al raggamuffin di una volta, dove il dialetto siciliano si mischia perfettamente a quello salentino dei Sud Sound System e allo stile inconfondibile di Brusco, in gran spolvero come non mai. È un inno alla festa, quelle feste in cui si girava il 45 giri e sulla strumentale si alternavano una sfilza di DJ e Toasters, ognuno col suo stile e peculiarità.

Il raggamuffin sta a poco a poco riprendendo il suo spazio nel panorama discografico italiano grazie ad un rinnovato spirito di unione ed entusiasmo. È una storia che non è destinata a fermarsi, il party è appena iniziato!

Accumencia lu party è disponibile su tutte le piattaforme digitali e arriva accompagnato da un video che è stato presentato in anteprima in diretta su YouTube.

I friulani The Young Tree stanno preparando il loro secondo album, la cui uscita è prevista per l’autunno, e lo presentano con la title track, Borderline. Dopo alcuni cambiamenti nella formazione della band, intraprendono con questo nuovo lavoro discografico un percorso di sperimentazione sonora, basato sull’uso di sintetizzatori e componenti elettronici. Fondamentale per la maturazione di questa nuova personalità è la collaborazione artistica con Madaski (Africa Unite).

Borderline affronta la realtà di una generazione, quella dei giovanissimi, che si trova a dover sbarcare il lunario in una situazione molto complicata, ‘like a blind man running in the night’, che come ciechi corrono al buio, spesso costretti a scendere a compromessi non adatti alle loro qualità o al loro valore di persone, situazione che si riflette in uno stile di vita al limite. Una generazione in cerca di equilibrio, instabile, che vive di alti e bassi, proprio come le persone che soffrono del disturbo chiamato borderline. ‘Trying to overcome the line, artificial boundaries’, sono versi che descrivono come cercare di superare la linea di confine, in alcuni casi morale e in altri geografica, sperando di trovare un equilibrio nella vita così come nella musica.

Sia il single che il nuovo album sono stati realizzati con la collaborazione di Madaski, che ne ha curato il mix e la produzione al Dub the Demon rec. di Torino, Edoardo Pellizzari come sound engineer al Teatro delle voci di Treviso e Simone Squillario che si è occupato del mastering all’Hybrid Mastering Studio di Torino.

Borderline è in vendita su tutte le piattaforme digitali mentre il videoclip è disponibile su  YouTube.

Annunciati Morgan Heritage, Johnny Osbourne, Sud Sound System, Onyx, King Shiloh Sound System, Channel One e molti altri

L’ottava edizione del Bababoom Festival si svolgerà dal 13 al 20 di luglio a Marina Palmense (FM): otto giorni di campeggio in compagnia della musica reggae e hip hop in riva al mare delle Marche. Morgan Heritage feat. Jemere Morgan, Johnny Osbourne, Sud Sound System, Onyx, King Shiloh Sound System, Channel One, Johnny Marsiglia e Ensi sono gli artisti incaricati di rappresentare la scena reggae, roots, dub e hip hop sul palco principale insieme a molti altri.

Presenti infatti anche altri nomi della scena internazionale come Mungo’s Hi-Fi e Naaman e numerosissimi esponenti del reggae italiano come Bunna (Africa Unite), Raphael, Lion D, Shakalab, Forelock & Arawak e Wicked Dub Division, per citarne solo alcuni.

Uno spazio di riguardo verrà dedicato alla musica emergente: i 6 gruppi più votati fra  i 17 iscritti al Bababoom Contest avranno l’occasione di esibirsi dal vivo e presentarsi al pubblico e alla giuria che ne stabilirà il vincitore. Anche i freestylers avranno la possibilità di competere: durante il primo weekend del festival, in cui la musica reggae si unisce a quella hip hop, si svolgerà infatti l’Hypnotize Clash. Per quel che riguarda invece gli appassionati di dancehall, l’appuntamento speciale sarà sabato 20 luglio con il Dubplates Gamerz in cui Sicily Rebellious, Shanty Crew & Pushman si sfideranno a suon di dubplates e speeches.

Oltre alla proposta musicale di Main stage, Dub area, Dancehall e Beach Yard, durante tutto il festival sarà difficile annoiarsi grazie alle numerose attività organizzate: Yoga e Bagni di suono, Art Contest, Reggae University Pills con Lorenzo Mazzoni, Street Art Ehxibition, Space Buddha (area relax e massaggi), Babyboom (area bimbi con animazione), Space Juggling (area arti visive e giocoleria), Chiacchiere con gli artisti, proiezioni, Astarbene Rreggae Radio Show,  mercatino, ristoro etnico e tanto altro ancora. Dal 16 al 20 luglio sarà inoltre possibile partecipare a un ciclo di conferenze dedicate al reggae e al Rastafarianesimo, con approfondimenti su musica, religione e cultura.

I biglietti per il Bababoom Festival sono in vendita in promozione fino al 30 maggio al prezzo speciale di 150€ (abbonamento + campeggio) o 195€ (abbonamento + camper). A partire dal 1 giugno l’abbonamento con campeggio costerà invece 170€ e 220€ con camper. Anche i biglietti giornalieri sono in vendita sia online che direttamente in biglietteria a 15€. Per gli appassionati di hip hop c’è un abbonamento dedicato per i primi tre giorni del festival al prezzo di 50€ comprensivo di campeggio, in offerta fino al 3 giugno.

Tutte le informazioni e il programma completo del festival sono disponibili sul sito ufficiale.

A poche settimane dall’uscita di Denaro, il loro ultimo singolo, i Train To Roots dimostrano di essere carichi di energia e presentano il videoclip di Oi, nuovo brano cantato nella lingua a loro più cara, il sardo. Si tratta del secondo anticipo di quello che sarà il prossimo disco la cui pubblicazione è prevista per l’autunno.

Oi tratta il tema della discriminazione, e Bujumannu, voce dei Train To Roots e autore del brano insieme a Papant’ò, spiega: “Mi è capitato di conoscere rifugiati e parlare con loro, ascoltarli e conoscerne le storie, disperate e piene di dolore. Ogni essere umano ha il diritto di vivere in pace ed in armonia e di non sentirsi solo ed abbandonato, sono diritti che non hanno e non dovrebbero avere un colore. Abbiamo tutti lo stesso sangue, che è di un colore rosso vivo e abbiamo tutti il dovere di aprire il cuore di fronte ad un persona sola, disperata, che sogna la pace e di vivere una vita dignitosa”.

Questo forte messaggio è un chiaro richiamo della band “alla coscienza di ciascuno e alla ricerca dentro di noi delle motivazioni che hanno portato al declino attuale, iniziando dai potenti e dai politici che noi tutti insieme abbiamo mandato a governare e decidere del nostro futuro dei nostri paesi, che ci stanno abbandonando e mettendo l’uno contro l’altro: poveri contro i più poveri, disperati contro altri disperati, un gioco fondato sulla malvagità e sulla mancanza di rispetto per le leggi umanistiche e di difesa del nostro pianeta”.

Il singolo, pubblicato il 20 maggio, è in vendita su tutte le piattaforme digitali, mentre il video è disponibile su YouTube.

Mercoledì, 15 Maggio 2019 12:22

LINE UP COMPLETA PER L'OVERJAM 2019

L’ottava edizione ritorna ad agosto con Alborosie, Israel Vibration, Queen Ifrica e Junior Kelly

La line up dell’ottava edizione dell’Overjam Festival è completa, con Alborosie, Israel Vibration, Queen Ifrica e Junior Kelly come nomi di spicco. Dopo il cambio di date dello scorso anno, questa volta l’appuntamento ritorna ad agosto, dal 15 al 18 a Tolmino (Slovenia), sulle rive del fiume Isonzo.

Alborosie & Shengen Clan celebrerà il suo 25º anno di carriera presentando il suo album più recente “Unbreakable – Alborosie meets The Wailers United”, mentre Israel Vibration, le leggende del reggae con più di 40 anni di storia alle spalle, porteranno le loro armonie su un palco che vedrà Queen Ifrica come rappresentante della scena femminile. Junior Kelly e Ward 21 completano la lista di artisti giamaicani presenti, mentre invece dall’Europa non potevano mancare Zion Train, Cali P e Lion D, tra i più di 40 artisti internazionali confermati.

Inoltre, sul palco della spiaggia si daranno il cambio alcuni amici storici dell’Overjam insieme ad alcune new entry. La programmazione extramusicale vedrà i consueti appuntamenti con gli incontri della University, corsi e workshop, zona per i bambini, mercatino e un’ampia offerta gastronomica.

Per quest’anno, l’Overjam amplia il suo impegno con l’ambiente, in particolare con l’uso di materiali riciclabili e biodegradabili e consolidando l’offerta di cibo vegano. Come novità, vista la presenza nelle precedenti edizioni di tende abbandonate nell’area del campeggio, è stata aggiunta l’opzione di noleggiare una ‘Kartent’, già assemblata e pronto all’uso, 100% riciclabile e completamente resistente al sole e alla pioggia.

Tutto questo avrà luogo nella location consueta bellissima location, sulla riva dei fiumi Isonzo e Tolminka, nei pressi del parco del Triglav a pochi chilometri da Trieste e Lubiana.

Sia gli abbonamenti (100€ + commissione) che i biglietti giornalieri (39€ + commissione), campeggio incluso, sono in vendita su mhshop. Acquistando 4 abbonamenti è possibile risparmiare 30€ sull’importo totale. Per questa edizione sono inoltre in vendita cento upgrade dei biglietti che permettono di accedere alla “Comfort Area”, una zona con WiFi, bar e bagni, oltre a un ingresso dedicato vicino al paese, parcheggio e un accesso diretto al palco principale.

Tutte le info sono disponibili su www.overjamfestival.com.

Mercoledì, 15 Maggio 2019 12:03

ITAL IN ACTION DAL VIVO

Dopo il successo della scorsa estate, ritorna dal vivo Ital In Action, progetto nato dall’unione di artisti che hanno scritto pagine importanti della Reggae Music italiana e non solo. Cantanti e musicisti che hanno scelto l’unione in musica per dare voce a ideali di uguaglianza e di parità di diritti, tematiche da sempre presenti nei loro messaggi positivi di accoglienza, solidarietà e fratellanza.

Il prossimo appuntamento con Ital In Action sarà giovedì 13 giugno a Calusco d’Adda (BG), dove si esibiranno Mama Marjas, Lion D, Raphael, Piero Dread, MisTilla, Teo Rootical e Jamas, oltre allo special guest Raymond Wright, dalla Giamaica. Tutti loro saranno accompagnati da The Sound Rebels, band capitanata da Piero Dread (cantante, musicista e coordinatore del progetto) e composta da elementi di spicco sulla scena da ormai quasi due decenni, insieme alle coriste Living Harmonies.

La serata, ospitata da Sbirrando, sarà ad ingresso gratuito con inizio alle 21.15 e si concluderà con l’African Party Dj Set. Si tratta del secondo live per questo progetto dopo il concerto al Campovolo Reggae Festival 2018 di Reggio Emilia che ha riscosso una grande risposta da parte del pubblico presente.

Tutte le informazioni sull’evento e gli artisti sono disponibili a questo link.

Sista Namely & The Islanders presentano il loro primo disco, Here And Now, nove brani e una una dub version con in primo piano l’amore nel suo senso più ampio. La band sarda ha lavorato insieme al produttore Antonio Papan’tò Leardi alla parte musicale di questo album che è anche il debutto discografico dell’etichetta Black Box Records.

Il disco, anticipato lo scorso anno dal single Positive, viene così descritto da Sista Namely & The Islanders: “Nove brani e nove messaggi che abbiamo scelto con cura. L’Amore con la A maiuscola è il protagonista, l’amore per la nostra terra, l’amore per gli esseri umani e l’amore sentimentale, quello che ci unisce a qualcuno. Un amore che è profondo rispetto, rispetto che è azione e quindi trasformazione. Here and now perché solamente qui e ora si può amare, si può agire. Un amore non ideale ma attivo e proattivo che è profonda connessione con noi stessi e con il mondo”.

Here And Now è disponibile su tutte le piattaforme digitali e anche in formato fisico sul sito web di Music First e ai concerti della band.

InizioPrec123456789SuccFine
Pagina 1 di 9