Mario Ariano

Mario Ariano

Martedì, 27 Dicembre 2016 13:46

CAPODUBSTONE 2017 - TOINOU OUTTA MAHOM DUB

Capodanno organizzato dai ragazzi del DubStone in Località Canneto - Postiglione (SA). Una session al coperto che vedrà come ospite principale Toinou dei Mahom Dub. Direttamente dalla Francia, i Mahom hanno da sempre imposto il loro stile energetico, dai ritmi incalzanti e dai bassi profondi.

La line up è composta da:
Toinou  outta Mahom Dub
Live all’armonica Dub Harp
Marco Isla from Mystical Powa
Live Set Radadub feat Angelo Napoli al basso
FADER 'n' FATHERS
Billyman from Ruparupa Promoz
Danny Kodama Kingston
Sister Violet

Per ulteriori info ecco il link fb: https://www.facebook.com/events/1641749362785039/

Lunedì, 26 Dicembre 2016 11:18

HAPPY ROOTS YEAR - CAPODANNO REGGAE

Capodanno all’insegna del roots reggae, dubwise e steppa nella splendida cornice del monte d'argento a Minturno (LT) sulla terrazza del lido Far West.
Imperial Sound Army feat. Dan I, Dubzoic feat. Evok e Mario's Crash sono questi i nomi che riscalderanno l’ultima notte dell’anno.
Per tutte le info visitare l’evento su fb a questo link: https://www.facebook.com/events/1252468548160881/

BIZZARRI SOUND collabora con DopeBoys per un nuovo mixtape. L'obiettivo è quello di dare un sapore diverso per la moderna dancehall!

Remix esclusivi, le migliori hit del momento e Lion D come ospite per questa compilation gratuita scaricabile dal seguente link: http://www.mediafire.com/file/wb03iyw7qg3yu0k

Lunedì, 19 Dicembre 2016 15:03

AFRICA UNITE - SYSTEM OF A SOUND

Africa Unite System Of a Sound: due nuove date per l’ultimo progetto lanciato da Bunna e Madaski. Il 6 gennaio al Vibra Club di Modena ed il 28 gennaio all’Estragon di Bologna, si esibiranno i due leader degli Africa Unite in quello che è un progetto dove si alternano le selezioni di Bunna al live dub di Madaski, mescolando così le due anime della band torinese, un viaggio musicale attraverso il reggae, il roots, il dub e l’elettronica.

Sabato, 17 Dicembre 2016 16:00

DIGITRON SOUND FEAT. DAN I - HAIL UP

Nuovo release per Digitron Sound. Hail Up, pubblicato il 15 dicembre 2016, è un 7’’in uscita per la croata Digitron Records e per la label tedesca Lion’s Den. Il brano vede il featuring di Dan I, un potente canto, una canzone di lode a Jah che si mischia con il sound spinto ed elettronico dei Digitron Sound. Come ogni release che si rispetti nel lato b del 7’’ troviamo la versione dub della traccia.

https://lionsdensound.bandcamp.com/album/lionsdr001-digitron-sound-feat-dan-i-hail-up

Giovedì, 15 Dicembre 2016 14:32

JAH SHAKA TORNA IN ITALIA

Jah Shaka torna in Italia per un’unica data il 5 gennaio 2017. Zulu Warrior, che vanta alle spalle una carriera quarantennale, si esibirà al LIVE MUSIC CLUB di Trezzo sull'Adda (Mi). La line up è inoltre composta da Imperial Sound Army, Dreadlion HI FI e Dread Movement.

Giovedì 5 gennaio durante la session i presenti saranno protagonisti di un’esperienza unica, da sempre Jah Shaka è  famoso per i bassi potenti ed i dubs migliori in circolazione.

Per tutte le info basta consultare l’evento su fb https://www.facebook.com/events/1772717146337827/

 

 

Giovedì, 03 Novembre 2016 18:39

ALBOROSIE PRESENTS HIS MAJESTY RIDDIM

Alborosie è un tuttofare, non riesce proprio a stare fermo e, nonostante sia ancora in tour per promuovere Freedom & Fyah e il recente The Rockers, dà alla luce Alborosie presents His Majesty Riddim. L’album uscito il 28 ottobre vede Alberto D’Ascola, in veste di produttore, lanciare una nuova compilation composta da dodici brani affidati a nuove promesse e artisti già consolidati.

Si parte subito con l’amico Gentleman che insieme alla nuova promessa Clay firma Dunns River Falls. Due voci si sposano meravigliosamente; calda e solare quella della promessa Clay, unica e riconoscibile la voce della stella del reggae teutonico.

Tra le migliori interpretazioni del riddim ci sono sicuramente No Waste No Time di Sizzla ed Healing Tree di Etana. I due artisti giamaicani non hanno bisogno di presentazioni e riversano la loro anima su questo riddim.

Tra le nuove leve spiccano sicuramente le tracce di Yung J.R., Mr.Boss Man. Il figlio di Junior Reid canta da veterano e mostra in questa traccia tutto il suo talento.

Simon Bowden, Rasheed McCallum, Kamardo Blake, Jeremy Ashbourne e John Mark Maitland sono gli Skygrass, band di Kingston, l’unica presente nel disco, che firma il brano Blessed, ottima prova in linea con le altre tracce.

Puppa Albo dimostra di saperci fare anche come produttore e si circonda di talenti già ben formati, dimostrando di essere anche un ottimo talent scout.

Prova superata per Alborosie.

 

Martedì, 11 Ottobre 2016 12:11

ZIGGI RECADO - IVAN THE TERRIBLE

Il sette ottobre segna la data del ritorno di Ziggi Recado.  Ivan The Terrible è un Ep di sei tracce anticipato dall’uscita del singolo Blessed ed è interamente prodotto da Khari Capone. A due anni da Therapeutic, Ricardo Blijden meglio conosciuto come Ziggi, torna con un nuovo lavoro ufficiale.

La prima traccia dell’Ep è ovviamente il singolo Blessed, pubblicato il 22 luglio, esso è la somma di quello che è diventato l’olandese negli anni:uso del vocoder ad inizio brano, sonorità dancehall che si mischiano a suoni digitali con la voce di Ziggi a dettare legge.

Le sonorità anticipate dal singolo saranno presenti per quasi tutto l’Ep, soprattutto nella parte centrale composta da Turn Me On e A Level, mentre Unstoppable risente fortemente dell’influenza dell’hip-hop; suoni più cupi e una certa vena di tristezza nei synth accompagnano la traccia.

Le note di chitarra ricche di delay e il giro di basso aprono Wickedest Thing, meno dancehall e più rootz, per concludere il  reggae classico di On It.

Ivan The Terrible è un Ep che non aggiunge e non toglie niente di più di quanto già fatto da Ziggi Recado, dall’olandese mi sarei aspettato di più o per lo meno un salto di qualità, magari ritornando  al sound del primo disco che tanto aveva incuriosito.

 

 

Lunedì, 10 Ottobre 2016 10:24

BACKBEAT SOUNDSYSTEM - INTO THE LIGHT

Il funk incontra il reggae con i Beackbeat Soundsystem. La band di Cornwall,UK è sempre carica di groove, oltre che di elementi, sette per l’esattezza: Dean Forrest (voce/synth), Darren Kendall (voce), Zac Harkavy  (beats), James Martin (basso),Sam Parsons (chitarra),Elliot Forrest (tastiere) e Tom Neale (sassofono).

Il nuovo Ep Into The Light esce il 7 ottobre per Easy Stars Recorse, l’etichetta personale degli Easy Star All Stars,  e si compone di cinque nuove tracce.

Dopo due Ep e il disco Together Not Apart, la formazione inglese ha affinato i suoni, un’esplosione di energia contagiosa come si può ascoltare dal primo singolo So Long.

Il video del pezzo ha anticipato l’uscita dell’Ep, una canzone solare con la voce melodiosa di Dean e il delay sulle tastiere a dare un tocco dub. L’utilizzo delle due voci funziona perfettamente, Darren con la sua parte raggamuffin dà freschezza al brano. Ottimi arrangiamenti con i fiati ad accompagnare il tutto per quello che è un brano ricercato sotto ogni aspetto.

Dopo la prima traccia dell’Ep tocca alla raffinata Satellite che con le sue incursioni di wobble e l’eleganza dei fiati ci fa subito ballare. Per alcuni versi la traccia ricorda l’ultimo Dub FX, soprattutto per la voce di Darren.
Falsity è una canzone divertente dal forte groove,caratterizzata da momenti strumentali che si alternano a parti cantate. Col tocco funk che caratterizza la band, Stick Together ha un sapore caraibico e mette in luce la bravura tecnica dei musicisti, soprattutto per quanto riguarda la batteria e il basso.

A chiudere l’Ep la title track che presenta tutto quello che fa del sound dei sette una formazione interessante e diversa dai soliti canoni reggae.

Into The Light mette in luce una buona formazione che potrà distinguersi nel panorama mondiale.

 

 

Mercoledì, 28 Settembre 2016 09:00

DUB SPENCER & TRANCE HILL - DEEP DIVE DUB

Nuovo album per la formazione svizzera Dub Spencer & Trance Hill. Quattordici nuove tracce compongono Deep Dive Dub, pubblicato il 23 settembre per Echo Beach.

L’album si apre con la traccia che dà il nome  al disco e dalla quale è stato tratto un video. A un primo ascolto spiccano subito l’utilizzo delle tastiere e una forte componente chitarristica, che da sempre caratterizza il dub della band.

A seguire, Lake Dub colpisce per il suono compatto creato da basso, batteria e tastiere con la chitarra che dà un sapore western.  Ciliegina sulla torta l’utilizzo della melodica.

Tra le canzoni che compongono la parte centrale del disco, Il Bradipo, Kubus Dub, Helsinki Dub, e Dub Bus formando un unico tappeto sonoro c’è sicuramente Naked Climber, unica traccia ad avvalersi della voce.

Dinamiche in crescendo con l’uso della voce che rende ancora più sincopata la traccia dal sapore mistico.

La traccia che stupisce è Piccard: la chitarra acustica è la protagonista in una strumentale dub che ha il sapore di tradizione e innovazione.

La parte finale del disco acquista colore rispetto alle strumentali più scure ascoltate in precedenza, le linee di basso corpose sono una costante nel disco così come la chitarra che caratterizza il sound dei Dub Spencer & Trance Hill.

A conclusione di un album che dimostra di quanto si sia fatta strada negli ai la formazione svizzera, Ciao  Bud è un omaggio all’attore italiano Bud Spencer scomparso da poco. Il tutto si chiude con il remix della title track affidata a Jacques-Yves Cousteau’s Dub Tech.