RasAle

RasAle

La notizia è di qualche giorno fa, il noto artista reggae ricoverato all’ospedale per una ferita d’arma da fuoco.

Tra incredulità e preoccupazione di tutti ci si chiede come stia  e soprattutto cosa sia successo, visto che il cantante non fa parte dei così detti badman.

 

Fortunatamente non è grave ed è lo stesso  Barrington Levy a rassicurare tutti con il video allegato pubblicato sul suo  profilo di Instagram che riportiamo in basso

Il breve video clip  serve e come  a tranquillizzare i suoi fans e tutto il mondo del reggae.

 

BARRINGTON  ringrazia dio che è ancora vivo dopo questa brutta esperienza ed ad un certo punto della registrazione si alza la maglietta e sul fianco mostra la ferita alla schiena.

 

Non è chiaro se sia stato un proiettile vagante, ma sembrerebbe che si sia trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato

La fortuna ha voluto che non è stato colpito in un punto non vitale

 

 VEDI VIDEO QUI

https://www.instagram.com/p/BjexgzTnvVi/

 

 

 

Il filmato è datato 8 dicembre 2009, si vedono quattro uomini in una stanza, tra cui Buju con una maglietta bianca. Sul tavolo un mattone di cocaina, che viene aperto assaggiato e richiuso prontamente.

Il pusher è Johnson, ex detenuto che ha fatto milioni di dollari lavorando come informatore presso la Drug Enforcement Administration. Lo stesso che ha portato Buju nel magazzino ed innescato la presunta compre vendita.

"Johnson", chiede a Banton, "Ti piace?". Banton risponde: "Mi piace". L'intrattenitore poi assapora la coca e va via.

 

La rete americana che ha pubblicato il video è la ABC News che in un appello ufficiale al un giudice federale ha chiesto il permesso alla pubblicazione del filmato originale.

Buju Banton condannato a 10 anni ha mantenuto la sua posizione d'innocenza, insistendo sul fatto che non ha mai avuto intenzione di portare a termine un accordo di droga. Era solo colpevole di aver assaggiato il quel momento la cocaina.

Lasciamo a voi i commenti ed i post sul video, che a meno di 7 mesi dalla scarcerazione dell'artista e la successiva deportazione in Jamaica, ha riacceso i dubbi in tante persone.

 

 

 

IL VIDEO SU COME E' STATO INCASTRATO E CONDANNATO BUJU BANTON

 

Eravamo ancora sull'isola quando è stato proclamato lo Stato di Emergenza per far fronte all'escalation criminale nel parish di St. James in Giamaica. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l'uccisione di diverse persone crivellate in auto. Appena fuori nella zona dei grandi resort ed a due passi dall'aeroporto di Montego Bay.

In quella macchina c'era anche un bambino, ucciso senza pietà. Stato di Emergenza scattato pochi giorni dopo poi prolungato ancora per capire chi sta dietro a questa scia di uccisione selvagge che sta dettando terrore e spavento anche tra i residenti.

In relazione a questi crimini, il dipartimento per l'indagine sul terrorismo e la criminalità organizzata (C-TOC) qualche giorno ha emesso l'ordine di cattura e arresto per il noto artista dancehall Tommy Lee Sparta.

Sparta stava prelevando contanti presso un bancomat di St. Andrew, è stato trasferito al Freeport police lockup dove è detenuto sotto lo stato di emergenza pubblica.

Fonti della polizia dicono che “Uncle Demon“ potrebbe affrontare alcune gravi accuse per omicidio ci sarebbero prove che lo collegano a vari crimini avvenuti nella zona di Montego Bay.

Tommy Lee ha negato di essere coinvolto in crimini nella zona dicendo che non vive più nemmeno a Montego Bay. Ha paura per la sua vita, teme la vendetta che le forze di polizia contro di lui.

Un ossessione della polizia che vuole mettere in galere il Deejay o ci sono prove reali che legano Tommy Lee a tutto quello che è successo.

Seguiremo le evoluzioni

 

E' stato pubblicato anche questo Cartone Animato proprio sul suo arresto !

 

 

Pubblicata nella Galleria di Reggae Revolution, anche la seconda ed ultima parte del reportage sul Rebel Salute 2018. Il Sabato da sempre la nottata più esplosiva e ricca di emozioni. Questa edizione è iniziata bagnata da una pioggia incessante, fermatasi solo per lo show time, risparmiando tutti i presenti.

Scatto dopo Scatto abbiamo ricostruito le fasi più salienti del festival più amato dai giamaicani. Ci sono tutti gli artisti, non manca veramente nessuno, nonostante le condizioni ambientali tra fango e pozzanghere, non ci siamo piegati per offrirvi in esclusiva il secondo e più atteso reportage.

Anzi il nostro Marco è riuscito a scattare anche dal palco, conquistandosi forse una futura prospettiva.

Manca solo il reportage sulla HERB CURB, raccolta e rannicchiata sotto un unico tendone per la pioggia, non ha avuto il solito spazio espositivo. Per raggiungerla abbiamo faticato e poi costatato che nella prossima edizione avrebbe avuto maggior attenzione.

 

Una full immersion che chiude la due giorni fantastica tra musica, spiritualità e cultura reggae e rasta giamaicana.

Guarda la nostra Gallery - Trovi tutte e due le serate del Rebel Salute 2018

 

 REBEL SALUTE 2018 – PART 2 – REPORTAGE - ESCLUSIVO

- Oltre 60 Foto -

 

 

Foto in esclusiva by Marco Polo RR.it Crew -  likkle-but-tallawah.com

 

 

Una brutta disavventura proprio dove proprio non te lo aspergeresti. E' accaduto in California in America, alla nota attivista Donisha Prendergast, la nipote di Bob Marley. Erano stati al Kaya Fest nella vicina San Bernardino e avevano dormito per due notti, insieme a un loro amico fotografo ma bianco.

Prego fornite i documenti e seguiteci per i riconoscimento alla centrale di Polizia. Non è sevito mostrargli l'id o la prenotazione tramite un app di un noto sito.

Nemmeno chiamare il proprio avvocato o il padrone dell'appartamento.

 Nel video postato da Donisha. si sente la voce delle forze dell'ordine rispondere per radio -

“ … abbiamo fermato le tre persone di colore che stavano rubano …. “


A loro carico una denuncia, perchè essendo neri in un quartier bianco, erano i sospettati ideali per svaligiare un appartamento.

Le volante è giunta proprio fuori il loro portone, mentre stavano lasciando la casa.


Il vicino ha chiamato la centrale parlando di una sospetta rapina, dando colpa a Donisha e dei suoi amici, che stavano spostando le valigie nella loro auto.

Gli agenti, accorsi sul posto, si sono portati coercitivamente il gruppo di artisti per circa 45 minuti al comando.

L’avvocato difensore Jasmine Rand chiarisce che è stato fatto una esposto razzista, false accuse, con una telefonata al dipartimento di polizia di Rialto il 30 aprile.

Vogliamo che chi ha chiamato sia ritenuto responsabile per questa accusa razzista, ingiusta e falsa.

 

La posizione del proprietario della casa è stata:

Se i tre avessero salutato non sarebbe accaduto nulla.

La risposta di Donisha

Non vogliamo vivere in un’America dove i neri sono costretti a sorridere ai bianchi per preservare le loro vite

 

 

In una foto pubblicata sulla stampa giamaicana, si vede Capleton entrare in un auto mentre lascia il carcere di Kingston dopo l'udienza . Il Giudice gli ha concesso la libertà provvisoria e la possibilità di continuare il suo lavoro ma con una limitazione importante.

Secondo il difensore, le indagini hanno fatto acqua da tutte le parti, non sono state approfondite e prima di rovinare la reputazione di un noto artista internazionale, avrebbero dovuto sentire i testimoni, verificare l'accaduto, raccogliere le prove ed poi procedere all'arresto per un accusa così infamante.

L'inchiesta sullo stupro contro il suo cliente è stata condotta in modo scadente, se fosse stata eseguita una qualsiasi procedura, non si arrivava a questo.

Gli investigatori sono andati in albergo ma non hanno raccolto le dichiarazioni di un manager e di una guardia di sicurezza. Il cui resoconto avrebbe contraddetto le dichiarazioni rese dalla donna.


La stessa aveva riferito che l'artista nella tentata violenza aveva danneggiato diversi oggetti della stanza ma il manager e la guardia di sicurezza hanno confutato le sue affermazioni. Se queste dichiarazioni fossero state raccolte, sarebbe stato diverso.

Inoltre, l' Avv Townsend, ha riferito che il suo cliente aveva denunciato la donna per tentata estorsione con una denuncia molto accurata alla polizia. C'erano allegate anche delle registrazioni audio, in cui si poteva sentire chiaramente il suo cliente che veniva estorto.

Quelle dichiarazioni ed i file audio, non erano state inserite nel fascicolo d'indagine.

L'avvocato, nel chiedere la libertà provvisoria, ha affermato che il suo cliente è un filantropo ed un ottimo padre di cinque figli. Questa è la prima volta che il suo nome si accosta a vicende negative.

Ha richiesto infine di non imporre la firma obbligatoria o limitazioni di spostamento al suo assistito in quanto i concerti all'estero sono la principale fonte di sostentamento.

 La cauzione così è stata fissata a 200.000 $

 

Un ultima buona notizia sul fronte tour per la prossima stagione estiva di Capleton.

 Il cancelliere Hansurd Lawson, ha chiesto al giudice di imporre a Capleton una condizione alla libertà provvisoria, quella di consegnare i documenti, spiegando che l'imputato poteva poi richiedere di riaverli quando doveva viaggiare.
Il giudice ha respinto la richiesta e avvertito che avrebbe imposto quella stessa condizione se l'intrattenitore manca ad una sola delle sue date in tribunale.


Quindi Capleton potrà viaggiare tranne nelle date in Tribunale. Naturalmente resteremo sul pezzo per info sempre più dettagliate.

 

 

 

 

 

I migliori scatti uno dopo l'altro della magnifica 25°edizione del Rebel Salute 2018, solo ed in esclusiva su Reggae Revolution.it.

Con cura migliaia di foto sono state selezionate dal nostro Marco Polo ed inserite nella Gallery del nostro Portale, che ormai annovera esclusive su esclusive dei migliori eventi al mondo.

Unica ed insostituibile, arricchita ed aggiornata come sempre da momenti incredibili vissuti in prima persona come in questo caso al  Festival che Preserva la Musica Reggae .

 

 

Siamo in Giamaica, si parte da Negril per raggiungere la location tra St. Ann's Bay e Ochi. Ci armiamo di fotocamere e microfoni e ci prepariamo a due notti folli, ricche di musica e messaggi positivi.

Questo è il tempio della musica Reggae & Rasta, non si mangia carne ne si bevono alcolici, questo rende unica questa manifestazione al mondo intero.

 

Quest'edizione è particolarmente sentita per il 25 anno di Rebel Salute in Giamaica. Per noi di Reggae Revolution è il 15° consecutivo da quando invitati per la prima volta

Peccato solo per il tempo ed il fango che ha rovinato i grandi festaggiamenti.

 

 

REBEL SALUTE 2018 – PART 1 – REPORTAGE - ESCLUSIVO

 

 

Non perderti la seconda parte in arrivo sempre in esclusiva su RR.it

 

 

Siamo andati affondo a questa brutta vicenda per offrire un quadro della situazione più chiaro possibile per tutti noi. Iniziando ad analizzare cose è successo quel 2 Maggio maledetto.

Gli investigatori dovranno ricostruire. minuto dopo minuto casa è accaduto proprio quel giorno tra la parrucchiera ed il suo cliente. Fire Man intanto rischia tra i 10 e 15 anni di carcere per aggressione e violenza sessuale.

Una ricostruzione verosimile grazie alle testimonianze di molte persone e testimoni porterebbero a questo:

Capleton ha chiamato una donna di professione estetista per aggiustare i suoi dread in albergo.

A questo punto, è qualcosa successo tra loro.

Fire Man ritiene aver subito un tentativo di estorsione,L' artista decide di presentare la denunciare contro l'estetista lo stesso giorno.

L'11 maggio il Bobo Dread resta basito quando viene arrestato scopre che è stata la stessa donna che lui aveva denunciato per esorsione.

Prima o dopo sia avvenuta la presentazione della dichiarazione alla polizia da parte dell'artista questo non è molto importante

Cosa sia successo tra loro, dovranno raccontarlo e convincere il giudici che aprirà o meno il caso

Invochiamo la presunzione di innocenza, con forza, questa vicenda poco lineare che potrebbe essere il solito caso e tentativo di estorcere soldi ad un artista famoso.

Lasciamo il verdetto al Giudice che avrà tutti gli elementi per giudicare.

Intanto già lunedì si saprà qualcosa di più chiaro.

 

In basso trovate i video con la ricostruzione di Onstage TV e la news del suo arresto

 

 

I social network quanto hanno cambiato la nostra vita, come utilizzarli e quanto ci influenzano nel quotidiano e nella vita di tutti i giorni ?

Questo è il tema di questa anteprima video che vi proponiamo sul nostro portale di Reggae Revolution.it.

 

L'autore è il cantante veterano Marcello Coleman affronta il nuovi mezzi digitali evidenziando quanto possono essere dannosi se utilizzati male.

Basti pensare a Fake news, trend site , post virali , quali sono le regole o meglio gli algoritmi ?

Nessuno lo sa, tutti vorrebbero scoprirli per essere i più visti e stare sempre al centro dell'attenzione.

Si creano così dei lagami che portano dipendenza , come sniffare cocaina, ci  racconta in questo brano Marcello Coleman, che conclude con "sono capaci addirittura di farci entrare in un vero e proprio Loop mentale".

 

#socialenuloop invece con questo hashtag, vuole ridare consapevolezza a tutti gli utenti incalliti. Abbracciarsi di persona trasmettere le proprie energie è un'altra cosa.

I mezzi tecnologici sono inarrestabili ma usiamo sempre il cervello nell'utilizzarli perché le amicizie,  quelle vere, non sono social.

 

L'ultima scena  termina nel quartier generale di Reggae Revolution Family con Ras Ale che consegna finalmente il Caffè delle Blue Mountain direttamente dalla Giamaica.

Un regalo molto gradito a Marcello Coleman, che da buono napoletano ama solo il caffè di miglior qualità.

 

MARCELLO COLEMAN – SOCIAL E NU LOOP – ANTEPRIMA VIDEO

 

 

 

Abbiamo scoperto il titolo del prossimo brano e video, che comporrà l'Album di Ras Tewelde.

Non solo....  possiamo svelarvi in anticipo alcuni dettagli interessanti sui lavori in corso, il nome, i posti dove verrà girato. i retroscena, la storia, data ed orari di dove venire se siete curiosi.

 

Dopo la presentazione su TGCom24, su un media nazionale, c'è molta attenzione alla qualità del prossimo lavoro del Professore del Reggae.

Proprio in questo momento è arrivata la conferma, sarà realizzato la prima parte al Centro Fernandes di Castel Volturno ed il grosso alle Monachelle di Arco Felice.

Iniziamo proprio dal Litorale Flegreo dove si avverte a pelle il desiderio di rinascita. Qui sono stati scelti attentamente scenari particolari, ricchi di storia e di vibes, perché non sarà la solita clip con l'artista che canta, la video song avrà una storia particolare.

Uno story board detta i tempi, naturalmente non possiamo anticiparvi tutto ma sappiate che per ora di pranzo del 29 Aprile, gireremo a Castelvolturno mentre entro le 16 si riprenderà invece alle Monachelle.

Luogo spettacolare da incredibili vedute e contrasti, riportate al lucido dopo decenni di abbandono da un Comitato di semplici cittadini. Ne siamo fieri ( Link )

La seconda chune dunque si chiama - There Is a Way - con un testo importante e riflessivo che dova inserito in un contesto visivo appropriato.

 

 Visto che il Prof, si trova a Pozzuoli, perché non approfittarne per fare uno Show ?

Vi invitiamo Domenica 29 Aprile alle Monachelle di Pozzuoli per ascoltare l'esibizione di Ras Tewelde @ control accompagnato da Ras Ale  e della Family di Reggae Revolution.

Ingresso libero dalle 20:00 alle 23:00

 

 

Link Evento Fb

https://www.facebook.com/events/811520815706069/