RasAle

RasAle

Da non credere ciò che è accaduto in questa edizione del Grammy. Il vincitore sovverte ogni rosea previsione dando un maggior impulso ai giovani ed alla musica quella apprezzata ed ascoltata veramente dalla massive.

Non la solita farsa,  come primo indizio, finalmente il Grammy lo vince chi lo merita e non un Marley.

Forse Julian il giovane figlio di Bob non ha lo stesso appeal e peso di un Damian o di un Ziggy.

Come secondo indizio, nella categoria 53 come Miglior Album Reggae non vince un Album ma un Ep.

Se lo scorso anno Chronixx ci andò molto, ma molto vicino, questa volta è una  giovanissima cantante che sbaraglia la concorrenza.

A questo punto avrete capito che la vincitrice è Koffee che con il su Ep di debutto Rapture oltre ad aver venduto discretamente è arrivato alle orecchie di tanti artisti importanti ma anche tanti personaggi famosi.

Trainato da Toast il successo internazionale la 19enne Koffee ha vinto meritatamente e ne siamo orgogliosi

Un ultima nota importante,  Koffe è la più giovane ad aver vinto un Garmmy nella categoria Reggae .

Di seguito le nomination in ordine di arrivo

Reggae 53. Best Reggae Album - For albums containing at least 51% playing time of new reggae recordings.

 

 

    RAPTURE - WINNER

    Koffee

 

   

    AS I AM

    Julian Marley

    

    THE FINAL BATTLE: SLY & ROBBIE VS. ROOTS RADICS

    Sly & Robbie & Roots Radics

    

    MASS MANIPULATION

    Steel Pulse

   

    MORE WORK TO BE DONE

    Third World

 

 

 

Mercoledì, 22 Gennaio 2020 16:28

NINE ZERO - Riddim Album by KISSUSENTI

Fuori nei digital store il nuovo riddim-album "NINE ZERO" prodotto dai Kissusenti.
In occasione del 20º anniversario della sua fondazione, la storica reggae/dancehall crew catanzarese Kissusenti festeggia producendo il suo primo riddim dal titolo Nine Zero avvalendosi della collaborazione del "beat maker" Ulisse e della label romana Redgoldgreen. Presente inoltre il supporto ufficiale della crew emergente calabrese Compari Sodi.
Composto da 8 tracce, il riddim vede l'alternarsi di vari cantanti rappresentativi della scena reggae italiana da nord a sud.
Il "flavour" del progetto, come si evince dal titolo, rimanda alle classiche produzioni giamaicane anni '90, uno dei periodi più caratterizzanti della musica proveniente dall'isola caraibica, sia pur con suoni e influenze della musica attuale.
 
Short Biography:
Attiva dal 1998, con le prime dancehall spontanee sulla costa jonica catanzarese, ma fondata ufficialmente nel 2000, Kissusenti è stata la prima crew a promuovere reggae in Calabria. Nel background di Kissusenti nascono prima gli artisti Gioman & Killacat ed in seguito Luchano. Oltre ad avere suonato in tuttele regioni italiane, si è contraddistinta negli anni per un'intensa attività di promozione di questa musica in Calabria, invitando tantissimi artisti e sound system, italiani ed internazionali.
A Catanzaro dal 2009 al 2011 ha ideato e organizzato il festival "Reggae Train Sunfest" e dal 2010 al 2018 il "Ragga Love", divenuta in breve una delle dancehall più partecipate e seguite dell'intero panorama nazionale.
 

ASCOLTA SU SPOTIFY

STREAMING/DIGITAL STORES

 
Tracklist
1. Fido Guido - "Raggamuffin" - 02.55
2. Gioman feat. Attila - "Come i Novanta" - 03.07
3. Kgman - "Dancehall Criminal" - 02.56
4. Krikka Reggae - "Paradossale" - 02.55
5. Luchano - "Come l' aria" - 02.57
6. Manlio Calafrocampano feat. Chisco - "Lo gestiscono 2.0" - 03.08
7. Shakalab - "La canna da pesca" - 03.05
8. Virtus - "Tuff & Kind" - 03.06
  
CREDITS AUDIO
Produced by Kissusenti
Published & Distributed by Redgoldgreen Label

Music by Ulisse

 

 

INFOS & CONTACTS 
 
 
INSTAGRAM
F.B
YOUTUBE

www.youtube.com/user/REDGOLDGREENROMA

Siamo al Rebel Salute in Giamaica, accreditati Media Press per Reggae Revolution.it, per raccontarvi  in esclusiva cosa è successo nella prima serata ed a poche ora dalla fine.
Quest'edizione è caratterizzata da un forte messaggio, quello della ricerca dell'unità contro l'oppressione, le barriere i confini le disuguaglianze.

Magica l'esibizione di Toots & The Maytals rientrati a cantare sui palchi più importanti dopo il brutto incidente della bottiglia. Le vibes sono uniche, è un viaggio nel tempo in una Giamaica che non c'è più continua con gli Steel Pulse.
In questo venerdi sono tra le band artist più importanti nel line up. Il tempo si ferma per dar spazio alle emozioni.

Ospite d'onore Bobi Wine dall'Uganda artista simbolo della lotta alla libertà. Bobi si è candidato alla presidenza in Uganda, unico modo per tornare ad esibirsi nel suo paese, dove arrestato in passato non può più entrare.
Tony Rebel ha voluto concedere al cantante africano un altra possibilità per promuovere l'unita di intenti e riportare l'attenzione sull'Africa. Un messaggio costante condiviso da tutti gli artisti al Rebel salute 2020

La chiusura come vedrete sullo streaming ufficiale Tony Rebel ha voluto richiamare Kenyatta Hill concedendo gli onori della prima serata.
Kenyatta ha cantato con grande vigore le canzoni del padre Joseph Hill e naturalmente le sue.
Una seconda possibilità al Rebel Salute la da sempre. Dopo l'incidente non voluto dello scorso anno, causa polizia che ha fermatolo lo show, con Busman, in lacrime ma soprattutto la sua mancata esibizione con il previsto tributo al padre.


CURIOSITÀ
Ci chiediamo se in quest'edizione il festival abbia cambiato formula. Più che al numero di artisti si sta preferendo tornare a meno show concedendo più tempo e dandone di più alle stelle emergenti ?
Vedremo anche domani cosa accadrà.

Il nuovo look del patron Tony Rebel che si intrecciato i dreadlocks per una pettinatura più afro.

 

 

A presto per le foto e per la seconda serata !

 

Venerdì, 17 Gennaio 2020 07:46

KOFFEE SI ESIBIRÀ AL SUPER BOWL

Koffee, ne ha fatta di strada,  dal suo primo video su Instagram, alla prima esibizione al Rebel Salute, in pochi anni è arrivata ad essere aggiunta all'elenco delle star che si esibiranno durante il weekend del Super Bowl.

Evento che si terrà  dal 31 gennaio fino al 1 ° febbraio 2020 al Marlins Park di Miami, in Florida.

Non è la prima volta che un artista giamaicano si esibisce in un evento così importante, ma non è mai successo ad una così giovane età.

La cantante giamaicana  si unirà ad altri artisti precedentemente programmati per le attività del fine settimana dell'evento, che include Cardi B, Chris Brown, Migos, DJ Khaled, Gunna, Megan Thee Stallion, Burna Boy, Jeremih, Ty Dolla $ign , Safaree, Non sarà la sola che dalla piccola isola arriva  al Super Bowl,  altri giamaicani si esibiranno e sono Squash e Shenseesa.

 

Il Super Bowl 2020, il principale evento sportivo dell'anno negli Stati Uniti, è la 54° messa in scena della finale, che si svolgerà il 2 febbraio 2020, presso lo stadio Hardrock di Miami Gardens, in Florida.

Durante lo spacco di metà tempo della partita ci saranno Shakira e Jennifer Lopez ad intrattenere i presenti allo stadio e naturalmente in TV.

 

La conferma dell'apparizione di Koffee ai festeggiamenti del weekend del Super Bowl, èla seconda grande conferma, la sua partecipazione al Coachella Valley Music and Arts Festival si terrà dal 10 al 19 aprile, all'Empire Polo Club di Indio, in California.

Questi due importanti passi da gigante rappresentano un ulteriore bagno di popolarità per la cantante giamaicana che è stata nominata al Grammy per il suo EP intitolato "Rapture".

Koffee, è nata Mikayla Simpson a Spanish Town, in Giamaica nel 2000 . Nel 2019, la cantante ha firmato con l'etichetta Columbia Records .

La sua ascesa musicale è iniziata nel 2016 quando ha vinto concorso al suo liceo, l’ Ardenne High School di Kingston, in Giamaica.

La sua popolarità è aumentata quando ha caricato un video su Instagram ed ha pubblicato il suo primo singolo, "Legend", nel 2017 , il suo omaggio al campione olimpico giamaicano Usain Bolt, diventato virale.

 

Fantastico ! È cio che che vedrete ha veramente dell'incredibile se pensate che è stata suonata e cantata dal vivo contemporaneamente in angoli diversi della terra.

Grazie alla tecnologia ,,,, ma in questo modo vanificheremo il grande lavoro svolto da Playing For Change per coordinare, realizzare e rendere fruibile un opera d'arte del genere.

Sentirete i migliori musicisti suonare il proprio strumento mentre Bunny Wailer, Manu Chao e Bushman interpretano Soul Rebel una delle canzoni più famose dei The Wailers di Bob Marley.





Soul Rebel featuring Bunny Wailer and Manu Chao | Song Around The World | Playing For Change







https: //www.facebook.com/PlayingForCh ...
https://twitter.com/playing4change
http://instagram.com/playing4change

Playing For Change (PFC) è un movimento creato per ispirare e connettere il mondo attraverso la musica, nato dalla convinzione condivisa che la musica ha il potere di abbattere i confini e superare le distanze tra le persone. L'obiettivo principale di PFC è registrare e filmare musicisti che si esibiscono nei loro ambienti naturali e combinare i loro talenti e il potere culturale in video innovativi chiamati Songs Around The World.

La creazione di questi video ha motivato la PFC a formare la banda di Playing For Change, una rappresentazione tangibile e itinerante della sua missione, con musicisti incontrati durante il loro viaggio; e istituire la Playing For Change Foundation, un'organizzazione no profit dedicata al supporto di programmi musicali per bambini di tutto il mondo.

Attraverso questi sforzi, Playing For Change mira a creare speranza e ispirazione per il futuro del nostro pianeta.

Ancora una volta voleremo in Jamaica,  siamo stati Accreditati ufficialmente al Festival più importante sull'isola da dove Reggae Revolution vi racconterà la prossima edizione.

Sarà un edizione speciale dedicata ai diritti dell'uomo ma soprattutto alla libertà. L' obiettivo mandare un forte messaggio per la liberazione delle persone oppresse in tutto il mondo.

Questo è il ruolo del festival Rasta, come spiega l'onorevole Olivia Grange, Ministra della cultura, dello spettacolo e sport in Giamaica.

“ Il prossimo Rebel Salute avrà un ruolo svolto storicamente dalla musica reggae nella liberazione delle persone oppresse in tutto il mondo e nell'ispirare la nostra gente ad essere orgogliosi nel del nostro patrimonio ”

 

L'ispirazione a Tony Rebel è venuta nella scorsa edizione quando ha conosciuto ma soprattutto quando è salito sul palco Bobi Wine. Nella sua spettacolare esibizione aveva fatto crescere di intensità e di contenuti il Rebel Salute raccontando cosa succede in Uganda e cosa gli è capitato.

Un nuovo Tiken Jah Facoly o Alpha Blondy un nuovo liberatore dell'Africa che con le sue canzoni tenta di contrastare il dittatore e gli ugandesi dall'opressione dittatoriale.

Da allora una forte amicizia si stretta tra Bobi Wine e Tony Rebel, quest'ultimo ha supportato in Giamaica promuovendo la sua lotta alla liberazione ed invitandolo per la seconda volta consecutiva salirà sul palco

Bobi Wine, il cui vero nome è Robert Kyagulanyi Ssentamu, ha fatto notizia nel 2019 ,quando è stato arrestato nel suo paese e posto in un carcere di massima sicurezza. Inizialmente agli arresti domiciliari e poi in prigione accusato di incitamento alla violenza"
Dichiarato non colpevole dell'accusa . Nel video del procedimento giudiziario, che è stato visto in tutto il mondo, Bobi Wine con il suo berretto rosso, in piedi davanti ai suoi accusatori: “Sono qui solo perché non sono d'accordo con la leadership politica di questo paese e in particolare con il presidente Museveni. Ma il mio spirito è fiducioso perché non sono qui perché ho rubato fondi pubblici o ucciso qualcuno ", ha detto.
Ma passiamo al festival, con il rinnovato sito ed il Live Streaming confermatissimo e tutti i canali social, dove seguirlo

 

Line UP REBEL SALUTE

Venerdi 17 Gennaio 2020

Steel Pulse, Toots & The Maytals , Sanchez, Beenie Man, Bobi Wine, Terry Linen, Chevaughn, Tony Rebel Notis Heavyweight Rockaz, Torch, Abby Dallas, Mackeehan, Kenyatta Hill, Chi Ching Ching, Treesha, The Wailers Trio, Suga Roy & The Fireball Crew, Papa Michigan, Singing Melody, Queen Omega, Leroy Sibbles, Flourgon, General Trees, Stevie Face, Carl Malcolm, Lone Ranger, Johnny, Jermaine Edwards

 

Sabato 18, Gennaio 2020

Richie Spice, Chronic Law, Jack Radics, Jahbar I, George Nooks, Anthony B, The Meditations, Queen Ifrica, Mortimer, I Octane, Jesse Royal, I Wayne, Louie Culture, Lady G, Mikey Spice, Errol Dunkley, Jack Scorpio, Steven Blake, Tony Tuff, Wayne Wade, Imeru Tafari, Hopeton James, Rhoda Isabella, Leba Hibbert, Benjy Myaz, Mischief, Dynamq Sound, Tafasta

 

WEB SITE : www.rebelsalutejamaica.com

Pagina FB : www.facebook.com/groups/11508215593

 

 

 

 

Martedì, 17 Dicembre 2019 10:56

Video : CIAPET - MICHELLE HUNZIKER FT ALBOROSIE

Una telefonata arriva dall'isola caraibica, proviene dalla Giamaica ed è Pupa Albo in persona che videochiama la famosa Michelle Hunziker per dare il via al nuovo video dal titolo irriverente.

Si chiama Ciapet ed è dedicato a tutti quelli che non vedono altro in una donna ma anche ai politici che promettono e non mantengono a cui invece mostrarle in pieno movimento simile al twerking. Ma soprattutto a quanti leccano ... le Ciapet

La base è di chiara origine dancehall ed è stato realizzato con la partecipazione straordinaria di Tomaso Trussardi il marito della Hunziker e la supervisione di J-Ax


Il video vanta un corpo di ballo eccezionale, ci sono le veline di Striscia la Notizia il resto è tutto da vedere

 LINK https://youtu.be/fUvi1V3CeOo

Lunedì, 16 Dicembre 2019 16:41

STRIKLY REAL: IL NUOVO ALBUM DI RAYMOND WRIGHT

Fuori dal 11 dicembre 2019 “Strikly Real” il nuovo album di Raymond Wright, un artista nativo di Kingston in Jamaica, ma da alcuni anni stabile in Europa, tra Italia e Germania.
Nel 2001 esce per l’etichetta Rasta Snob Records, il suo primo album dal titolo “Point Black”. Passano alcuni anni e nel 2009 esce il secondo album “Many as One”, prodotto da Pow Pow Movement. Negli anni a seguire, invece, partecipa con alcuni singoli ad alcune compilation, brani come “E&J” sul Red Print Riddim, “Program” sul Rub A Dub Man Riddim, “Cry Cry” sul Soul Riddim, cantati su basi della famosa etichetta tedesca Oneness Records.


Nel 2019 entra negli studi della Vibes Point per registrare Strikly Real, il suo terzo album, registrato tra Italia e Jamaica. Il nuovo lavoro è composto da tredici tracce, variando tra atmosfere Roots, Soul e Reggae Lover, e miscelano elegantemente  tradizione “old school” e suoni moderni.


I brani sono stati prodotti e arrangiati da Piero Dread. Nei mesi scorsi sono uscite due traccie con dei videoclip “Woman” e “My Lord”.
Sono due invece le featuring presenti nell’album, una “My Brother” con Piero Dread  e l’altra assieme a Lion D col brano “Jah If You Let Him”.


Il brano “Keeping You” è un tributo al leggendario Ale Soresini (storico batterista degli Africa Unite e altri progetti come Smoke , Reggae National Ticket e per un periodo la band di Alborosie Shengen Clan), autore anche delle rispettive tracce.
Tra gli ospiti spicca sui brani la corista Fiona Forrest, originaria di Portland, Jamaica, conosciuta come Empress Chai nel mondo musicale.


Raymond Wright presenterà il nuovo album in una tourneè che toccherà moltissime città d’Europa e sarà accompagnato dalla Sound Rebels band e proporrà uno show Reggae/Soul di brani originali e imperdibili classici giamaicani.
Il nuovo album sarà disponibile in digitale su tutte le più importanti piattaforme musicali e CD a partire dal  11 dicembre 2019.

 

 

 

 

 

 Press Italia: RitmoInLevare

www.ritmoinlevare.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Buju Banton, ha fatto un salto fenomenale nella stratosfera musicale firmando con l’importante etichetta Roc Nation.
La label Roc Nation è nata nel 2008 dal rapper JAY-Z, in scuderia ha tra gli artisti più talentuosi di diversi generi musicali, come rock, pop, hip-hop, latino e reggae. Trai tanti c’è Big Sean, Cassanova, Dj Khaled, Fabolous, Fat Joe, Shakira, The Lox, Yello Claw e Damian Junior Gong, Marley.

Con la recente firma di Gargamel è il secondo artista reggae a firmare per l'etichetta, dopo quella di Junior Gong nel 2016.

Ad avvicinare l’artista giamaicano a JAY-Z  è stato dei più grandi nomi dei Caraibi.  Rihanna ha  effettivamente contribuito a stabilire un legame con la nuova etichetta. Lo ha confessato Buju Banton durante un'intervista con i Rolling Stones.

Si era visto con Rirì durante la tappa alle Barbados del suo Long Walk to Freedom tour iniziato  in Giamaica con una folla di oltre 30.000 persone allo stadio nazionale. ( vedi Foto in Esclusiva link )

I dirigenti dell'etichetta sembrano entusiasti di avere la superstar del reggae in squadra. I copresidenti, Shari Bryant e Omar Grant, hanno dichiarato: "È un onore lavorare con una leggenda e un pioniere del calibro di Buju - Il suo catalogo musicale è semplicemente senza pari. Siamo entusiasti di aiutare a spingere in avanti la sua eredità e non vediamo l'ora di amplificare la sua rinascita a livello globale ".

Banton sembra anche moralmente collegato ai valori dell'etichetta ed ha espresso che condividono le stesse priorità. Secondo Buju Banton, c'è un obiettivo "fare le cose in modo indipendente e dimostrare che possiamo promuovere un'unità nella nostra gente che non può essere emulata da nessun'altra parte".

L'ultimo album di Buju, Before the Dawn, gli è valso un Grammy Award nel 2011. Con 10 anni di riflessione trascorsi dietro le sbarre, oltre a una nuova etichetta, le aspettative di un progetto integrale di Buju Banton per il 2020 stanno procedendo piuttosto bene.

Il grande accordo di distribuzione tra Roc Nation e Sony Music è una manna per il giamaicano. Con una distribuzione mondiale la sua musica potrebbe raggiungere nuovi fan in tutto il mondo.

In attesa del nuovo Album di seguito riportiamo  i vari singoli pubblicati da Buju, "Trust" e recentemente "Steppa"

 

Buju Banton - Steppa

 

 

Si è aperto un caso e l'opinione pubblica è rimasta scandalizzata quando uno dei team che hanno raggiunto la finale è stato mortificato oltre ogni limite. Non stiamo parlando di parolacce all'ordine del giorno negli scontri,ne di offese personali anche queste purtroppo eccessive, poi condannate da Capleton, ma lo leggerete nel resto di questo articolo.

Un dubplate in particolare non doveva essere suonato, quelle offese dovevano restare nel hard disk è mai usate.

Svoltosi per la prima volta in Jamaica la madre del clash da dove il Red Bull Culture ne ha attinto la formula, nel giorno del 2 Novembre per la ricorrenza dell'incoronazione allo Stadium Arena invece è successo di tutto.

La formula del clash prevede lo scontro tra vari sound system divisa in round fino al Tun fi Tune quando i 2 sound usciti vincenti si scontrano snella finale.

A decretare il vincitore al Red Bull Culture Clash 2019 è stato il “Decibel Metre” . Sull'isola la ha debuttato tecnologia, con 104 decibel contro i 94 la folla accorsa alla manifestazione ha decretato il sound vincente e stroncato gli avversari di Romeich Entertainment.

Un pannello segnava e registrava addirittura i picchi di rumore corrispondenti alla somma delle urla dei presenti. La massiva scatenata ha supportato Strike Force e messo fine alla vergognosa offesa.

 

Tutto è permesso in un clash, no assolutamente ci sono delle regole tra cui quelle morali e su questo è stato chiaro Fireman “ La competizione ha fatto dancehall. Prima si faceva solo per divertimento, ma in questi tempi, penso che esagerino troppo ” ha dichiarato Capleton al Jamaica Observer

 

COSA E' SUCCELLE E LA GOCCIA CHE HA FATTO TRABOCCARE IL VASO

 

Durante la parte finale che alleghiamo, che potrete vedere ed ascoltare, Strike Force è stato offeso da un Dubplate "speciale" registrato forse prima dell'incidente ad uno dei collaboratori del proprio team.

Questa persona ed esattamente il silecta di Strike Force , è morto in un incidente poco prima.

La canzone contro Niko Chromatic non doveva essere suonata è vergognoso offendere una persona deceduta.

E questo ha fatto scoppiare un caso mediatico ed in tanti prendono le distanze ma nonostante il vergognoso incidente, Capleton e Jah Vinci credono i Clash siano essenziali per la dancehall, se sono solo per puro divertimento.

 

La competizione è la formula storica nata sull'isola ma le offese e parolacce sono un virus

 

Jamaica Red Bull Culture Clash 2019 Part 4 Finale

 

fonte: Jamaican Observer

 

 

 

 

Pagina 1 di 60