News

News (290)

Giovedì, 05 Luglio 2018 16:19

VILLA ADA POSSE 25 ANNI DI REGGAE

Scritto da

Raina, Ginko, Lady Flavia e DJ Pecoz gli attuali membri di una delle formazioni reggae e raggamuffin più longeve della musica italiana, annunciano la festa per il venticinquesimo compleanno sabato 7 luglio al Forte Prenestino.

I Villa Ada Posse scelgono il loro nome dal famoso parco romano di Villa Ada, dove sono soliti riunirsi agli inizi degli Anni '90. La crew muove i primi passi nel periodo di massima espansione delle posse, nonché dell'attivismo dei centri sociali di tutta Italia.

Nel 1993 registrano il loro primo demotape su cassetta, il nastro riscuote un grandissimo successo andando a ruba in tutta Italia e venendo duplicato in migliaia di copie.

Successivamente la band prende parte a una serie di live prevalentemente nei centri sociali, come quello particolarmente significativo del 1995 dove incontrano i Sud Sound System.

Nel frattempo, la crew consolida la sua formazione con i cantanti: Aldan, Lady Flavia, Raina, Ginko e Brusco. Nel 1997 esce il primo disco autoprodotto dal titolo "Musically", l'album raccoglie brani composti tra il 1991 al 1997.

Nel 2000 Brusco lascia la crew e inizia la sua strada come solista, mentre il resto della posse continua proponendo i suoi live per lo stivale. Nel 2001 viene pubblicato il nuovo disco autoprodotto "Villa Ada Crew @ Raina Studio".

Nuovo giorno del 2007 è l'ultimo album ufficiale della band, seguito però da numerosi singoli di successo e cd solisti dei membri della crew come Stereo di Lady Flavia, Musica ribelle di Ginko e Che colpa ne ho e Geneticamente microfonato di Raina. In tutti questi anni di musica la Villa Ada ha spinto le sue vibrazioni anche oltre confine suonando in Inghilterra, Svizzera, Olanda, Spagna, Austria, Francia, Slovenia, Argentina e Belgio.

Dopo circa duemila esibizioni dal vivo, tra concerti e dancehall, e diversi singoli e album, la Villa Ada Posse torna di nuovo sul palco con la formazione “originale” completa solo per una notte. Un omaggio per i fan e gli amanti del genere che vedrà protagonisti, insieme a Ginko, Raina e Lady Flavia, anche Brusco e tutti i membri fondatori della band come Aldan, Loza, Drama, Marzia e Sister Fefe che si esibiranno proponendo i brani del celebre album Musically.

Per i brani più recenti saranno invece accompagnati dalla Madhouse Band, nuova formazione composta da musicisti attivi da diversi anni nella scena reggae romana e backing band del noto evento capitolino “Romamuffin”: Bozzo (batteria), Roberto Sieri AKA Robbie Dread (basso), Jump (chitarra), Shiny D (tastiere), Aquilani (sax), Simone Arcangeli (tromba) e Federico Valeri (percussioni).

Ad arricchire la serata anche nomi storici del panorama romano, non solo reggae, che hanno condiviso con la Posse questo lungo percorso musicale: Danno dei Colle der Fomento, Baracca Sound e Lion D saliranno sul palco con la band; mentre One Love Hi Powa, Toretta Style, Welcome 2 the Jungle, Mr Later e DJ Pekoz intratterranno il pubblico dalla consolle. Spazio anche per artisti più giovani come Rasta Lady, Sealow e Rasta Ciccio. Si inizierà alle 19 con un aperitivo musicale. A seguire la cena e dalle 22 DJ set e concerti.

Martedì, 26 Giugno 2018 17:09

MAVADO TEME L'ARRESTO E RESTA LONTANO DALLA JAMAICA

Scritto da

Con la scusa degli show programmati, intanto sono passate tre settimane da quando Mavado ha lasciato la Giamaica ed è rimasto negli Stati Uniti.
Su di lui, pende un mandato di comparizione, e nonostante un avvertimento da parte delle forze dell'ordine di tornare sull'isola al più presto e consegnarsi. Sembra che si tenga debitamente lontano.

Fonti all'interno di Gully hanno detto che è improbabile che ritorni sull'isola .

Dal momento della sparatoria che ha provocato Mavado in persona nella sua Cassava Piece, per difendere il figlio, c'è stato un escalation di violenza nell'intera comunità che ha portato la polizia ad estendere ed includere Cassava nell'emergenza nazionale.

Due omicidi da entrambe i lati, il socio di Mavado e quello probabilmente ucciso da suo figlio, appartenente alla gang di uno dei Don .

Mavado ora sta lontano dalla Giamaica perché il cantante ha paura e teme il complotto contro di lui.

"Un sacco di cose accadono meglio che le cose si raffreddano. In questo momento non ci si i può nemmeno fidare della polizia, visto che non ha chiaro cosa è realmente accaduto. Quindi la cosa migliore per lui in questo momento è semplicemente rimanere in un paese straniero "

Il figlio di 16 anni di Mavado e un altro uomo sono stati accusati dell'omicidio di Thomas e sono entrambi detenuti senza vincolo.

Il cugino di Gully Gad, Chase Cross, artista dancehall, è stato anche accusato di aggressione per il suo ruolo nella disputa interna iniziale che ha portato alla sparatoria. Attualmente è fuori su cauzione.

 

 

Mavado - Father God (Official Animated Lyric Video)

 

Mercoledì, 20 Giugno 2018 09:21

LINE UP COMPLETA E TUTTO PRONTO PER L'OVERJAM 2018

Scritto da

L’Overjam International Reggae Festival presenta la line up completa e le ultime novità preparate per questa settima edizione che si svolgerà dal 10 al 15 luglio a Tolmin (Slovenia). Ancora una volta l’evento rispetta la tradizione di riunire il meglio della scena internazionale ed europea, sia a livello di artisti affermati che emergenti.

Sul palco principale, Ziggy Marley e New Kingston sono i nomi di spicco del 12 luglio, mentre il 13 l’attenzione sarà puntata su Macka B & The Roots Ragga Band e Mellow Mood, e infine Protoje & The Indiggnation si incaricheranno di chiudere la programmazione. Inoltre sul main stage si esibiranno anche Awa Fall aka Sista Awa & The Sound Rebels, Earth Beat Movement, Pokyman & Lukie Fwd, Siti Hlapci, Italee, Nadirah X e Israel Voice, Brain Holidays e Shanti Powa.

Il palco Dub sarà affidato a Warrior Charge come resident sound, e saranno accompagnati da OBF feat. Sr. Wilson e Charlie P, Paolo Baldini Dubfiles feat. Jules I y Andrew I, Coxsone Sound, Brother Culture, Kings Hi-Fi – Leo Samson, Digitron, Mmmeniga, DJ Kanto e Dub Kali.

L’area Dancehall sarà invece gestita dal sound residente Huntin’ Sound e vedrà protagonisti anche Northern Lights, Ma’Gash, Benny Page e Warrior Sound.

La programmazione musicale è completata da due primi giorni dedicati ai sound system, oltre a un DJ Party il giorno 9.

Nella spettacolare spiaggia fluviale che caratterizza l’ambiente del festival, sarà possibile assistere a sessioni di DJ, workshop, attività per bambini e la Overjam University, che quest’anno vedrà la presenza di David Katz, scrittore, giornalista e DJ di origini americane ma residente a Londra, che guiderà le sessioni dedicate alla musica reggae:

  • 12 luglio: The Italian-Jamaican Connection con Jacopo e Lorenzo Garzia e Giulio Frausin dei Mellow Mood, e il produttore Paolo Baldini.

  • 13 luglio: Three Generations of Black British Sound System Culture con Lloydie Coxsone, Macka B e Brother Culture.

  • 14 luglio: Women of Contemporary Reggae con Nadirah, Italee e Michelle dei Northern Lights.

È possibile acquistare i biglietti a questo link. Gli abbonamenti completi costano 120€, mentre il Fat Package, che include anche il parcheggio per tutto il festival, il DJ party del 9 luglio e l’accesso al campeggio già dall’8, costa 155€. I biglietti giornalieri per i giorni 12, 13 e 14 sono in vendita al prezzo di 29€, e per i giorni il 10 e l’11 luglio costano 20€. La grande novità di quest’anno è che tutti i biglietti danno accesso al campeggio, uso illimitato del punto ricarica dei cellulari, docce calde, deposit box, e inoltre guida del festival, tappi per le orecchie, cauzione e sistema paycard.

 

Sabato, 09 Giugno 2018 14:16

SHAKALAB - NON FACCIAMO MUSICA - OFFICIAL VIDEO

Scritto da

Proprio vero gli Shakalab non fanno musica ma "Bombe" a ogni uscita.

Sono ormai anni che la Crew Siciliana sforna successi un incontro di diversi artisti con diverse influenze che si mescolano perfettamente e il risultato si sente nelle loro "Bombe".

GUARDA IL VIDEO :

Martedì,  un numero imprecisato di agenti di polizia è piombato nella villa di Mavado a Norbrook ed ha arrestato il figlio di 16 anni, Dantay Brooks ed altri membri della famiglia, tra cui la cugina Chase Cross. Anche il fratello ed il cugino, sono finiti  sotto indagine, ma devono ancora essere incriminati.

L’accusa è quella di omicidio di Lorenza Thomas, 23 anni, conosciuto nella comunità come Israel.

Thomas è la seconda persona ad essere uccisa negli ultimi giorni . Il primo a  cadere sotto i colpi d’arma da fuoco al mercato di Constant Spring in Kingston è stato Ian Robinson, noto come Gaza Man, considerato come il socio di Mavado.

Gli inquirenti ritengono che l’omicidio è una rappresaglia in seguito  a quello che è accaduto sabato scorso che ha coinvolto lo stesso artista.

Ma cosa è successo Sabato a Cassava Piece  ?

Mavado è veramente fortunato ad essere vivo dopo essere stato sparato diverse volte nella sua comunità di Cassava Piece sabato.

Il dancehall singjay era andato a Cassava Piece, dove è cresciuto, sabato alle 11:30 circa, per risolvere una disputa tra suo figlio e un altro uomo.

C’è stata una discussione accesa e sono venuti alle mani. L'uomo, è un Don ( capo dei criminali) della zona.

Dopo la scazzottata  è corso via ed è tornato poco dopo con un gruppo di uomini armati che hanno iniziato a sparare una raffica di proiettili contro Gully Man.

Fortunatamente è rimasto illeso ed è corso verso la stazione di polizia di Constant Spring  a presentare una regolare denuncia. . Il sovrintendente Dahlia Garrick, ha confermato che un è stato arrestato un uomo.

Mavado è attualmente ricercato per essere interrogato per la sparatoria di qualche giorno fà.

Le fonti delle forze dell'ordine vogliono interrogare il cantante in relazione all'uccisione di un giovane a Cassava Piece all'inizio di questa settimana.

Martedì, le forza dell’ordine giamaicane hanno  emesso un comunicato, quello di presentarsi  alla polizia entro mezzogiorno di oggi.


I poliziotti non hanno indicato se Mavado sarà accusato di crimini, ma dicono di voler parlare con lui perché credono che possa aiutarli nelle indagini sull'uccisione di Lorenza Thomas.


L’artista dancehall non è sull’isola,  si esibirà a West Palm Beach per uno spettacolo con Trina questo fine settimana.

 
 
 
Martedì, 05 Giugno 2018 06:54

BARRINGTON LEVY SPARATO ALLA SCHIENA – VIDEO

Scritto da

La notizia è di qualche giorno fa, il noto artista reggae ricoverato all’ospedale per una ferita d’arma da fuoco.

Tra incredulità e preoccupazione di tutti ci si chiede come stia  e soprattutto cosa sia successo, visto che il cantante non fa parte dei così detti badman.

 

Fortunatamente non è grave ed è lo stesso  Barrington Levy a rassicurare tutti con il video allegato pubblicato sul suo  profilo di Instagram che riportiamo in basso

Il breve video clip  serve e come  a tranquillizzare i suoi fans e tutto il mondo del reggae.

 

BARRINGTON  ringrazia dio che è ancora vivo dopo questa brutta esperienza ed ad un certo punto della registrazione si alza la maglietta e sul fianco mostra la ferita alla schiena.

 

Non è chiaro se sia stato un proiettile vagante, ma sembrerebbe che si sia trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato

La fortuna ha voluto che non è stato colpito in un punto non vitale

 

 VEDI VIDEO QUI

https://www.instagram.com/p/BjexgzTnvVi/

 

 

 

Domenica, 03 Giugno 2018 08:17

BAZOOKA - SHAKYA - IL RITORNO

Scritto da

Capita che nella vita di un'artista sopraggiunga la necessità di cambiare il proprio nome d'arte , quasi sempre il cambio è legato ad esperienze di vita personali.
L'ultima volta che abbiamo scritto di questo giovane talentuoso artista Siciliano si chiamava "Stone Big Fyah" oggi lo ritroviamo con il nome di "Shakya".


Dopo aver lasciato l'italia alcuni anni fà ha passato un periodo di inattavità ma oggi si ripresenta con "Bazooka".
Cambio nome per "Stone" quindi , ma non stile , non l'impegno nelle liriche non la voce originale e unica del Singer Siciliano.
Non spreca una rima Shakya , come nel suo stile , le usa tutte per denunciare cio' che vedono i suoi occhi nella quotidianità .


Il video è affidato alla regia di Giorgio Lombardi e risulta fresco e originale nella sua semplicità.
Dice Shakya,Praticamente è andata così:
avevo un beat che mi girava in testa da tutto il giorno, così ho acceso la mia RC-505 e ne ho creato la struttura in loop.
Successivamente ci ho cantato sopra.


Così ho pensato di farlo ascoltare a quel folle genio di Giorgio Lombardi, come facciamo spesso, scambiandoci in privato i nostri provini e lui mi ha risposto:
"Mi piace. Se mi lasci carta bianca mi è venuta un'idea!"
In un solo giorno di riprese ha tradotto il mio suono in immagini e con la OptikMovie ha creato questo viaggio.
La genialità dell'artista si fonde con quella di chi lo ritrae in immagini.


Una strumentale interamente realizzata in beatbox ad opera di Shakya ed una regia d'eccezione ad opera di Giorgio Lombardi e di tutta la OptikMovie.
Prendete e condividetene tutti!

GUARDA BAZOOKA:

 

https://www.facebook.com/shakyaofficial

Eravamo ancora sull'isola quando è stato proclamato lo Stato di Emergenza per far fronte all'escalation criminale nel parish di St. James in Giamaica. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l'uccisione di diverse persone crivellate in auto. Appena fuori nella zona dei grandi resort ed a due passi dall'aeroporto di Montego Bay.

In quella macchina c'era anche un bambino, ucciso senza pietà. Stato di Emergenza scattato pochi giorni dopo poi prolungato ancora per capire chi sta dietro a questa scia di uccisione selvagge che sta dettando terrore e spavento anche tra i residenti.

In relazione a questi crimini, il dipartimento per l'indagine sul terrorismo e la criminalità organizzata (C-TOC) qualche giorno ha emesso l'ordine di cattura e arresto per il noto artista dancehall Tommy Lee Sparta.

Sparta stava prelevando contanti presso un bancomat di St. Andrew, è stato trasferito al Freeport police lockup dove è detenuto sotto lo stato di emergenza pubblica.

Fonti della polizia dicono che “Uncle Demon“ potrebbe affrontare alcune gravi accuse per omicidio ci sarebbero prove che lo collegano a vari crimini avvenuti nella zona di Montego Bay.

Tommy Lee ha negato di essere coinvolto in crimini nella zona dicendo che non vive più nemmeno a Montego Bay. Ha paura per la sua vita, teme la vendetta che le forze di polizia contro di lui.

Un ossessione della polizia che vuole mettere in galere il Deejay o ci sono prove reali che legano Tommy Lee a tutto quello che è successo.

Seguiremo le evoluzioni

 

E' stato pubblicato anche questo Cartone Animato proprio sul suo arresto !

 

 

«L’idea per “Aperisushi” mi è venuta ascoltando “Stayin’ Alive” dei Bee Gees. Alla base delle due canzoni c’è la ballabilità, il senso del groove. Volevo scrivere una canzone che si potesse ballare ma dal testo pungente»
Dopo il successo dell’album “Repubblica delle Cucozz” e di brani quali “Cilentoland” (oltre 64mila visualizzazioni su Youtube) torna sulla scena Dutty Beagle con un nuovo singolo/videoclip: “Aperisushi”.
«Non mi interessava trasmettere necessariamente un messaggio ben definito, volevo, per così dire, “fotografare” in maniera ironica la società di oggi e le sue stranezze. Per questo il testo è più visivo che narrativo».

Registrato e mixato a Cava de’ Tirreni nello Studio XXXV da Johnny Paglioli e masterizzato da Simone Squillario (collaboratore del Dub The Demon Recording Studio di Madaski degli Africa Unite), “Aperisushi” è un brano che punta il dito verso le pressioni della società moderna:
«L’abitudine dell’aperisushi, per come l’ho intesa io, rappresenta un’alternativa ai ritmi serrati della società occidentale. Siamo così presi dal lavoro, dalla voglia di raggiungere uno status che non ci appartiene e di apparire che non abbiamo più il tempo per concederci un po’ di relax e conoscere veramente gli altri senza il filtro di un profilo social che spesso ha l’obiettivo di farci sembrare felici e nascondere le nostre debolezze».


Il brano è accompagnato da un videoclip realizzato dal comico dei salernitani Villa PerBene, Francesco D’Antonio (Zelig Off, Colorado), e da Enrico Francese, coadiuvati da Francesco Paglioli:
«Francesco e Enrico hanno ascoltato il brano e, in pochissimo tempo, hanno elaborato una loro visione. Mi intrigava avere l’input di qualcun altro, ero curioso di sapere cosa potesse suscitare la canzone in persone abituate a lavorare con un mezzo “cinematografico” come quello dei videoclip».
“Aperisushi” anticipa l’uscita del prossimo album di Dutty Beagle (attualmente in fase di mastering) al quale ha partecipato anche Andrea Tartaglia, frontman dei Tartaglia Aneuro.
«Le nuove canzoni sono il frutto di un percorso lungo tre anni, durante i quali credo di essere maturato come persona e come autore. I libri che ho letto, le esperienze che ho vissuto, la gente che ho incontrato e il mondo che mi circonda mi hanno fornito l’ispirazione per comporre i testi».


BIOGRAFIA:

Lo spirito reggae, l’energia dello ska, il ritmo incalzante del funky: questo è Dutty Beagle, un mix di suoni che attraversano l’anima di questo strano personaggio in bilico fra esplosività e sentimento.
Antonio Cusati, in arte Dutty Beagle, nasce il 4 febbraio 1992. Cresce a Marina di Camerota (SA), un paese fortemente influenzato dalla cultura sudamericana (venezuelana in particolare) a causa dell’emigrazione di massa dei primi del novecento. Sin dall’infanzia frequenta un ambiente solare e spensierato in un quartiere, la Chiandata, che si rivelerà fondamentale per la crescita fisica e artistica.
Muove i primi passi nel mondo della musica sotto l’ala protettrice della Old Nine On Fire Crew, impegnata nella diffusione del reggae nelle dancehall delle calde stagioni estive. Grazie a questa collaborazione, nel 2010 nasce il primo singolo, “Born in South”.


Un altro incontro fondamentale è quello con Emanuele “Nos” Saggiomo, nel 2013. Vede così la luce il progetto Cilento Rootz, che toccherà l’apice con l’uscita del primo EP di 5 tracce. Durante questo periodo, molto rilevanti sono le esibizioni in apertura di artisti del calibro di Clementino, Jovine e Gogol Bordello. Nel 2015 viene pubblicato su Youtube il primo videoclip, “Cilentoland”, che supera le 64.000 visualizzazioni, consacrandosi come inno del Cilento.


Il 2 luglio 2015 è una data fondamentale perché vede l’uscita del primo album di Dutty Beagle, “Repubblica delle Cucozz”, affiancato da importanti collaborazioni con artisti quali Nicola Caso, Oz Real e Leo In. Il disco tratta prettamente tematiche di denuncia, in modo particolare il disagio e l’immobilismo in un territorio come quello cilentano e l’isolamento fisico e mentale dei giovani.
In un pomeriggio di novembre del 2015, in un freddo locale di Camerota utilizzato dai fraterni amici della Ma.Fra. Band, si verifica una svolta decisamente importante: prende corpo la formazione attuale del progetto Dutty Beagle che vede tornare protagonista, in veste di bassista, Emanuele “Nos” Saggiomo. A lui, in breve tempo, si uniranno gli altri membri della band: Davide “from Vuccafera Massive” Siervo (batteria e percussioni), Davide “from Bellizzi” Palmentiero (chitarre) e Vincenzo “Mbo” La Mura “from Trentinara Massive” (chitarre e cori e, dal 2017, basso).

GUARDA IL VIDEO:

LINK:

FACEBOOK: https://www.facebook.com/DuttyBeagleOfficial
SPOTIFY: https://open.spotify.com/artist/6zhxfzjwvvFatz4oYkmzE5
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCbHFReAFSOvDB61jtr8IZ-A

Una brutta disavventura proprio dove proprio non te lo aspergeresti. E' accaduto in California in America, alla nota attivista Donisha Prendergast, la nipote di Bob Marley. Erano stati al Kaya Fest nella vicina San Bernardino e avevano dormito per due notti, insieme a un loro amico fotografo ma bianco.

Prego fornite i documenti e seguiteci per i riconoscimento alla centrale di Polizia. Non è sevito mostrargli l'id o la prenotazione tramite un app di un noto sito.

Nemmeno chiamare il proprio avvocato o il padrone dell'appartamento.

 Nel video postato da Donisha. si sente la voce delle forze dell'ordine rispondere per radio -

“ … abbiamo fermato le tre persone di colore che stavano rubano …. “


A loro carico una denuncia, perchè essendo neri in un quartier bianco, erano i sospettati ideali per svaligiare un appartamento.

Le volante è giunta proprio fuori il loro portone, mentre stavano lasciando la casa.


Il vicino ha chiamato la centrale parlando di una sospetta rapina, dando colpa a Donisha e dei suoi amici, che stavano spostando le valigie nella loro auto.

Gli agenti, accorsi sul posto, si sono portati coercitivamente il gruppo di artisti per circa 45 minuti al comando.

L’avvocato difensore Jasmine Rand chiarisce che è stato fatto una esposto razzista, false accuse, con una telefonata al dipartimento di polizia di Rialto il 30 aprile.

Vogliamo che chi ha chiamato sia ritenuto responsabile per questa accusa razzista, ingiusta e falsa.

 

La posizione del proprietario della casa è stata:

Se i tre avessero salutato non sarebbe accaduto nulla.

La risposta di Donisha

Non vogliamo vivere in un’America dove i neri sono costretti a sorridere ai bianchi per preservare le loro vite

 

 

Pagina 1 di 21