Reportages

Reportages (30)

Siamo finalmente riusciti a recuperare le foto della seconda serata del Rebel Salute 2017. Con grande piacere ora potete visionare il reportage fotografico completo. La notte più importante, quella di sabato è stata inserita nella nostra Gallery.

Come dimenticare il breve show di Derrick Morgan, con l'inno nazionale live. Più volte ha gridato sono il padre di un fenomeno Queen Ifrica che lascia intendere sia dalla parte organizzativa che artistica con la presentazione del suo disco con uno stand speciale.

L'esibizione più apprezzare della lunga maratona iniziata alle 9 di sera è contesa da Sanchez, Cocoa Tea, Queen Ifrica, Spragga BenzPopcaan .

Mai vista un esibizione così d'impatto di Sister Nancy e dell'incredibile esibizione di Lady Saw completamente Gospel … scioccante. Cose che solo al Rebel succedono e che vi possiamo raccontare i momenti salienti di ciò che è accaduto nel festival unico come quello organizzato da Tony Rebel in Jamaica quest'inverno.

Certo c'è voluto tempo, pubblichiamo le foto solo oggi, ce ne dispiace, però non ci siamo arresi. Il biglietto da visita di Reggae Revolution è quello di vivere da dentro i grandi appuntamenti in prima persona per poi farli rivivere.

Il Rebel Salute è l'unico festival Rasta e Reggae che va in onda promuovendo la storia della musica sull'isola. La preserva dando spazio ad artisti old roots e alle nuove leve della musica . Crea vibrazioni uniche. Anche quando vengono Pop Caan, Beenie Man e Assassin le cose non cambiano anzi gli artisti trasformano il nome ed abbandonano le sacche piene di diss e parolacce a casa.

Chi partecipa, canta solo in versione clean, radio edit per intenderci, regalando al pubblico della dancehall show unici, un modello da seguire per distinguersi dalla volgarità.

Tutti accettano compromessi alle regole culturali difese dal festival, comprese quelle alimentari in stile I-Tal (vitale). Vuol dire niente alcol e niente carne. Solo pesce e verdure agli stands nel suo interno.

C'è anche la Ganja Yard la così detta “Herb Curb” che ha il permesso speciale a seguito la nuova legge, che permette ad i Rasta di avele l'ultima parola. La Ganja in raduni RastafarI può essere venduta e promossa con un semplice permesso.

Dunque benvenuti con noi nell'esperienza più affascinante che la Giamaica offre.

Le foto sono di nostro fratello Marco Polo che continuano ad incantarci e ci trasportano magicamente in un viaggio al Rebel Salute, dentro e fuori il backstage ma principalmente sotto al main stage.

GUARDA LA GALLERY DIRETTAMENTE DA QUI

 

La qualità delle foto è impressionante, resterete colpiti. C'è voluto tempo, certo, ma ne è valsa la pena. Non sarebbe un reportage completo alla Reggae Revolution.it, senza le foto e la Gallery del nostro Marco Polo.

Dopo la recensione accompagnata dalle prime anticipazioni, il reportage dell'Erb Curb (la Ganja Yard), finalmente pubblichiamo l'intera giornata di Venerdì 13 Gennaio al Rebel Salute 2017.

Una delle nottate più difficili, che noi ricordiamo forse la più dura di tutte per il vento tagliente che portava con se pioggia a tratti. Il tutto ha reso più difficile il nostro ed il lavoro sul main stage.

Ora pubblicate in ordine di apparizione di tutti gli artisti, foto selezionate e curate da Marco, che ha voluto trasmetterci il meglio seguendo una linea temporale.

 Non dimentichiamo lo scontro verbale tra Tarrus Riley e Anthony B documentato con il video pubblicato in precedenza sul nostro portale

 Ci vediamo per la seconda parte quella di Sabato, la più esplosiva.

 

REBEL SALUTE 2017 - VEDI REPORTAGE FOTOGRAFICO

 

 

 

Poche è semplici domande per comprendere al meglio la Herb Curb. la speciale yard che da due anni accoglie associazioni di produttori e promuove dibattiti importanti sul tema Ganja medica, produzione industriale e la vendita da parte delle associazioni riconosciute .

Che cos'è la Herb Curb ?

La vedrete nelle foto, in sostanza una yard separata vicino al mare nella nuova spiaggia ricavata nella roccia, dove ci sono stands espositivi delle Associazioni di produzione di marijuana che provengono da tutti i parish della Giamaica ed anche produttori esteri.

 

E' legale in Jamaica?

No , parzialmente se ne può avere fino a 2 once, ma i festival dedicati alla spiritualità Rastafari possono richiedere un permesso speciale per venderla e promuoverla. Il Rebel Salute è riconosciuto come festival Rasta alla pari delle cerimonie.

 

Che quantità un produttore può portare con se ?

Questo uno dei temi affrontati dalla conferenza tenutasi Sabato pomeriggio, terminata pochi minuti prima dello show.

Molto accesa e dibattuta, Mutabaruka e Tony Rebel tra gli interlocutori insieme ad un vasto pubblico molto interessato.

La legge recentemente approvata il 6 Gennaio 2015 non contempla e regola motivo per cui è stato un argomento scottante.

 

Come è stata la seconda edizione ?

Non si sono visti i produttori esteri venuti ad esporre, dopo il primo anno non hanno confermato. Tutti giamaicani dunque, almeno da quanto ci è sembrato.

Meglio i dibattiti con temi, discussioni e problemi di un mercato crescente in fase di formazione con tutte le problematiche legali e non.

 

 

GUARDA LA GALLERY DELLA HERB CURB 2017 AL REBEL SALUTE

 Foto Esclusive by Marco Polo RR.it Family

Mercoledì, 14 Dicembre 2016 16:26

RASTAFARI ROOTS FEST Esclusiva 2016 - GIAMAICA

Scritto da

Circa 300 foto che testimoniano il reportage del primo festival dedicato alla ganja tutto giamaicano.

Anche se è alla seconda edizione questa volta corre da solo. Dopo la separazione con lo sponsor internazionale anche la World Cannabis Cup è tornata in Olanda.

Ben suppiantata però dalla Jamaican Ganja Cup, nulla da invidiare,  visto che l'erba locale è la vincitrice della prima ed unica edizione mondiale dello scorso anno.

La legge in Giamaica  permette la vendita con licenza speciale per usi sprituali, medici e curativi e Negril è il Rastafari Roots Fest 2016 ha avuto questo permesso per primo.

Tante foto . una full immersion in esclusiva dal nostro inviato speciale Libby nel pianeta verde.

 #reggaerevolutionit

 

RASTAFARI ROOTS FEST 2016 - GIAMAICA - Reportage

LINK https://www.facebook.com/386328728120023/photos/?tab=album&album_id=1153737464712475

 

 

Il Reportage Completo è sulla pagina ufficiale di Fb negli Album

Guarda qui su facebook.com/reggaerevolution.it/

 

Domenica, 18 Settembre 2016 19:28

ONE LOVE REGGAE FESTIVAL VIDEO REPORT 2016

Scritto da

La stagione dei grandi appuntamenti estivi ormai agli sgoccioli ci ricorda il percorso fatto rincorrendo le tappe che il raggae italiano e internazionale hanno voluto regalarci anche quest’anno. Un 2016 carico di tante novità, artisti emergenti in fusione perfetta con figure storiche della nostra musica hanno acceso i palchi più gettonati di festival ed eventi.

L’atmosfera, le attività, i profumi e colori ritrovati o scoperti hanno sempre il potere di far respirare aria pura e rigenerante!  Non potevamo di certo mancare!
Reggae Revolution si è smembrata per arrivare a toccare posti tra i più disparati e raccogliere materiale da condividere con voi, la massive che continua a spingerci e migliorare e gonfiare la nostra passione.


Dall’Italia alla Las Palmas non ci siamo mai fermati e allora ecco a voi un primo assaggio del nostro tour. ONE LOVE REGGAE FESTIVAL!
Dal 20 al 24 Luglio il Camping Girasole presso Latisana (UD) ha ospitato il festival e ci accolti come da abitudine con grande entusiasmo e affetto. Ne approfittiamo per ringraziare di nuovo tutto lo staff del campeggio e del festival per averci coccolato anche in questa occasione!


Artisti come Yaniss Odua, Morgan Heritage, Harrison Stafford & The Professor Crew, Chronixx, Etana, Jesse Royal e tanti altri hanno piacevolmente consumato tutte le nostre energie. Conoscere e rincontrare certe personalità ripagano tutti gli sforzi con emozioni impagabili e uniche.


 Di seguito vi mostriamo il reportage del festival ma vi ricordiamo che nella sezione Gallery del nostro sito troverete anche tutte le foto e video messaggi dei big per tutti i loro fan!
Prossima tappa del tour estivo RR… Campovolo! Check it!

 

ONE LOVE REGGAE FESTIVAL VIDEO REPORT 2016



Empress Lelé

Dopo aver documentato con un reportage il primo Festival legale World Cannabis Cup 2016 poi è stata la volta dell'Herb Curb, la ganja yard al Rebel Salute, che trovate pubblicate ancora nella gallery.

Il terzo Festival che visitiamo è la tredicesima edizione del Steppin High Ganja per la prima volta legale grazie ad un permesso rilasciato dal governo giamaicano dopo il cambiamento di direzione della legge sugli stupefacenti.

La Giamaica grazie a questa mossa a confermato il marchio internazionale “ Ganja” e lo promuove con festival in cui si respira aria salutare, inoltra rafforza gli introiti e l'occupazioni grazie alla qualità tanto decantata nelle canzoni reggae, diventa poi un lavoro per sempre più persone.

La migliore cresce nel Westmoreland, è Negril la località turistica diventa dunque la capitale delle manifestazioni in cui la si promuove .

Oltre al permesso governativo più che la polizia sono le comunità rasta locali a cui bisogna chiedere l'autorizzazione preventiva.

 

 

GUARDA STEPPIN HIGH GANJA FESTIVAL 13esima Edizione

 

E' l'artista del momento e non potevamo farcelo scappare. Sta vivendo un anno 2016 dolce ed amaro. Dolce perchè è il più seguito in questo momento grazie alla sua My Dream diventata un inno non solo per partiti politici ma è sentito da tutti gli amanti sull'isola e non. La canzone è scritta su ispirazione di “I have a dream “ di Martin Luther King.

Anno amaro perchè il giovane artista ha subito una perdita gravissima. Sua moglie è morta da poche settimane dopo una lunga e sofferta malattia.

Le foto, bellissime scattate dal nostro Libby in uno dei locali che sta dettando un trend a Negril, il Barboon Beach che ringraziamo per la collaborazione.

Vi invitiamo a guardare la Gallery Esclusiva, cose che solo Reggae Revolution riesce a fare e costantemente e che propone tutte le manifestazioni in Jamaica con album dedicati ad artisti di punta del reggae e della dancehall.

 

GUARDA - NESBETH - FOTO GALLERY ESCLUSIVA

 Foto by Libby " Liklle Italy"

L'ultima Gallery, quella più attesa del Rebel Salute 2016, il reportage della yard dedicata all'uso medico e industriale della canapa volutamente abbiamo deciso di far uscire per ultima.

Dopo la legge approvata da 6 mesi circa sull'isola, il Rebel ha avuto l'utilizzo ad uso spirituale essendo un Rasta festival. Si fuma liberamente d avere addosso 2 once a testa ma attenzione dove c'è troppa gente la polizia fa la multa.

Il motto è “Excuse Me While I Light My Spliff” lo si fa rispettando gli altri con educazione massima.

Simile ad una fiera sulla canapa, sono arrivati produttori diretti e dall'estero le maggiori novità con macchine al butano per estrarre il nettare per gli herbalist.

La tecnologia ha schiacciato gli strumenti manuali ?

Niente affatto ad ogni marchigegno tecnologico come sigaretta elettronica o vaporizzatore nello stand affianco la risposta naturale, tanto da stupire ancor di più.

Vaporizzatori a carbone senza contatto con i fiori per noi la risposta più efficace all'ultimo ritrovato con regolazione di temperatura manuale.

Interessante invece sotto l'aspetto delle qualità.

Tony Rebel aveva promesso che si potreva fumare la ganja di ogni Parish.

Così è stato, quella del wesmoreland qresta la migliore.

La vincente del primo Cannabis Cup svoltosi qualche mese prima a Negril ha oggi una nuova associazione e la novità è una qualità più simile a quella indoor ma cresciuta con mix lampada sole sempre sull'isola.

Interessante inoltre vedere come i prezzi sono saliti alle stelle per qualità migliori meno comuni. Oggi con 100 Jay si compra ancora uno spliff ma sempre più di bassa qualità.

 

HERB CURB - LA GANJA YARD DEL REBEL SALUTE 2016 - Reportage Esclusivo

Foto by Libby Likkle Italy - RR Family

Sabato, 13 Febbraio 2016 15:08

BACKSTAGE REBEL SALUTE 2016 – LE FOTO in Esclusiva

Scritto da

Le foto di tutto quello che è avvenuto in due nottate di musica e cultura targato Giamaica al Rebel Salute. Le più caratteristiche perché è la massive l'obiettivo principale e come contorno tutto ciò che accade nel backstage.

Con noi anche parte della crew del Rototom Sunsplash con cui abbiamo condiviso alcuni scatti.

Grazie a Libby il nostro secondo fotografo accreditato, potrete vedere da una visuale inedita cosa accade in un festival di rilevanza internazionale.

Buona visione in attesa del Herb Curb l'ultimo reportage esclusivo di Reggae Revolution dedicato al Rebel Salute

 

VEDI QUI LE FOTO DEL BACKSTAGE DEL REBEL SALUTE 2016

 

foto By Libby Little Italy

 

 

Vedrete le foto della serata più interessante del Rebel Salute 2016. Siamo nella seconda giornata e nel pomeriggio è stata aperta finalmente la Herb Curb la yard dedicata alla ganja dove Tony Rebel è riuscito ad avere l'autorizzazione a promuoverla.

Inoltre vi mostremo la spiaggia ricavata per la prima volta quest'anno. Successivamente pubblicheremo le foto del Backstage e della Herb Curb.

 

Recensione

La stanchezza si sente, dopo aver fatto le 10 della mattina, ma tutti pronti a vivere la seconda giornata quella più interessante. Subito scopriamo che non saranno tanti quanto la sera prima gli artisti che dovranno esibirsi dunque le session di conseguenza più lunghe.

E' Ken Boothe il primo a riscaldare l'umida nottata, segue il figlio di Peter Tosh e Pablo Moses.

Gli The Abyssinians spaccano alla seconda con Sattamassagana, la voce storica è una forza della natura si muove e canta come se avesse vent'anni. E' chiaro che contribuisce l'energia del Rebel ma Bernard Collins si ferma è racconta che sono stati i primi ad introdurre nei testi l'amarico lingua dell'etiopia. La storia del rasta reggae è sul palco brividi ad ogni canzone che segue.

Inaspettata a questo punto l'esibizione di I-Octane che fa saltare la gente dalle sedie nella zona vip. I-Octane lo scorso anno ha chiuso il Sumfest ed è una sua esibizione è all'ltezza dei grandi. E' cresciuto molto fino ad essere una giovane star di primo piano.

Si sente la musica di Medical Marjuna card è lui Makka B che dalla prima tune, una herbalist hit, proprio nella prima volta del Rebel Salute apre la Herb Curb, ciò dimostra con che spirito abbia lavorato Tony Rebel nell'organizzazione del festival.

Sempre grande Maka ed ottima risposta della massive che rivede un suo beniamino che vive in UK.

E' la volta della reginetta del Rebel Salute, ma dov'è ?

Si sente la sua voce ….il palco è vuoto. Chi alza la testa per primo grida, eccola in aria sollevata da una gru cantare tranquillamente. Dolcemente si posa sullo stage per continuare l'esibizione. Vi consigliamo il video girato dal nostro Marco Polo

Poi giunge Beres Hammond ed è il momento clou della serata. Lui è sempre presente nel backstage. In tutti e due i giorni si mette nel retro dello stage e si siede con un gruppo di amici ad ascoltare il festival.

Questo suo amore per il Rebel lo si avverte immediatamente quando inizia lo show. Alla terza canzone già cantavano tutti, Beres aveva come coro l'intero Rebel Salute, qualcosa di incredibile.

Ogni song cantata praticamente assieme al pubblico, incredibile.

Con Sabrina del Rototom presente nello stage siamo rimasti incantati da Dada Beres per il suo atteggiamento fantastico. Poi l'entrata di Marcia Griffith il momento magico.

Sicuri che non ci saremo annoiati esce Mavado nel passaggio dal buio alla luce. Non si esibisce in Jamaica da 2 anni, da quando è andato a vivere negli States.

Un altro colpo di Tony Rebel che lo fa venire come Mike Brooks cosciente di non poter cantare bad tune. Questa è un'altra cosa speciale che avviene solo qui. Gli artisti dancehall non hanno lo stage name ma quello vero in rispetto al festival rasta. Non si vende alcol e non si mangia carne un esempio da seguire.

 

Ora la grande chiusura ma nessuno aveva fatto i conti con Hal Pint. Dopo lo show di Movado nessuno credeva si potesse fare di più ed invece benvenuti al Rebel Salute alzatevi da sedie e ballate e cantate alle 8 della mattina perche la musica fa la differenza.

Hal Pint non lo si vedeva da tempo ma nessuno immaginava che fosse così in forma da travolgere e far dimenticare lo show precedente.

Ha avuto problemi ma sono dietro le spalle, ad ogni canzone viene bloccato dalla voce delle trombette e deve fare un pull up.

Non ce ne vogliamo andare nonostante siano 12 ore e più di show vogliamo vedere la fine e speriamo in un extra time.

Half Pints ci ha lasciato esterefatti e pieni di energia tutti i superstiti di una due giorni e la chiusura resta a Turbulence in forma ma il tempo è finito non ha modo di riscaldarsi, poche canzoni e festival chiude. Peccato ….

 

 

VEDI TUTTA LA GALLERY del REBEL SALUTE 2016 JAMAICA – SABATO

 

Presto la Gellery dell'Herb Curb e del Backstage

foto by Marco Polo- likkle-but-tallawah.com - RR.it Crew

InizioPrec123SuccFine
Pagina 1 di 3