Lunedì, 15 Settembre 2014 00:00

DOPO 100 ANNI DI OPPRESSIONE ARRIVA LA DEPENALIZZAZIONE

Scritto da 
I Rasta faranno sentire il suono dei tamburi nyabinghi in segno di vittoria per tutta l'isola. Il momento è vicino. Per oltre 100 anni perseguitati non hanno mai invocato la legalizzazione ma l'uso consapevole per pregare o condividere celebrazioni ufficiali con i propri fratelli.
Ne è testimone Bunny Wailer che ha preso le redini del movimento chiedendo al governo il pieno riconoscimento ad uso religioso. La proposta dei Rasta è stata accolta.
Proprio lui descrive la sua esperienza passata, ma d'ora in avanti non avrà più timore di guardarsi le spalle quando accenderà il suo chalice (pipa ad acqua celebrativa). Non ci sarà più un caso Mario Deane o Bunny Wailer.

I Tentativi precedenti si sono tutti spenti difronte ai trattati internazionali che avrebbero portato sanzioni da Washington. Ma ora, con un numero crescendo di stati americani che hanno emanato leggi proprie per la marijuana ad uso medico. In Colorado e Washington è permesso anche un uso ricreativo.

Il ministro della Giustizia Mark Golding dice che il Gabinetto della Giamaica ha già approvato un piano per depenalizzare la marijuana, anche per scopi religiosi, i legislatori prevedono sarà firmato prima della fine dell'anno.

La libertà di utilizzarla per il culto religioso è uno dei vari emendamenti al Jamaica’s Dangerous Drugs Act, sostenuto dal primo ministro Portia Simpson Miller.

I suoi ministri hanno inoltre proposto la depenalizzazione di piccole quantità per uso personale, nella quantità di due once non sarà considerata vendita.

La speranza principale è rivolta tutta sulla marijuana medica ed il settore della ricerca scientifica. La La qualità rinomata potrebbe aiutare ad attirare investimenti sull'isola ormai a corto di liquidi.
 
Letto 707 volte