Mercoledì, 02 Marzo 2016 12:45

TRAIN TO ROOTS - HOME

Scritto da 

Avevamo lasciato i Train To Roots col video di Policegun e col nuovo singolo Nuh push, entrambi presenti nel loro quinto album, Home, che segna il ritorno sulla scena della band sarda. In arrivo il 4 marzo, il disco sarà pubblicato per la INRI e distribuito in Europa da Music First, mentre nel resto del mondo sarà distribuito dalla storica etichetta reggae VP Records.

L’elettronica diventa sempre più una costante tra le sonorità della band sarda che, tra reggae e dancehall, si circonda di tanti amici in queste undici tracce del nuovo lavoro.

E allora partiamo subito per questo nuovo viaggio, anzi facciamo ritorno a casa con One Light: un mix tra il rootz e la bass music con sprazzi di digital dancehall che rendono il tutto ancora più ballabile.

Tempo di rocksteady con Mister Officier che conferma la forza della band nell’utilizzo dell’italiano e del patois.

Il primo featuring vede Clementino, il rapper napoletano, portare il suo flow su Quello che non hai, a prova di quanto il reggae venga contaminato dall’hip-hop e dai beat, un amalgama ben riuscito che porta i Train To Roots a essere apprezzati anche da chi non è  un purista del reggae.

A seguire un altro featuring col conterraneo MADH in Nuh Push, che era da poco uscito come video e vede la band reggae tornare a collaborare col talento di Xfactor, dopo essere stati ospiti nel suo album Madhitaion.

I cori in pieno stile anni ‘70, come in Dipende da te o Fantastica (dai fiati eccezionali), rendono il tutto ancora più accattivante e piacevole.

Delicata e raffinata è Woman, quasi soul, che vede la compagna di etichetta Levante e che è una vera e propria chicca di Home. Procediamo con Link a Dog, in compagnia di Lion D che sottolinea come i sette sardi riescano a far sposare bene i ritmi in levare con l’elettronica.

Si riservano per la fine i momenti più spinti (Step Up) e danzerecci, ma che allo stesso tempo fanno riflettere (Policegun) e un featuring internazionale con gli spagnoli Aspencat e Auxili in Bienvenida.

Ad arricchire questo ottimo lavoro troviamo The Kiss, l’opera in copertina realizzata da Giorgio Casu, artista di fama mondiale.

 

 

Letto 951 volte

Articoli correlati (da tag)