Giovedì, 08 Ottobre 2015 07:28

BUNNY WAILER È GUERRA CON I MARLEY: A QUANDO LE SCUSE UFFICIALI

Scritto da 

Increscioso incidente proprio nella casa donata dal patron della Island Records, etichetta discografica fondata nel 1959 da Chris Blackwell. La stessa residenza dove crebbero Bob  Marley ed i  Wailers trasformatasi poi nel museo, proprio in questa location, Bunny Wailer viene scacciato malamente la scorsa settimana.

Una scintilla che innesca la guerra di odio tra le due parti che da tempo ormai si protrae. La Faida iniziata  dopo la morte di Bob per i diritti discografici finendo ad i giorni d’oggi con la marca di Ganja intitolata al re del reggae e non condivisa da Bunny.

 Ma vediamo nel dettaglio cosa accade

Jah B,  l'unico Wailer in vita  è stato cacciato dai locali Mercoledì scorso da hope road con la forza.

subito dopo Bunny denuncia  come una guardia privata del museo lo abbia fatto allontanare dalla struttura a malo modo.

A seguito della saga, il Museo di Bob Marley ha rilasciato una dichiarazione che recita in parte;

"Sotto la direzione dei funzionari della sicurezza locale, tutti i clienti ed il personale sono stati informati che i tour sarebbero stati sospesi dalle 11:15 per facilitare la sicurezza causa  l’arrivo del Primo Ministro del Giappone e l'Onorevole Portia Simpson Miller."

Il manager di Bunny Wailer Maxine Stow spiega che se il museo è a conoscenza che i primi ministri della  Giamaica e il Giappone erano in arrivo, in primo luogo le persone non dovrebbero essere proprio autorizzate ad entrare.

Bunny Wailer e il suo team stanno insistendo che sia giustificato ricevere le  pubbliche scuse dai amministrazione del museo oltre sollevare la guardia delle sue funzioni presso la struttura.

Oltre a Bunny  molti turisti erano presenti alcuni dei quali gli scattavano  foto,  visto che non si aspettavano di incontrarlo li.

Poi  si è avvicinato un uomo della security, che ha iniziato a spingerlo fino a farlo allontanare . Senza dare alcuna spiegazione l’artista giamaicano è stato per  la prima volta trattato cosi nella casa del suo fraterno amico

“Al signor Neville Livingston  gli è stato chiesto di andare via ma ha reagito in maniera scomposta, colpendo anche fisicamente uno dei membri della security. Sappiamo quanto questo signore da tempo minacci e offende la famiglia Marley” si legge nel comunicato ufficiale.

Bunny invece sostiene di essere stato aggredito, motivo per cui giorni dopo attende ancora le pubbliche scuse dal Museo di Marley Bob.

 

Letto 863 volte