Giovedì, 03 Settembre 2015 20:42

Intervista esclusiva al produttore Andrea Di Maria

Scritto da 

Ciao Andrea, il Bud Organizer Riddim è il secondo lavoro discografico, com’ è nato?

Il Bud Organizer Riddim nasce dall'incontro e la collaborazione con il Lion Pow Sound, una crew brianzola molto attiva sul territorio. Volevamo fondere le competenze di me produttore e musicista appassionato di reggae music con le competenze di due dj e un mc amanti della dancehall: il risutato lo potete ascoltare e spero sia di vostro gradimento.

 

Quali sono le differenze rispetto alla prima produzione ’60 Riddim?

Il '60 riddim è stata un produzione “alla vecchia maniera”, abbiamo registrato tutto interamente in studio con l'ausilio della Beska Roots, band con il quale collaboro da parecchi anni; il Bud Organizer, invece, è un prodotto quasi del tutto digitale e prodotto al pc.

 

Tra gli artisti che hanno partecipato c’è il giamaicano Skarra Mucci, un buon traguardo raggiunto vero?

Si, grazie alla collaborazione con il Lion Pow Sound, abbiamo avuto l'onore di ospitare un artista del suo calibro; personalmente sono più interessato a produrre artisti italiani, ma di sicuro in termini promozionali le produzioni straniere fungono di più da calamita per guadagnarsi le attenzioni del pubblico.

 

Tu sei un musicista, perché la scelta di fondare l’etichetta discografica Rising Time Production e come mai hai scelto questo nome?

l'etichetta nasce dalla voglia di pormi una nuova sfida personale in cui convogliare tutte le mie esperienze passate, musicali e non. Il nome è stato scelto perché volevamo richiamasse qualcosa di positivo ed esprimesse il concetto di “lavorare per risollevarsi”.

 

Ci sono già delle novità musicali o sei impegnato solo nella promozione di questo ultimo progetto?

In agosto siamo stati impegnati alle riprese di un videoclip che uscirà ad ottobre, per la regia ancora una volta di Bruno Luca Perrone. Il brano in questione è la cover di “Caution” , un brano di Marley interpretato in questo caso da un'artista con cui collaboro da diversi anni: Sista Giuly.

 

Letto 846 volte