Giovedì, 16 Luglio 2015 15:40

VIBRONICS - THE RETURNS OF VIBRONICS

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il titolo del nuovo lavoro dei Vibronics parla chiaro, “The Return of Vibronics” segna il ritorno sulle scene di Steve Vibronics e soci che pubblicano questo nuovo album per l’etichetta inglese “Scoops”.

Il collettivo di Leicester produce undici nuove tracce, alcune delle quali con featuring importanti a colorare il dub della formazione inglese.

Partiamo subito con la prima traccia, la conscious”Don’t Follow Babylon” con alla voce Soom T che si mette in luce per la misticità delle canzoni che ha sempre contraddistinto le produzione made Vinbronics.

La prima parte del disco è composta da tracce con ospiti, come la piacevole “Searching for Jah”, arricchita dalla presenza di Michael Prophet, che dà ancora più lustro ad una traccia di per sè già bella, o la successiva “Dub You Ready” con un altro storico artista della scena reggae inglese: Macka B.

Danman contribuisce con la sua voce in “Tribulation Dub”, mentre la ritmica più movimentata di “Babylon is dubbing” è arricchita dalla voce inconfondibile di Manu Messenger .

A chiudere il cerchio delle tracce con i featuring ci pensa “Jah Jah Dub” feat  I-Mitri.

Le restanti cinque tracce sono strumentali, dal caratteristico suono dub che ha contraddistinto negli anni i Vibronics rendendoli famosi in tutto il mondo; i bassi profondi caratterizzano “North & South”, “Divine Intervention” prosegue sulla stessa scia senza deludere, meno incisiva “Dub Observer”  ma allo stesso tempo con carattere.

E come finale “Humble One” e “Strengh & Power” che completano, così, il ritorno dei Vibronics.

“The Return of Vibronics”, a tre anni dal precedente “The French Connection” ci rimanda I Vibronics in forma smagliante, un album che mette in luce tutta la potenza, la spiritualità e i testi impegnati di una formazione che non è seconda a nessuno.

Bentornati Vibronics!!

 

 VIBRONICS - THE RETURNS OF VIBRONICS

 

 

Letto 1010 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Luglio 2015 17:19