Giovedì, 07 Agosto 2008 00:00

LA POLIZIA JAMAICANA MESSA CON LE SPALLE AL MURO SULL’OMOSESSUALITÀ

Scritto da 

La Jamaica è sotto pressione internazionale per la sua tendenza sociale ad essere aggressiva ed a non rispettare i diritti umani fondamentali in particolare quelli dei gay.

Dopo il Canada che minacciò pochi mesi fa di impedire le vacanza ai propri concittadini sull’isola del reggae, ora la frustata arriva dal Messico dove si sostiene che la polizia è intollerante con gli omosessuali.



All’interno della conferenza internazionale sull’AIDS la Jamaica si è vista strigliata come mai accaduto ed è stata definita: "una società omofoba che discrimina gli omosessuali"

Robert Carr direttore del Caribbean Vulnerable Communities Coalition (CVCC), del tutto inaspettatamente ha usato una presentazione di PowerPoint per dipingere graficamente un quadro della Jamaica come un paese in cui poliziotti attaccano e scacciano gli omosessuali e dove si va dalla polizia per segnalare crimini contro di loro.

A consolidare la sua tesi ha mostrato una recente foto della manifestazione gay avvenuta poco tempo fa in Half-Way-Tree, St Andrew. La foto mostra la polizia che detiene armi in assetto di guerra .
"In un contesto in cui la gente ha negato la violenza omofoba, la polizia invece si armata fino ai denti, cosa che è stata filmata dai media ", ha dichiarato.

Non è stato immediatamente chiaro il motivo per cui la conferenza che aveva come tema l'AIDS è stata utilizzata per fornire un forum per gli omosessuali, ma Carr ha sostenuto che vi sono state violazioni dei diritti umani.
Carr, che è anche un professore incaricato presso l'Università del West Indies, era armato con ritagli di giornale e foto a sostenere la sua presentazione ai delegati presenti al International AIDS Society (IAS) XVII Conferenza.

Sotto la voce "interventi strutturali per sfidare la violenza omofoba in Giamaica", Carr ha delineato però anche un recentemente cambiamento di atteggiamento verso gli omosessuali, rilevando che finalmente si sta lavorando con i leader civili e membri del governo, attraverso l'avvio di campagne mediatiche e con il supporto dei membri della Chiesa cattolica.

Ha citato un racconto apparso sull’ Observer intitolato 'All'interno di una chiesa gay' - lettera al redattore, che tra le altre cose, definisce l'omosessualità "contraria alla legge naturale". Prova dell’intolleranza del paese nei confronti degli omosessuali.

Inoltre, la violenza e la discriminazione contro gay si ritrovano nella musica popolare. La polizia spesso si è rifiutata di aiutarli, quando coinvolti in violenti attacchi, gli omosessuali hanno cercato rifugio presso le loro stazioni. Quando i politici sono stati interpellati, la loro risposta è stata che la Jamaica è stata un paese cristiano.

Comunque è stato riconosciuto che la situazione è più promettente ora rispetto a quattro anni fa, sulla base della risposte favorevole inviata al Forum per lesbiche, All-Sexuals e Gay guidato da (J-FLAG). L’associazione aveva ricevuto una lettera scritta dal Commissario di polizia Hardley Lewin.
Nella lettera, c’era una promessa di cambiare la cultura delle forze di polizia, ammettendo la loro responsabilità e di proteggere nel futuro i diritti di tutti gli uomini.

Mr Bigga Reggae Revolution Crew

Letto 753 volte