Lunedì, 04 Maggio 2020 07:00

RAS HOBO SCRIVE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO: "FARE MUSICA È UN LAVORO, NON UN HOBBY".

Scritto da 

Ci uniamo alla lettera di protesta di Mariano Caiano in arte Ras Hobo, dopo il vergognoso episodio accaduto in epoca Covid, durante un fermo del batterista della nota band “Ponzio Pilates” .

La frase infelice pronunciata dall'operatore dello stato fa scattare la reazione del cantante napoletano tanto da spingerlo a scrivere una lettera a Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio.

Quello che è accaduto fa assolutamente riflettere sulla triste situazione del mondo dello spettacolo. Anche se le priorità sono per le cosiddette "cose utili”  quanto tempo passerà prima che riaprirà l'intero settore ?

Durante l'intervista telefonica, siamo venuti a conoscenza della probabilità che la macchina dello spettacolo possa mettersi in moto non prima della primavera 2021.

Ci ha raccontato inoltre per filo e per segno, cosa ha fatto scattare l'impulso di scrivere al Presidente del Consiglio

 

I FATTI :

“Fare il musicista non è un lavoro, ma è un hobby”.

Questa infelice frase è stata pronunciata da un carabiniere che -per un controllo- ha fermato il batterista della nota band “Ponzio Pilates” e lo ha multato contestandogli la motivazione “lavoro” per il suo spostamento dovuto al recupero dei suoi strumenti musicali necessari a creare video dirette per social, oltre che per studiare. 

Tanto è accaduto il 28 aprile scorso in Romagna. 

 

Ras Hobo non è rimasto per niente indifferente a tale episodio al punto che, stizzito (e non poco), ha deciso di scrivere una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Viserba.

L'artista reggae, da anni sulle scene italiane “in levare”, consapevole che il suo messaggio forse non sortirà alcun effetto (data la mole di lavoro che il Presidente del Consiglio sta affrontando in questi giorni particolari) ha voluto comunque esprimere il suo profondo rammarico per la concezione che non pochi hanno sulla professione di musicista.

Ras Hobo questa volta ha deciso di “cantargliele” così e per tutti i Fratelli e Sorelle che hanno fatto della Musica il loro LAVORO.

 

Questa la lettera inviata da Mariano Caiano aka Ras Hobo al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Viserba

 

Letto 286 volte