Giovedì, 02 Maggio 2019 16:42

MUORE JAH STITCH PIONIERE DEL RAGGAMUFFIN' – RIPERCORRIAMO LA STORIA

Scritto da 

Il cantante reggae giamaicano Jah Stitch è morto a Kingston domenica all'età di soli 69 anni, dopo una breve malattia.
Ricostruiamo la sua carriera toccando i punti salienti per far comprendere a chi non lo conoscesse chi era e per chi vuole approfondire, come e perchè divenne un Pioniere di uno stile il Raggamuffin' allora esclusivo dei sound system.
Attenzione, stiamo per viaggiare indietro nel tempo agli albori del Toaster e DJ style.

BIOGRAFIA
Nato nel 1949 a Kingston, James vero nome di Jah Stitch, è cresciuto con una zia in un villaggio rurale in St Mary, nel nord della Giamaica. Sua madre adolescente non aveva i mezzi finanziari per prendersi cura di lui. Più tardi la raggiunse nell'animata Papine ad est di Kingston.

Non andava d'accordo con padre acquisito che lo portò ad andare via di casa ed unirsi ad una comunità di emarginati che vivevano in un yard nel cuore del centro della capitale ,
In pieno territorio del Partito Nazionale del Popolo, controllato dalla famigerata Spanglers gang.
James ne diventò un affiliato a soli 11 anni.

Era il momento in cui lo Ska e il Rockstady lasciavano il posto al nuovo stile reggae nella nascente scena musicale di Kingston, il giovane James diventò un appuntamento fisso delle danze dei sound system.
Traeva la sua più grande ispirazione dalle selezioni di Studio One presentate da Prince Rough su Sir George the Atomic, in Jones Town
Amava sentire al microfono di Dennis Alcapone su El Paso,  più a ovest verso il Waltham Park Road.

Era il periodo di massima diffusione dei Sound System ed ogniuno aveva il proprio territorio.

Nella sua adolescenza, James si appassiona con un nuovo sound system detto Fingertone, creato da un uomo importante un tale Finger.
Successivamente, rinominato Tippertone era conosciuto per i dub plates esclusivi che aveva, in particolare del catalogo Studio One.

Stitch aveva acquisito grande abilità, con sequenze e tempismo nel selezionare.
Le fans femminili gli diedero il soprannome Stitch perché era  vestito in modo impeccabile ed elegante. Con l'adesione al movimento RastafarI, cambiò nome in Jah Stitch.

Nei primi anni '70, Tippertone aveva  lanciato  Big Youth e Doctor Alimantado,  Stitch e Big Youth divennero fratelli . Avevano punti in comuni per via del focus Rastafariano e per la livity .
Tuttavia, le controversie finanziarie spinsero Stitch a lasciare Tippertone e passare al nuovo Black Harmony, creato da un amico in Ninth Street nella Greenwich Farm.

Quando Stitch inizio a muovere i primi passi per incidere nel 1975, Big Youth allora come artista discografico era già famoso. Ma Stich sorprese tutti.
Iniziò con il botto, dando la voce a due canzoni di successo nello stesso giorno: “Danger Zone” con Errol Flabba Holt e “ Killer” per il produttore di successo Bunny "Striker" Lee, con il quale ebbe una fruttuosa collaborazione

Come e perchè  ? -  Bunny Lee, credeva in lui e metteva Stitch in cima ai riddim di successo di Horace Andy, Cornell Campbell e Johnny Clarke,
Lee ha prodotto brani Stitch come “Greedy Girl” e “Give Jah the Glory”, mentre “Strictly Rockers” e “Judgment” sono stati pubblicati dal socio visionario Yabby You.

La carriera di Stitch sembrò inarrestabile fin nell'aprile del 1976,  quando sorse un problema lo  scontro tra Black Harmony e Tippertone.  I due sound rivali si fecero la guerra e Stich si trovava proprio nel mezzo.

Black Harmony si era trasferito in una brutta zona chiamata Fletcher's Land, dove alcuni residenti erano invece del partito Laburista della Giamaica, attirando l'indignazione di alcuni degli ex compagni di Stitch all'epoca del Tippertone.

Un pomeriggio Chancery Lane, un membro degli Spanglers chiese a Stitch di abbandonare definitivamente Black Harmony.
Al suo rifiuto, l'uomo cerco di pugnalarlo con un coltello. Respinto la prima volta dopo una breve colluttazione, riapparve con una pistola.
Stitch messo alle corde in un bar dietro il negozio di dischi dei Wailers su King Street fu sparato con la canna dell'arma da fuoco in bocca.

Ricoverato per quattro mesi, ritornò con una fame di incidere impressionante, dichiarando di aver prodotto 19 canzoni in meno di un'ora per Bunny Lee.

Il suo album di debutto del 1976, “No Dread Can not Dead”, celebrava in pratica la sua sopravvivenza ed intanto cresceva l'interesse per lui in Gran Bretagna;

Watch Your Step Youthman (1977) e Moving Away (1979) consolidano la sua reputazione, il primo con testi sulla volubile situazione politica dell'isola come  in “Dread Inna Jamdown”, “The Rod of Correction” e “Under Heavy Manners”, quest'ultimo proclamando la sua individualità.

Jah Stitch nel 1977 va in tour in Gran Bretagna, in particolare all'Hammersmith Palais con John Holt e Johnnie Clarke, supportati dalla band Black Slate.

La sua produzione si ridusse nei primi anni '80, poco prima di diventare il principale silecta del de Youth Mining di Sugar Minott con Yami Bolo, Nitty Gritty, Tenor Saw e Daddy Freddy.

L'album retrospettivo Original Raggamuffin  targato Blood and Fire gli da nuova visibilità ed un nuovo pubblico nel 1996, portandolo in Austria per esibirsi al festival artistico Steirischer Herbst.

L'anno seguente,  apparì nel film di Don Letts e Rick Elgood,  dal titolo Dancehall Queen, interpretando una parte secondaria ;
Elgood lo scelse per la serie televisiva del 2009, “Mi e Mi Kru”.
Due anni dopo, è apparso in una campagna pubblicitaria delle scarpe Clark.

Negli ultimi anni faceva da coach a talenti nascenti al Song Embassy, vicino Papine.

Fonte : theguardian.com / by David Katz

 

 

 

 

Letto 264 volte